Nuovi modelli di conflitto

Nuovi modelli di conflitto e debolezza dei movimenti per la pace

Richard E. Rubenstein

L’inizio della guerra russo-ucraina nel febbraio 2022 ha drammatizzato una transizione già in atto verso nuovi modelli di conflitto globale. La guerra stessa è stata principalmente un affare occidentale, di interesse primario per le parti in causa e per i fornitori europei e nordamericani degli ucraini. Ma è scoppiata nel contesto di un rapido deterioramento delle relazioni tra gli Stati Uniti, che continuano a rivendicare l’egemonia globale, e i loro ex avversari della Guerra Fredda, Russia e Cina. Di conseguenza, un conflitto regionale che avrebbe potuto essere risolto attraverso negoziati convenzionali o dialoghi di risoluzione dei problemi tra le parti in causa è diventato relativamente intrattabile, senza soluzioni immediate in vista.

Almeno temporaneamente, la lotta tra Russia e Ucraina ha solidificato le relazioni tra Stati Uniti ed Europa, rafforzando il ruolo dominante degli Stati Uniti in questa “partnership”. Mentre le parti di quella che alcuni definiscono una “nuova guerra fredda” aumentavano le spese militari e il fervore ideologico, altri aspiranti allo status di Grande Potenza, come Turchia, India, Iran e Giappone, manovravano per ottenere un vantaggio temporaneo. Nel frattempo, la guerra in Ucraina ha iniziato ad assumere lo status di “conflitto congelato”, con la Russia che è riuscita a occupare la maggior parte della regione del Donbass, di lingua russa, mentre gli Stati Uniti hanno versato miliardi di dollari in armi ad alta tecnologia, intelligence e addestramento nell’arsenale del regime di Kiev.

Nuovi modelli di conflitto

Come spesso accade, l’emergere di nuovi modelli di conflitto ha colto di sorpresa gli analisti, il cui equipaggiamento teorico era stato progettato per spiegare le forme di lotta precedenti.  Di conseguenza, il nuovo contesto non è stato ben compreso e gli sforzi per la risoluzione dei conflitti sono stati praticamente inesistenti.  Per quanto riguarda la guerra in Ucraina, ad esempio, la saggezza convenzionale era che uno “stallo reciprocamente doloroso”, con nessuna delle due parti in grado di ottenere una vittoria totale ma con una grande sofferenza per ciascuna, avrebbe reso questo tipo di conflitto “maturo per la risoluzione” attraverso la negoziazione. (cfr. I. William Zartman, Ripeness Promoting Strategies). Ma questa formulazione presentava due problemi:

Le nuove forme di guerra limitata, che prevedono un uso relativamente contenuto di armi ad alta tecnologia, pur uccidendo o ferendo migliaia di persone e causando gravi danni alla proprietà e all’ambiente, hanno comunque ridotto la quantità di sofferenze che ci si sarebbe potuti aspettare in una guerra tra vicini. Mentre la regione del Donbass esplodeva, i consumatori cenavano a Kiev. Mentre le vittime russe aumentavano e l’Occidente imponeva sanzioni al regime di Putin, i cittadini della RFSR godevano di un’esistenza relativamente pacifica e prospera.

Inoltre, contrariamente alla propaganda occidentale, a parte alcune tragiche eccezioni, la Russia non ha intrapreso attacchi indiscriminati su larga scala contro la popolazione civile dell’Ucraina, né gli ucraini hanno lanciato molti attacchi contro obiettivi al di fuori del Donbass. Questa relativa moderazione da entrambe le parti (per non sottovalutare l’orrore causato da migliaia di morti inutili) sembra aver ridotto il “danno” massiccio necessario per produrre uno “stallo reciprocamente dannoso”. Questo movimento verso quella che potrebbe essere chiamata “guerra parziale” può essere visto come una caratteristica della trasformazione militare iniziata negli Stati Uniti dopo la guerra del Vietnam con la sostituzione dei soldati di leva con i “volontari” e la sostituzione delle truppe di terra con armi aeree, di artiglieria e navali ad alta tecnologia. Ironia della sorte, limitare le sofferenze intollerabili causate dalla guerra ha aperto la porta alla guerra parziale come caratteristica tollerabile e potenzialmente permanente della politica estera delle grandi potenze.

La lotta locale in Ucraina si è intersecata con una ripresa dei conflitti imperiali a livello globale, in particolare quando gli Stati Uniti hanno deciso di abbracciare la causa antirussa       e di versare miliardi di dollari in armi avanzate e intelligence nelle casse del regime di Kiev. Il motivo dichiarato di questa militanza, secondo gli alti funzionari del regime di Biden, era quello di “indebolire” la Russia come concorrente globale e di avvertire la Cina che gli Stati Uniti si sarebbero opposti a qualsiasi mossa cinese contro Taiwan o altri obiettivi asiatici considerati aggressivi.

