Power Plobb… produrre energia dalle acque reflue

Power Plobb, la prima centrale per il trattamento delle acque reflue, è stato costruita in Austria per generare energia elettrica. Mentre in Italia il problema energia è risolto con il ricorso al nucleare e quello dello smaltimento dei rifiuti con gli inceneritori, in Austria, per gli stessi problemi, si ricorre alle energie pulite e rinnovabili.

Il governo austriaco (sensibile alla tutela e alla salvaguardia dell’ambiente e dei suoi abitanti), a Seefeld in Tirol (un comune di 3.028 abitanti nel Tirolo Austriaco) ha istallato il primo impianto idroelettrico che ricava energia elettrica dalle acque reflue. Dove il nostro Paese ha fallito, altri Paesi europei stanno costruendo la propria fortuna: in Italia non si riesce neppure ad organizzare un serio piano di raccolta differenziata e riciclo, in Austria si costruiscono impianti idroelettrici.

Il progetto è in gran parte invisibile, la stazione di pompaggio e il piccolo impianto elettrico è tutto sotterraneo. Come simbolo di questo innovativo progetto di sostenibilità ambientale, l’architetto ha progettato la centrale sotto forma di una goccia d’acqua; la struttura portante è in legno e la superficie in acciaio inossidabile. L’impianto elettrico genera energia per il funzionamento del nuovo impianto di trattamento delle acque reflue: l’acqua è convogliata verso l’impianto idroelettrico e, dopo l’utilizzo, l’acqua pulita viene restituita al fiume, per ricominciare il suo ciclo naturale.

Un esempio di ciclo ecologicamente sostenibile, che partecipa alla lotta dell’effetto serra, dal momento che questo sistema di produzione di energia rinnovabile riduce l’emissione di anidride carbonica.

(a cura di Cinzia Picchioni – Per contatti: via Bertola, 57 – Torino – 011539170)

Una replica a “Power Plobb… produrre energia dalle acque reflue”

  1. buon giorno sono in cerca di informazioni sulla possibilita di produrre energia dalle acque di scarico delle abitazioni dotate di trituratori per i rifiuti organici cosi da ottenere una buona raccolta dell'umido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *