Occupying Movement in Hong Kong: alcuni antefatti – Mee Kam Ng

Occupying Movement in Hong Kong: alcuni antefatti.

Cari amici,

avete avuto l’occasione di vedere alcune informazioni su Hong Kong e vi sarete domandati che cosa sta accadendo. I seguenti paragrafi forniscono alcuni antefatti ai quali fare riferimento e io spero che vogliate unirvi alla popolazione di HK nella lotta per un futuro più democratico.

Gli abitanti di HK sono conosciuti per il pragmatismo e i comportamenti orientati a far soldi nella vita. Perché così tanti abitanti di HK hanno scelto di scendere in strada in modo pacifico per esprimere il loro punto di vista? Io spero che quanto segue possa darvi una idea di ciò che è accaduto recentemente in HK .

I migliori auguri

Mee Kam Ng, 29 Settembre, 2014

hong_kong-china-politics-democracy_gal001_45857779

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Radici storiche

HK è stato descritto da Lord Palmerston, Primo ministro britannico di allora, una “roccia arida e inabitata” quando fu ceduta al Regno Unito dopo la sconfitta della Cina nella prima guerra dell’oppio nel 1841. Dopo la sconfitta della Cina nella seconda guerra dell’oppio, la Penisola del Kowloon fu ceduta in base al Primo Accordo di Pechino nel 1860. Nel 1898, il Governo Britannico ottenne di estendere il proprio controllo su i “Nuovi Territori” attraverso un affitto di 99 anni e questo provocò proteste e azioni difensive da parte della popolazione “indigena”.

Prima della fine della Seconda Guerra mondiale ed il ritorno delle forze armate britanniche dopo l’occupazione dei Giapponesi di Hong Kong ( 1941-45), la Colonia britannica ha avuto una lunga tradizione “rivoluzionaria”. Potreste essere stupiti … la tradizione era ispirata dal Partito Comunista!

In un libro ora proibito in Cina “ Pioneering Voices of History”, prima della loro presa del potere nei primi anni del 1940, i “guru” del Partito Comunista furono i critici più agguerriti della legge del partito unico del Partito Nazionalista ed i più accaniti sostenitori della democrazia attraverso il suffragio universale del popolo! In effetti, la base delle rivolte per rovesciare la Dinastia Qing è stata HK ed il suo leader, Dr. Sun Yat Sen, una figura politica insigne in Taiwan come anche nella Cina continentale, si era formato in HK ed aveva anche iniziato la sua carriera rivoluzionaria qui. Nella lotta contro l’imperialismo gli abitanti di HK si erano uniti nella lotta con quelli della Cina Continentale: gli scioperi Guangdong-Hong Kong del 1925-26 è un esempio emblematico. E per il momento, HK è probabilmente l’unico posto su territorio cinese dove si può commemorare il massacro del 4 di giugno ( piazza Tianenmen).

Una causa più profonda degli attuali movimenti va ricercata nelle radici culturali di come gli intellettuali cinesi considerano il loro ruolo nello sviluppo della società. Gli intellettuali hanno una naturale predisposizione a “ rimproverare coloro che sono al potere” , a dire la verità al potere. Mencius ( un santo cinese che è vissuto attorno al 250 e 150 prima di Cristo) aveva raccomandato agli intellettuali di non “ essere tentati dal denaro o dalla carriera, lasciarsi spaventare dalla povertà e difficoltà, e neppure arrendersi al potere ed alla forza poiché essi dovrebbero essere la coscienza della società”.

Il ritorno di HK allo Stato Cinese e la “Basic Law”

HK è ritornata allo stato cinese nel 1997. Molti anni prima erano iniziati i colloqui Cino-Britannici: una dichiarazione congiunta era stata firmata nel 1984 e la mini-costituzione della Regione Amministrativa Speciale di HK ( HK Special Administration Region – HKSAR), la “ BASIC LAW”, era stata adottata nel 1990 e divenne effettiva nel 1997. Sulla base della dichiarazione congiunta , HK sarebbe dovuta ritornare allo stato cinese in base alla originale politica di “ Un Paese Due Sistemi” per creare un ponte fra il regime socialista della Cina continentale e le forme di vita capitalista di HK.

A quel tempo, molti abitanti di HK, che ne ebbero la possibilità, lasciarono il territorio. Al principio degli anni ’90 e per alcuni anni l’esodo arrivò ad essere di più di 50.000 persone all’anno. Questo fu uno dei motivi per il Governo di costruire una nuova università ( The HK University of Science and Technology) e di elevare le scuole politecniche a Università. Paradossalmente, sono stati gli attuali democratici che hanno appoggiato il ritorno di HK allo stato cinese, nutrendo la visione di ritornare alla madre patria e di praticare la democrazia in HK.

