L’ACQUA e i beni comuni – Recensione di Sebastiano Velio Picchioni

U. Mattei (con i disegni di L. Paulesu), L’ACQUA e i beni comuni. Raccontati a ragazze e ragazzi, manifestolibri, Roma 2011, pp. 64, € 12,00

In copertina un oblò indica «…i beni comuni raccontati a ragazze e ragazzi», ma il consiglio spassionato è che, dopo averlo fatto leggere ai figli\allievi, genitori e professori dovrebbero prendersi del tempo per leggerlo anche loro. Il libro è fatto molto bene, accurato nei dati; ma soprattutto l’organizzazione interna rende bene la gravità della situazione-acqua. Un omino stilizzato, per esempio, ci guida nella comprensione di termini che potremmo non conoscere (biocarburanti, rendita da capitale…). E sempre per una migliore comprensione un piccolo glossario in fondo al volume integra il lavoro dell’omino (pozzo artesiano ma anche, molto utile, referendum).

A scoprire i dati sull’acqua ci guida un ragazzino di nome Simone che usa come unità di misura un certo avvocato Artemio: «A quella fontanella potrebbe voler bere un bambino afghano fuggito dalla guerra fatta per consentire ad Artemio di guidare il suo SUV, il suo motoscafo, o di andare a sciare in elicottero» (p. 21).

Bella la scrittura in prima persona come se a fare quelle domande e quelle affermazioni fossimo noi stessi, così quando Simone parla di sprechi quotidiani casalinghi, subito ci viene in mente «Cavolo! Anch’io faccio così» oppure «Io già lo faccio e me ne sono accorto pagando la scorsa bolletta dell’acqua!». Ma più di tante parole è efficace il disegno che riprendiamo dalle pp. 46-47 del libro già disponibile nella biblioteca del Centro Studi Sereno Regis.

«Noi siamo fatti in gran parte d’acqua! circa il 70% del nostro corpo è acqua, soltanto acqua…Quando nasciamo, la percentuale di acqua del nostro corpo è ancora più alta: crescita e invecchiamento sono in verità lenti processi di diminuzione di questa percentuale (ossia della misura in cui noi siamo acqua)…» (p. 26)

Sebastiano Velio Picchioni, anni 20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *