I giorni del massacro. Itri, 1911: la camorra contro gli operai sardi – Recensione di Maria Teresa Mana

cop Antonio Budruni, I giorni del massacroAntonio Budruni, I giorni del massacro. Itri, 1911: la camorra contro gli operai sardi, Carlo Delfino, Sassari 2011, pp. 144, s.p.

In questo libro l’autore rievoca un eccidio dimenticato che nel 1911 si è verificato a Itri, piccolo paese di contadini e pastori nella provincia di Caserta (oggi Latina), nelle vicinanze di Gaeta.

La camorra, appaltatrice dei lavori per la costruzione del tronco ferroviario Roma-Napoli, aveva assunto operai provenienti dalla Sardegna ai quali non solo pagava un salario inferiore a quello degli operai continentali, ma su questa misera paga in un secondo momento aveva preteso di imporre una tangente.

È a questo punto che i lavoratori sardi – sindacalizzati e forti delle dure lotte sostenute nella loro isola contro lo sfruttamento – in difesa dei loro diritti costituirono una «lega di difesa economica» per richiedere parità di stipendio con i lavoratori continentali e per rifiutare il pagamento della tangente alla camorra.

La camorra, che non poteva tollerare una ribellione così determinata alle proprie regole, mise in atto una strategia per espellere i sardi e ricacciarli nella loro isola: con la connivenza delle istituzioni locali fomentò l’odio verso i sardi che «rubano lavoro agli itrani» e ne diffuse un’immagine inquietante dipingendoli come violenti, stupratori e feroci sanguinari.

Un falso incidente innescò una brutale aggressione armata da parte degli itrani che, al grido «fuori i sardegnoli», costrinse i sardi alla fuga e provocò dieci morti e decine di feriti.

La tesi accusatrice nei confronti delle vittime da parte dei responsabili dell’eccidio fu mantenuta in modo determinato e sistematico anche davanti all’evidenza che le vittime erano solo sardi e questa linea aggressiva risultò vincente anche nel processo che si concluse nel 1913 con l’assoluzione piena degli imputati.

L’autore, nel ripercorrere questa storia, mette in risalto come i meccanismi presenti in questo massacro hanno precedenti storici molto simili avvenuti in Francia nel 1893, negli Stati Uniti d’America nel 1891: in entrambi i casi venne costruita un’immagine negativa degli italiani con la conseguenza di scatenare una reazione aggressiva nella popolazione locale fino a provocare massacri.

Nella Prefazione Gian Antonio Stella ricorda come gli stessi meccanismi presenti nel massacro di Itri si ripetano puntualmente anche ai giorni nostri, citando i drammatici episodi razzisti di Castel Volturno nel settembre del 2008 e di Rosarno in Calabria nel gennaio del 2010.

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.