Forse la diaspora dei “ricchi” abitanti di HK ha portato alla non dichiarata decisione del Governo Centrale di privilegiare gli interessi dei capitalisti dopo il 1997. Ma queste politiche hanno portato ad un peggioramento della polarizzazione sociale in HK.

Ma torniamo alla “Basic Law”. La legge fondamentale stabilisce come dovrebbero essere formati la Camera legislativa e l’Esecutivo nella Regione amministrativa speciale. L’Esecutivo ( o Governatore centrale ) è stato nominato ed eletto da un Comitato elettivo, la cui composizione è cresciuta dagli originali 400 componenti del 1996, a 800 nel 2002 e a 1200 nel 2012. Sebbene sembri che il Comitato elettivo comprenda rappresentanti di tutti i settori della società, l’accordo di fatto ha dato il diritto di eleggere il Governatore centrale solamente ad un numero limitato di persone, perché i rappresentanti non sono democraticamente eletti. Non solo la composizione del Comitato elettivo è discutibile, ma solamente circa 200.000 cittadini ( fra oltre 7 milioni e cioè lo 0,05% dei potenziali elettori) hanno avuto il diritto di partecipare alla elezione dei loro rappresentanti nel Comitato Elettivo nell’ultimo turno elettorale del 2012.

Nel 2007, il Governo della Regione Amministrativa Speciale di HK ha pubblicato un “libro verde” sullo sviluppo costituzionale e, dopo una consultazione, lo ha sottoposto al Comitato Permanente del “National People’s Congress” ( Parlamento della Cina popolare). Questo ha promulgato in data 29 Dicembre 2007 la Decisione sulle questioni sui metodi per selezionare il Governatore Centrale della HKSAR e per formare il Consiglio Legislativo della HKSAR nel 2012 e sulle questioni relative al Suffragio universale. La decisione è stata:

L’elezione del quinto Governatore centrale della HKSAR nell’anno 2017 può essere realizzata con il metodo del suffragio universale ; dopo l’elezione del Governatore centrale con il suffragio universale, l’elezione del Consiglio Legislativo dello HKSAR può essere realizzata con il metodo di eleggere tutti i componenti con il suffragio universale” ( Annex 1 della Decisione del Comitato Permanete del National People’s Congress (NPCSC)).

Suffragio Universale del Governatore Centrale nel 2017?

Sulla base della Basic Law e l’interpretazione della NPCSC nel 2004, gli emendamenti alla elezione del Governatore centrale CE ( Chief Executive) e alla formazione del Consiglio Legislativo (LegCo) debbono essere sottoposti a un “ procedimento in cinque fasi”:

  1. Il CE fa un rapporto al Comitato Permanente del National People’s Congress ( NPCSC) , per invitarlo a decidere se è necessario fare emendamenti al metodo di selezione/formazione;

  2. il NPCSC decide se siano necessari emendamenti al metodo di selezione/formazione;

  3. se il NPCSC decide che emendamenti possano essere fatti, il Governo centrale della HKSAR presenta una risoluzione al LegCo ( Consiglio Legislativo) sugli emendamenti da apportare per scegliere il CE e la formazione del LegCo ( Consiglio Legislativo). Questi emendamenti debbono essere approvati da una maggioranza di 2/3 di tutti i componenti del Consiglio Legislativo;

  4. il CE approva la risoluzione approvata dal Consiglio Legislativo;

  5. il CE presenta la proposta di emendamenti al NPCSC per la sua approvazione.

Si tratta di “ HKSAR, 2013, Metodi per la Selezione del CE nel 2017 e per la formazione del Consiglio Legislativo in 2016, pp. 5-6).

Come indicato nel documento di consultazione del 2013, “prima di iniziare formalmente la “Prima fase”, il Governo del HKSAR vorrebbe dare il via ad una consultazione su questioni relative ai metodi per selezionare il CE nel 2017 e per formare il LegCo nel 2016….” (P.7)

Nello stesso periodo un movimento denominato “Occupy Central with Love and Peace (OCLP)” è stato varato da un professore di legge nell’Università di HK nel gennaio del 2013. Con una serie di dialoghi e deliberazioni sul suffragio universale, il Movimento ha realizzato un referendum fra tutti i cittadini su un sistema elettorale dello stesso valore degli standard internazionali. Più di 700.000 persone hanno partecipato al referendum. Il Movimento sostiene che se la proposta del governo non è all’altezza degli standard internazionali , saranno intraprese azioni di disobbedienza civile ( Occupy Central).

