Il caso Rwm, i comuni, la regione e l’azione del Comitato per la Riconversione

Il caso Rwm è emblematico di come funziona l’economia in assenza di regolazione o in presenza di regole drogate. Forse è più questo il caso. Se un ente politico-amministrativo non si occupa di orientare verso il meglio l’economia del proprio territorio, si disinteressa di fatto dello sviluppo della comunità e non incide sulla vita concreta dei propri cittadini. Anzi, finisce per far loro del male.

Portando il discorso nel concreto della realtà del Sulcis-Iglesiente, così deficitaria di occupazione e di impresa e così devastata da industrie fallimentari che hanno sottratto ricchezze millenarie e portato solo effimere illusioni, non fare una politica economica sostenibile e lungimirante significa condannare le comunità alla morte per asfissia.

Basta leggere le dichiarazioni dei sindaci di Iglesias e Domusnovas, Usai e Ventura e per vedere le prassi che i loro comuni hanno adottato rispetto alla presenza di una fabbrica di bombe da guerra nei territori comunali. Questi sindaci sanno che quelle bombe finiscono in mano ai paesi belligeranti in Medio Oriente o in Africa e anche a paesi europei che non si fanno problemi a usarle in guerre non loro, in giro per il mondo, in difesa, dicono, dei loro interessi nazionali, quando, in realtà, gli unici interessi che una bomba d’aereo può difendere sono quelli, affaristici, di chi la produce.

Eppure, anche se sanno e anche se si dichiarano (come tutti) per la pace nel mondo, non fanno nulla per espellere dai “loro” territori quel bubbone e per orientarne l’economia verso processi, servizi e manufatti che possano realmente costruire pace e futuro per i cittadini.

Quali sono i principi cui si fonda il loro agire politico? Quali le idee che camminano sulle loro gambe? Nella loro testa c’è il valore prioritario della pace stabilito, ad esempio, dall’art.11 della Costituzione: “L’Italia ripudia la guerra …”?

Tengono conto dell’art. 41 che, nel rimarcare la libertà dell’iniziativa privata, stabilisce, però, che ci sono attività incompatibili con l’impianto costituzionale: “L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana ”?

Si chiedono se per il bene dei loro cittadini e dei cittadini di tutto il mondo un fabbrica di bombe possa essere trattata alla stregua di una qualunque attività produttiva?

Sono queste le domande che il Comitato Riconversione RWM continua a porre da quando deve confrontarsi con degli amministratori che difendono la fabbrica a prezzo dei valori fondanti della civiltà giuridica di questo paese.

Sui giornali, affermano di rispettare in tutto la legge ma, di fatto, sono tra i primi responsabili di un’iniziativa che:

  • reca danni alla sicurezza dei cittadini (il piano di emergenza esterno non è più stato aggiornato dal 2012 mentre centinaia di tonnellate di esplosivo attraversano il territorio e un deposito di liquidi ad altissima infiammabilità, si trova a ridosso delle abitazioni a Sa Stoia);
  • si svolge in contrasto con l’utilità sociale contribuendo a sostenere guerre sanguinarie;
  • impedisce la libertà e colpesta la dignità umana, costituendo causa di emigrazione, di morte e  di mutilazione per migliaia di persone innocenti,
  • incide negativamente sul futuro del territorio, intaccandone la reputazione e intralciando, di fatto, alternative di sviluppo sostenibile;
  • inquina le menti e la cultura, generando atteggiamenti di chiusura verso “gli altri”, che non interessano perché lontani (il che, in un mondo interconnesso come il nostro, è, oltre che antistorico, anche ingenuo).

Qualcuno potrebbe obiettare che i comuni hanno scarsi strumenti per intervenire sulle scelte economiche dei privati ma se ci si documenta un po’ si scopre facilmente che c’è uno strumento che si chiama Piano Regolatore. A Iglesias, non si aggiorna dagli anni 80 mentre permetterebbe di attrarre certi tipi di investimento e allontanarne altri, salvaguardando territori e cittadini dallo sfruttamento sconsiderato e dall’abbandono. Analoga attività positiva potrebbe svolgere la regione, eseguendo le bonifiche delle aree inquinate e promuovendo la riconversione degli insediamenti minerari e industriali dismessi, curando la formazione reale delle competenze per le bonifiche e lo sviluppo per sostenere con professionalità adeguate i processi di cambiamento.

La legge si rispetta, ricorda Mauro Usai, sindaco di Iglesias. Ma quale legge? Non la Costituzione, non la legge sulla trasparenza, non la legge urbanistica, la quale vieta di autorizzare insediamenti industriali in aree che non siano classificate e predisposte come tali, se non dopo aver fatto tutti gli accertamenti e preso le precauzioni del caso, per mezzo di una decisione pubblica e democratica, presa in Consiglio Comunale.

Sta di fatto che l’ultima espansione della Rwm, quella contro la quale sono stati chiamati in giudizio davanti al TAR il comune e la regione, si estenda proprio in area boschiva non classificata, a ridosso del Sito Naturalistico di Interesse Comunitario “Linas-Marganai-Oridda”, proprio in quella che doveva esserne la naturale porta d’accesso. Senza nessuna Valutazione di Impatto Ambientale, si è proceduto ad autorizzare migliaia di metri cubi a ridosso di un fiume, di aziende agricole, di boschi e pascoli.

La trasparenza dovrebbe essere uno degli principali obiettivi di ogni amministrazione ma i tentativi di accesso agli atti del nuovo campo di test all’aperto degli esplosivi e dei nuovi reparti della fabbrica di bombe, effettuati da parte del Comitato Riconversione Rwm, da quando si è insediata la nuova amministrazione, hanno ricevuto solo dinieghi e noncuranza. Stessa cosa per i vari tentativi di partecipazione al processo autorizzativo, garantiti per legge ai portatori di interesse diffuso e collettivo, quali associazioni e comitati, ma non nel comune interessato.

Insomma, si vorrebbe davvero poter credere alle affermazioni di legalità e alla volontà di costruire un buon futuro per l’Iglesiente e per la Sardegna, tanto sbandierate dagli amministratori locali, ma la realtà smentisce abbondantemente le affermazioni di principio e i valori sono continuamente messi in discussione dalle scelte o non-scelte politiche.

“Le idee camminano sulle gambe degli uomini” affermava Pietro Nenni, grande antifascista socialista che rischiò realmente, a causa della violenza della dittatura, che quelle sue gambe non potessero più sostenere e trasportare le sue idee riformiste, in favore del popolo.

Al suo insegnamento è possibile attingere, perché, come ha insegnato Giovanni Falcone, “gli uomini passano, le idee restano e continuano a camminare sulle gambe di altri uomini”.

Osservando la politiche locali di iglesiente, domusnovese e museghese (anche a Musei si è insediata la fabbrica di bombe), riguardo la produzione di armi, Il CRR si interroga inutilmente su quali siano le idee che le sorreggono, restando però pronto a collaborare con le amministrazioni locali per la tutela dei beni comuni della vita, della pace e dello sviluppo sostenibile per il territorio, attraverso la costruzione di un’economia locale creativa, pacifica e vitale, senza dimenticare i diritti di ogni altro popolo del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.