Come riconoscere e contrastare l’hate speech

Incontri formativi online per docenti ed educatori

Nell’ambito del progetto “Odiare non è uno sport”, CISV organizza due incontri formativi sul tema dell’hate speech, o discorsi d’odio, online e offline.

Lo sport sembra essere diventato, sempre più, un’arma a doppio taglio: da un lato straordinario luogo di inclusione e aggregazione sociale, dall’altro fornace di discorsi e gesti d’odio, che la dimensione digitale potenzia e diffonde in modo esponenziale.

Secondo la ricerca Ue Kids Online il 41% dei ragazzi tra i 15 e i 17 anni ha letto messaggi d’odio o commenti offensivi diretti a individui o gruppi discriminati per il colore della pelle, la religione o il gruppo etnico di appartenenza. Non di minor conto le discriminazioni di genere, particolarmente rilevanti in alcune tipologie di sport, e quelle verso la disabilità.

Insieme ai partner del progetto, CISV ha creato percorsi formativi interattivi per far riflettere ragazzi, educatori e docenti della scuola secondaria sul fenomeno dell’hate speech (non solo nello sport) e fornire loro strumenti per difendersi.

Gli incontri si svolgeranno online attraverso la piattaforma Zoom in date e orari che saranno definiti a breve in base alle richieste dei partecipanti.

È possibile iscriversi anche a uno solo dei due incontri.

Primo incontro:

       L’odio sfuggente: definire l’hate speech (o almeno riconoscerlo) a partire da esperienze concrete. Relatrice: Ilaria Zomer, Centro Studi Sereno Regis.

Secondo incontro:

       Lavorare in classe sull’hate speech: strumenti didattici per percorsi educativi con i nostri studenti. Relatrice: Marianna Moretti, Educazione alla cittadinanza globale, CISV.

Per informazioni e iscrizioni: [email protected]

www.odiarenoneunosport.itwww.cisvto.org

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.