Allo stesso tempo , il campo dei Pro-Cina hanno anche loro organizzato un altro referendum per raccogliere firme contro il movimento “Occupy Central”. Tutto questo dibattito ha portato a una seria divisione sociale in HK. Dato che oltre 150 persone al giorno sono immigrate in HK dalla Cina Continentale ( circa 50.000 all’anno), qualcuno potrebbe pensare che ci siano differenze significative nelle visioni politiche fra i “nativi” ed i “nuovi” cittadini di HK.

La decisione del NPCSC sulla struttura delle elezioni di HK del 2017

In data 31 agosto 2014, il Comitato Permanente del NPC ha annunciato la sua decisione sulle norme del “suffragio universale” del Chief Executive (CE) ( Governatore centrale), come segue:

  1. A far data dal 2017 , la selezione del CE della HKSAR può essere realizzata con il metodo del suffragio universale;

  2. quando la selezione del CE della HKSAR sarà realizzata con il metodo del suffragio universale:

    1. Dovrà essere formato un comitato largamente rappresentativo dei cittadini con funzione di scegliere i candidati per la carica di CE. Le disposizioni circa il numero dei componenti, composizione e formazione del Comitato di nomina saranno fatte sulla base del numero dei componenti , e sulla base della composizione e metodo di formazione del Comitato Elettorale per il Quarto Chief Executive.

    2. Il Comitato di nomina dovrà indicare da due a tre candidati per la funzione del CE sulla base delle leggi democratiche. Ciascun candidato dovrà avere il sostegno di più della metà dei componenti del comitato di nomina.

    3. Tutti gli elettori aventi diritto possono votare nelle elezioni del CE ed eleggere uno dei candidati per la carica di CE in accordo alla legge.

    4. Il CE, eletto, selezionato attraverso il suffragio universale, dovrà essere investito formalmente dal Governo centrale del Popolo cinese.

Per molti cittadini di HK, questa è una “falsa” democrazia, sebbene i Governi Centrale e della HKSAR sostengano che questo è un gran passo verso la democrazia se confrontato alle attuali procedure.

People Power!

Mentre il Movimento OCLP è stato iniziato da tre adulti, il movimento che si sta sviluppando negli ultimi giorni è guidato, organizzato e alimentato dalle generazioni più giovani in HK. La combinazione di energia e motivazione di un gruppo di studenti alcuni dei quali non hanno ancora raggiunto l’età per votare e la promozione di pace e amore nell’esercitare la disobbedienza civile ha contribuito allo sviluppo della “rivoluzione degli ombrelli” in HK ( ombrelli per proteggersi dagli spietati lacrimogeni della polizia).

Sebbene io non mi sia iscritta al Movimento OCLP , ho deciso di esercitare il mio potere come un osservatore. Io sono stata testimone di come la polizia abbia bloccato molte strade che portavano ai luoghi del centro della protesta; azione che ha portato le persone a invadere le strade. Io sono stata testimone di come pacifici cittadini e studenti abbiano dovuto sostenere più volte gli attacchi con lacrimogeni. Sono stata testimone di come i giovani abbiano esercitato il massimo controllo anche di fronte agli attacchi ed abbiano risposto solo con le lacrime e rinnovata determinazione di tornare sul posto, per essere là dove la loro “voce” può essere “vista/sentita”.

Please Support Us!

Non mi è possibile inondarvi con tutti i dettagli ma spero che questa mia nota via dia alcuni antefatti su ciò che sta avvenendo in Hong Kong. Sappiate che NON si sta realizzando una rivolta e che noi NON ci meritiamo di essere trattati come rivoltosi. Questo è un movimento totalmente pacifico – ogni possibile azione motivata dalla rabbia è stata scoraggiata discutendone fra i partecipanti. Noi vogliamo avere la possibilità di dire la nostra su come viene amministrata la nostra città e vogliamo che il Governo lo sappia.

Come educatrice, io sono molto orgogliosa degli studenti e delle generazioni più giovani. Mentre HK potrebbe essere nei suoi momenti più cupi, per merito di questi giovani una luce sembra che stia nascendo.

Molte persone hanno cominciato ad “occupare” varie parti della città. Se avete qualche esperienza da poter condividere con noi, vi prego di farmelo sapere. Prego sosteneteci nelle forme che ritenete più adeguate.

Mee Kam Ng

29 Settembre, 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *