Chernobyl Day: Non Dimenticare. Per non rivivere

Lunedì 26 aprile 2010 , in occasione del Chernobyl Day, il Movimento per l´alternativa al Nucleare, con l´adesione della RSU del Politecnico, organizza un dibattito al Politecnico di Torino alle ore 18.30, con proiezione di video significativi ed inediti.

Interverranno:
Luigi Sertorio (docente di Ecofisica all´Università di Torino) Futuro Sì,Nucleare No : scelte, spese, responsabilità
Pier Luigi Cazzola (Medicina Democratica Torino) Bielorussia 2010: epidemiologia delle basse dosi
Ernesto Scalco e Sara Mela (Progetto “Chernobyl” Caselle Torinese) Cooperazione Italia-Bielorussia: Accoglienza dei bambini di Chernobyl
Umberto Lorini (Legambiente Saluggia) Saluggia e le sue scorie nucleari

Il dibattito sarà trasmesso in streaming sul web. Si effettuerà un collegamento via Internet con gli eventi contemporanei in altre città
italiane.

Promotori e primi aderenti al Movimento per l´alternativa al Nucleare Ass Voglia di futuro – Torino -Medicina Democratica sezione di Torino – Centro Studi Sereno Regis – Ecoistituto del Piemonte “Pasquale Cavaliere” – Forum Ambientalista del Piemonte – PRC Regionale Piemonte – Sinistra Critica – PBC Per il Bene Comune – Rete Nazionale Antinucleare RNA – Commissione Ambiente PRC Torino – Associazione “il Girasole” – Coordinamento-Comitato NoTangEst – Generazione Cursi – Associazione Magna Charta – Delegazione Piemontese del Comitato Nazionale del Paesaggio – Pro Natura Torino – Gruppo 9 Agosto (Lecce) – Rdb Torino – Legambiente Napoli Centro Antico – Legambiente volontariato Ecopolis Torino – No Tav Torino

Se vuoi sapere di più sul Chernobyl Day 2010 e su tutto il resto http://www.docstoc.com/docs/document-preview.aspx?doc_id=35049199

Scarica il  volantino

1 commento
  1. Lucio
    Lucio dice:

    Concordo pienamente con quanto manifestato!
    Credo però che l'incidente di Fukushima sia di grado superiore sulla scala INES rispetto a Chernobyl e comunque parliamo sempre di disastri incomputabili.
    Proprio in questi giorni mia nipote mi ha domandato di Chernobyl! Le ho chiesto se era un argomento trattato a scuola e lei mi ha spiegato di aver appreso l’esistenza di Chernobyl da alcuni racconti ebook comprati per le vacanze: “Il racconto di Elena” e “Chernobyl scoppio alla centrale” di una autrice che si chiama Alessandra Pesaresi.
    Sono rimasto piacevolmente sorpreso perché non credevo che esistessero racconti per ragazzi tanto interessanti nonostante il difficile argomento. I giovani e i più giovani devono conoscere l'ambiente in cui vivono e respirano. Cordiali saluti.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.