domenica 3 giugno – ore 11
Sala Irenea

Abir – “profumo” in palestinese – è una giovane di Qalandya che sogna un futuro da giornalista per poter sostenere la causa del suo popolo. Sorridente e sicura di sé partecipa, come ogni venerdì, a una manifestazione pacifica nel villaggio di Bil’in contro la costruzione del muro il cui tracciato sottrarrà agli abitanti il 60% delle terre coltivate a ulivi. L’invito di Abir è a non lasciarsi spaventare e le donne del villaggio mostrano ai soldati, schierati per proteggere il cantiere, di non avere paura.

Gran premio della Giuria Guido Boccaccini al Piemonte Movie Festival 2008: “Per averci dato una testimonianza umana, sociale, politica e storica di una forza e di una voglia di vivere sconvolgente. Per averci ricordato che esiste una maniera di fare cinema in cui la camera è uno strumento a servizio della realtà e dell’informazione”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.