Barack Obama rende onore al Mahatma Gandhi

Cari amici,
è per me un piacere unirmi oggi a commemorare l’anniversario della nascita del Mahatma Gandhi, celebrato in tutta l’America e nel mondo col servizio al prossimo e altre buone opere. L’impegno di Gandhi di creare un cambiamento positivo inducendo le persone ad unire pacificamente le loro richieste ha un forte
valore oggi quanto lo ebbe durante la sua vita. Attraverso il potere del suo esempio e del suo incrollabile spirito, ha ispirato un popolo a resistere all’oppressione, suscitando una rivoluzione che ha liberato una nazione dal dominio coloniale. Nel formulare la sua strategia per ottenere la libertà, Gandhi si trovò a scegliere, e scelse il coraggio anziché la paura.
L’America si trova di fronte a molte scelte, non appena operiamo nella direzione delle sfide del nostro tempo. Dobbiamo agire da una posizione di forza e nella convinzione di poterci riappropriare del cammino elevato e della posizione di preminenza morale che ha caratterizzato gli Stati Uniti nella loro condizione migliore.
Il significato di Gandhi è universale. Innumerevoli persone in tutto il mondo sono state toccate dal suo spirito e dal suo esempio. La sua vittoria ha ispirato una generazione di giovani americani a rifiutare pacificamente un sistema di evidente oppressione durato per un secolo, e più recentemente ha guidato le rivoluzioni di velluto nell’Europa dell’Est e posto fine all’apartheid in Sudafrica. Nelson Mandela, il Dalai Lama e il dottor Martin Luther King hanno parlato del loro grande debito verso Gandhi. Il suo ritratto è appeso nel mio ufficio, a ricordarmi che un reale cambiamento non verrà da Washington: esso verrà quando il popolo, unito, lo porterà a Washington.
Queste elezioni sono decisive. Questo è per noi il tempo del cambiamento.
Troppo a lungo abbiamo guardato gli americani comuni lavorare sempre più duramente per sempre meno. Abbiamo guardato la nostra reputazione nel mondo venire erosa mentre continuavamo a perdere vite americane in una guerra che non avrebbe mai dovuto essere autorizzata e mai intrapresa. C’è bisogno che vi
alziate in piedi e lavoriate per il cambiamento. Dedichiamoci tutti interamente, ogni giorno da adesso fino al 4 novembre e oltre, a vivere la chiamata di Gandhi a essere il cambiamento che vogliamo vedere nel mondo.
Vi saluto.

Barack Obama

2 ottobre 2008

I commenti sono chiusi.