Il risultato

Il risultato è stato quello di incoraggiare il leader ucraino, Zelensky, a dichiarare che la sua nazione non sarebbe mai scesa a compromessi con la Russia su questioni controverse (nemmeno sulla questione della Crimea) e che l’obiettivo della sua nazione era la “vittoria”. Non si sa mai, naturalmente, quando un leader che predica la vittoria ad ogni costo deciderà che la sua nazione ha pagato abbastanza e che è ora di parlare di tagliare le perdite e massimizzare i benefici.  Tuttavia, al momento in cui scriviamo, né Putin né Zelensky sono disposti a dire una parola sulla fine di questo conflitto apparentemente senza fine.

Questa seconda carenza teorica si è rivelata ancora più costosa per la causa della pace rispetto all’incomprensione della guerra parziale. Mentre i sostenitori dell’egemonia occidentale trovano il modo di giustificare il sostegno militare degli Stati Uniti e dell’Europa alle “democrazie” contro le “autocrazie” e gli ideologi russi come Alexander Dugin sognano la rinascita della Grande Russia, la maggior parte degli studiosi della pace e dei conflitti rimane dedita all’analisi delle lotte tra gruppi identitari come modo per comprendere sia il conflitto globale che la polarizzazione interna.

Alcuni studiosi della pace hanno identificato nuove importanti fonti di conflitto come la distruzione dell’ambiente, le crisi mediche globali e il cambiamento climatico, ma molti continuano a ignorare il problema dell’impero e l’emergere di nuovi conflitti tra aspiranti egemoni. (Una straordinaria eccezione a questa miopia è rappresentata dal lavoro di Johan Galtung, il cui libro del 2009, The Fall of the US Empire – And Then What? TRANSCEND University Press, sembra ora profetico).

Questa generale mancanza di attenzione all’imperialismo e alle sue vicissitudini ha ragioni radicate nella storia del campo degli studi sui conflitti, ma le sue dimensioni politiche devono essere identificate se speriamo di superare le ovvie debolezze dei movimenti per la pace di fronte a conflitti come quelli tra Russia e Ucraina e NATO o tra Stati Uniti e alleati e Cina.

Due tendenze principali

Soprattutto in Occidente, l’attuale polarizzazione della politica tende a produrre due tendenze principali: un populismo di destra i cui impegni ideologici sono etno-nazionalisti e isolazionisti, e un centrismo di sinistra la cui ideologia è cosmopolita e globalista.

Nessuna delle due tendenze comprende i nuovi modelli di conflitto globale o ha un reale interesse a creare le condizioni per la pace globale. La destra sostiene la necessità di evitare guerre inutili, ma il suo nazionalismo ha la meglio sull’isolazionismo; di conseguenza, i leader della destra predicano la massima preparazione militare e sostengono la “difesa” contro i tradizionali nemici nazionali. La sinistra è consapevolmente o inconsapevolmente imperialista, una visione che esprime utilizzando il linguaggio della “leadership” e della “responsabilità” internazionale, oltre che con le parole “pace attraverso la forza” e “responsabilità di proteggere”.

La maggior parte dei sostenitori del Partito Democratico negli Stati Uniti non riconosce che l’attuale amministrazione Biden è un feroce sostenitore degli interessi imperiali americani e appoggia i preparativi di guerra rivolti alla Cina e alla Russia; oppure lo capisce, ma lo considera un problema minore rispetto alla minaccia del neofascismo interno alla Donald Trump. Allo stesso modo, la maggior parte dei sostenitori dei partiti di sinistra e di centro sinistra in Europa non capisce che la NATO è attualmente un ramo della macchina militare statunitense e potenzialmente l’insediamento militare-industriale di un nuovo impero europeo.

Oppure lo sospettano, ma vedono l’ascesa e l’espansione della NATO attraverso le lenti dell’odio e del sospetto verso i russi e della paura dei movimenti populisti di destra come quelli di Viktor Orban e Marine Le Pen. In entrambi i casi, il risultato è che i sostenitori della pace globale tendono a essere separati dalle circoscrizioni nazionali con cui potrebbero altrimenti allearsi.

