La cooperazione internazionale e le politiche di pace

venerdi 27 maggio 2011 –  ore 19
Caffè Basaglia, via Mantova, 34 – Torino

Nel dibattito sono previsti  gli interventi di:

· Nanni Salio, presidente  Centro Studi Sereno Regis
· Alberto Tridente, RE.TE. ONG
· Nino Casciaro, RE.TE. ONG

Ore 20: aperitivo a cura di RE.TE. ong e MUSICA a cura dell’Ass. Senegalesi Torino

Nell’ambito delle iniziative PIEMONTE CHIAMA MONDO, organizzato dal Consorzio ONG Piemontesi, mese di maggio dedicato alla Cooperazione Internazionale e all’Educazione per una cittadinanza mondiale, RE.TE.
RE.TE. ONG è un’organizzazione non governativa laica che opera in diversi settori della “Cooperazione e della Educazione allo Sviluppo”. Ha come finalità il superamento delle iniquità prodotte dall’attuale sistema dei rapporti internazionali e dai meccanismi economici che lo sostengono attraverso la promozione di rapporti equi tra i popoli, i generi e le culture, i processi di auto sviluppo autocentrati, nella valorizzazione delle differenze, e nell’indipendenza e autonomia socio-politica, economica e culturale.
In questi ultimi anni sono stati effettuati forti tagli alla Cooperazione internazionale mentre si è registrato un aumento delle spese militari e degli interventi armati.
Sono stati così ridimensionati e messi in difficoltà gli interventi delle organizzazioni non governative (ONG) a favore della difesa e sviluppo delle economie deboli sulle quali poggia l’esistenza di intere popolazioni.
Nello stesso tempo gli interventi militari per risolvere i problemi internazionali non hanno dato alcuna risposta positiva, anzi hanno comportato l’aumento dei conflitti e delle distruzioni malgrado la definizione di guerre “umanitarie”.

· Come costruire insieme culture ed azioni di PACE per un mondo più equo, più giusto dove anche le economie dei più deboli possano avere dignità?

· Come opporsi alle politiche che incentivano le azioni militari?

· Quali sono i nostri compiti, gli obiettivi nella cooperazione allo sviluppo e nella costruzione di soluzioni non violente dei conflitti?

RE.TE. NON HA RISPOSTE UNIVOCHE E DEFINITIVE E INTENDE COSTRUIRE UN CONFRONTO CON ALTRI SOGGETTI SULLE QUESTIONI RILEVANTI INERENTI LA POLITICA INTERNAZIONALE DEL NOSTRO PAESE.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.