Le domande delle domande | Cinzia Picchioni

Invece di fare-fare-fare, ancora, come se non stesse succedendo quello che sta succedendo, proviamo a riflettere su ciò che non possiamo fare. Può esserci d’aiuto un libro.

Picchioni domande
Ritratto di Cinzia Picchioni: Enzo Gargano

Thorwald Dethlefsen e Rüdiger Dahlke (nel loro libro Malattia e destino, Mediterranee, Roma 1986-2000, un long-seller imperdibile) ci insegnarono ad affrontare le malattie – ma anche le cose «negative» che ci capitano. 

Chi di noi (io c’ero) cercava, allora come oggi, significati «altri» alle vicende della vita (fortuna/sfortuna) trovò in quel fondamentale libro una strada da percorrere. Oggi, di fronte alla sfida della malattia Covid-19, anche se non siamo direttamente malati, dobbiamo farci le medesime domande che gli autori consigliano di rivolgere a sé stessi:

Che cosa mi impedisce di fare il sintomo?

e

A che cosa mi costringe il sintomo?

 Cercando le risposte a queste due semplici domande scopriremo cose inedite di noi, della nostra vita, delle nostre relazioni. 
Provate a rispondere – possibilmente scrivendo, si può fare anche in gruppo –, e dopo la prima risposta continuate a farvi le stesse due domande, a scelta, come in un gioco del domino.

Esempio:

  • Che cosa mi impedisce di fare il sintomo (il Covid-19)? Uscire
  • Che cosa mi impedisce di fare il fatto di non poter uscire? Andare dal parrucchiere
  • Che cosa mi impedisce di fare il fatto di non poter andare dal parrucchiere? Tingermi i capelli
  • Che cosa mi impedisce di fare il fatto di non potermi tingere i capelli? Sembrare più giovane
  • Che cosa mi impedisce di fare il fatto di non poter sembrare più giovane? Ingannarmi sulla mia vera età
  • A che cosa mi costringe il fatto di non potermi ingannare sulla mia vera età? Mi costringe a guardare in faccia la realtà e mi insegna ad accettarla


E questo è bene!

Si può andare avanti per ore; si può applicare a ogni cosa, a ogni persona, a ogni vicenda, ci si può divertire anche con cose più leggere e meno impegnative. La legge è sempre la stessa.

Quello fatto è un esempio finito bene, nell’ottica dello yoga, una disciplina che mira a «togliere il velo dell’illusione, maya in sanscrito» e cerca di insegnarci a vedere le cose per come sono, eliminando l’ignoranza – avidya in sanscrito – che causa tutta la nostra sofferenza
In proposito sono lieta di condividere una «poesia per meditare» che mi è giunta in dono da una conoscente – secoli fa – che ringrazio ancora oggi.

È quel che è 

 di Erich Fried

È assurdo
dice la ragione
È quel che è
dice l’amore

È infelicità
dice il calcolo
Non è altro che dolore
dice la paura

È vano
dice il giudizio
È quel che è
dice l’amore

È ridicolo
dice l’orgoglio
È avventato
dice la prudenza

È impossibile
dice l’esperienza
È quel che è
dice l’amore


 Cinzia Picchioni (Milano, 1958) vive e lavora a Torino. È insegnante di yoga, scrittrice, mamma (non in questo ordine). Si occupa da anni dei temi legati a una vita più «leggera» sul pianeta Terra. Scrive recensioni librarie e articoli nei siti serenoregis.org e leviedeldharma.it.
Tutti i libri pubblicati dall’autrice

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.