Questo isolamento è stato particolarmente evidente nel caso del movimento per la pace attraverso i negoziati in Ucraina, che non è ancora riuscito a ottenere una reale trazione in nessuna nazione occidentale. Infatti, i più forti sostenitori di negoziati di pace immediati, a parte i funzionari delle Nazioni Unite, tendono a essere figure associate a nazioni mediorientali e asiatiche come Turchia, India e Cina.  Da una prospettiva occidentale, quindi, la questione più spinosa e bisognosa di una risposta è come superare l’isolamento dei movimenti per la pace.

Due sono le risposte suggerite, ma ognuna di esse produce problemi che richiedono un’ulteriore discussione:

La prima risposta

Stabilire un’alleanza tra sostenitori della pace di sinistra e di destra. I liberali e i socialisti contrari alla guerra potrebbero unirsi agli isolazionisti e ai libertari conservatori per creare una coalizione trasversale contro le guerre straniere.  In effetti, questo tipo di coalizione a volte nasce spontaneamente, come negli Stati Uniti nel periodo successivo all’invasione dell’Iraq del 2003. La difficoltà, naturalmente, è che si tratta proprio di quello che i marxisti chiamano “blocco marcio”: un’organizzazione politica che, trovando una causa comune su un solo tema, è destinata a disgregarsi quando altri temi diventano salienti. Inoltre, se il lavoro contro la guerra significa sradicare le cause della guerra e opporsi a qualche mobilitazione militare in corso, è improbabile che gli elementi di un “blocco marcio” siano d’accordo su come identificare e rimuovere tali cause.

La seconda risposta

Convertire il partito di sinistra-liberale alla prospettiva della difesa della pace anti-imperiale, oppure dividere la sinistra putativa in circoscrizioni pro-guerra e contro la guerra e lavorare per garantire la supremazia di queste ultime. L’ostacolo che si frappone a ciò non è solo il timore generale di una presa di potere da parte della destra, già menzionato in precedenza, ma anche la debolezza del campo pacifista all’interno dell’ambiente di sinistra. Negli Stati Uniti, la maggior parte dei “progressisti” (compresi i socialisti democratici che si autodefiniscono tali) sono rimasti stranamente in silenzio sulla guerra in Ucraina, sia per paura di isolarsi sulle questioni interne, sia perché accettano le giustificazioni convenzionali per una guerra contro “l’aggressione russa”.

Ciò suggerisce la necessità di rompere con i costruttori di imperi e di costruire organizzazioni anticapitaliste impegnate a porre fine all’imperialismo e a realizzare la pace globale. Questa è la soluzione al problema, almeno in teoria, ma non è certo che le persone possano essere mobilitate in numero sufficiente per attuarla durante il periodo di “guerra parziale”.

Collegamenti e conclusioni

Questo suggerisce un collegamento tra le due forme emergenti di conflitto violento discusse in precedenza. Guerre parziali come quella che si sta combattendo in Ucraina possono intersecare lotte inter-imperiali come quella tra l’alleanza Stati Uniti/Europa e la Russia. Quando ciò accade, diventano conflitti “congelati” che, tuttavia, hanno la capacità di intensificarsi drammaticamente – cioè di andare verso la guerra totale – se una delle due parti subisce una sconfitta disastrosa o se il conflitto inter-imperiale si intensifica in modo significativo.

Lo stesso conflitto inter-imperiale può essere concepito sia come una ripresa della Guerra Fredda gestibile, in una certa misura, attraverso i processi di deterrenza reciproca sviluppati durante l’epoca precedente, sia come un nuovo tipo di lotta che presenta nuovi rischi, tra cui il pericolo molto più elevato che le armi nucleari (a partire da quelle a basso potenziale) vengano utilizzate dalle parti principali o dai loro alleati. La mia opinione, che presenterò in un prossimo editoriale, è che si tratti di un nuovo tipo di lotta che aumenta notevolmente il pericolo di una guerra nucleare totale.

La conclusione immediata che se ne può trarre è che gli studiosi per la pace hanno urgente bisogno di riconoscere le forme emergenti di conflitto globale, analizzare i nuovi modelli di conflitto e trarre conclusioni pratiche da queste analisi. Allo stesso tempo, gli attivisti per la pace hanno urgente bisogno di identificare le cause della loro attuale debolezza e del loro isolamento e di escogitare metodi per aumentare notevolmente la loro influenza tra i membri del pubblico e i decisori raggiungibili. In questi sforzi, le conversazioni e le azioni internazionali saranno di importanza cruciale, poiché il mondo nel suo complesso sta finalmente, e giustamente, sfuggendo al controllo dell’Occidente.


EDITORIAL, 29 Aug 2022 | #760 | Richard E. Rubenstein – TRANSCEND Media Service

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.