Pillola vagante (7)


/nas/content/live/cssr/wp content/uploads/2015/12/limoni rete 155290

 

Cartone… limoni…

 

… per citare la canzone di Morandi (quella faceva: Banane… lamponi, ricordate?) ho scelto il titolo di questa che forse è l’ultima Pillola riguardante il traslocare. In effetti 7 è il numero perfetto: 4+3, terra (il 4)+cielo (il 3), la base (il quadrato) e il tetto (il triangolo) di ogni casa (e cosa) compiuta eccetera.

Ma torniamo all’ermetico titolo. Sulle virtù del limone si è già scritto di tutto, ovunque, e difatti non è per quelle virtù che il giallo agrume fa parte di un titolo sul trasloco. Vorrei farvi partecipi di una scoperta che ho fatto, appunto, mentre preparavo scatole e scatoloni: le retine che contengono i limoni quando li compriamo.

Normalmente cerco di acquistare i limoni sfusi, al mercato, ma a volte mi capita di trovarli già confezionati nelle retine gialle, quelle un po’ “morbide”, legate in alto con una fascetta metallica. Non è tra gli imballi più inutili, e non è molto “impattante”. Così lo tengo. Taglio via tutto quello che non serve (l’etichetta se c’è, la saldatura in fondo eccetera) in modo da avere solo la retina, che a quel punto risulta senza fondo né cima, una specie di “fascia”. E in quella forma serve bene per “fermare” qualcosa, tipo il tappetino per lo yoga, una coperta arrotolata eccetera.

Ma nel preparare le scatole per il trasloco ho scoperto che le retine dei limoni sono utilissime per legare: più robuste dello spago, più versatili dello scotch (che in genere evito di usare). Se le lasciamo “ad anello” tengono ferma qualsiasi cosa – se sono della misura giusta – ma quando sono troppo larghe basterà tagliare l’“anello” e avremo uno “spago” da annodare nella misura che ci serve: il nodo tiene benissimo, non taglia le mani – come fa lo spago – ed è più carino, così colorato (le retine si trovano gialle, verdi, rosse). Così sto finendo le retine accumulate in un anno (e non dovrò trasportarle, chiuse in un’altra scatola!), sto chiudendo perfettamente pacchi e scatole, e non ho comprato – né fatto produrre – costoso scotch (che oltretutto, quando si smontano gli scatoloni bisognerebbe togliere – tempo e lavoro – per mettere il cartone nella raccolta differenziata; e dopo che ci facciamo con lo scotch, ormai rovinato che abbiamo strappato via dagli scatoloni? Bisogna buttarlo – rifiuto – nell’indifferenziata.

Riassumendo: quando comprate i limoni nella retina tagliate la cima e il fondo; avrete così una fascia alta che però, tirandola, si trasforma in un robusto “elastico” (in realtà è poco elastico) che, se serve, potete anche tagliare ottenendo una lunga striscia che funge egregiamente da “spago”, si annoda facilmente e “tiene” il nodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *