Tienilo acceso. Posta, commenta, condividi senza spegnere il cervello | Segnalazione redazionale

print

Vera Gheno e Bruno Mastroianni, Tienilo acceso. Posta, commenta, condividi senza spegnere il cervello, Longanesi, Milano 2018, pp. 288, € 14,90

Questo libro parla di noi, persone connesse tramite i social network, forse lo strumento più immediato e potente che abbiamo a disposizione in quanto esseri umani. Eppure, spesso li usiamo in maniera frettolosa e superficiale, senza valutare le conseguenze delle parole che adoperiamo. Poiché le possibilità di fraintendimenti, ostilità e interpretazioni distorte dei fatti sono massime laddove non possiamo guardarci in faccia, in rete e in particolare sui social le parole che scegliamo hanno un peso maggiore, su di noi e su chi ci sta attorno. Infatti oggi la comunicazione sul web appare avvelenata dal bullismo, dalle notizie false e dai continui conflitti. Ci sentiamo intrappolati dall’odio, dalla paura e dalla diffidenza.

La verità è che siamo diventati «iperconnessi», viviamo contemporaneamente offline e online: una condizione complessa, che occorre imparare a gestire. Non esistono formule magiche ma, nel suo piccolo, ciascuno di noi può fare la differenza, curando con più attenzione il modo in cui vive – e quindi parla – in rete: di sé, di ciò che accade, degli altri e con gli altri. La nostra vita interconnessa non dipende, in ultima istanza, dagli strumenti e dagli algoritmi, e nemmeno dai proprietari delle piattaforme, sta soprattutto a noi scegliere chi siamo e cosa vogliamo in rete.

In questo libro una sociolinguista e un filosofo della comunicazione ci indicano una delle possibili strade da percorrere per vivere in modo finalmente libero le ricchezze che il web e i social ci offrono, guidandoci a padroneggiarli senza lasciarcene schiacciare, a decifrarne i messaggi senza venire manipolati, a capire e farci capire attraverso una scelta accorta e consapevole delle parole.