Le porte del Mediterraneo – Eventi espositivi a Rivoli

Nell’ambito del progetto dedicato al Mediterraneo, l’Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte, in collaborazione con la Città di Rivoli, propone Le Porte del Mediterraneo, un evento espositivo curato dalla storica dell’arte Martina Corgnati, cui si accompagna un denso programma di iniziative culturali, che si svolgono da aprile a settembre 2008 a Rivoli e a Torino. In esposizione fino al 28 settembre 2008.

Il Mediterraneo, nel corso del XX secolo, è stato attraversato in tutte le direzioni come una porta fortunosamente aperta di fronte a masse di perseguitati in fuga; si è rivelato spesso anche una porta ottusamente chiusa in nome della differenza etnica, sociale e religiosa o ancora delle barriere economiche che si innalzano sempre più invalicabili fra primo e terzo mondo.
Da questo punto di vista, il Mediterraneo non è concepito come una regione geografica (un’arte mediterranea infatti non esiste e non è mai esistita) ma piuttosto come metafora o proposta problematica per riconsiderare le relazioni umane, gli scambi culturali e sociali operanti a tutti i livelli.

Nucleo centrale dell’iniziativa è una grande mostra d’arte, allestita in due spazi espositivi a Rivoli.

La sezione storica, Viaggiatori e artisti piemontesi alla scoperta del Mare Nostrum, alla Casa del Conte Verde ricostruisce attraverso dipinti, incisioni, disegni e immagini fotografiche le relazioni fra il Piemonte e il Mediterraneo e la passione per il Mediterraneo come crocevia di culture e culla di civiltà, che ha segnato l’esistenza di tanti studiosi, archeologi e viaggiatori piemontesi, come Alberto Pasini, Lorenzo Delleani, Alberto Rossi, Antonio Testa, Massimo D’Azeglio, Giacomo Pregliasco, Giulio Viotti.
Le relazioni fra il Piemonte, i piemontesi e il Mediterraneo hanno contribuito significativamente alla formazione di un paesaggio e di una storia caratterizzata da un’intima partecipazione a vicende e questioni mediterranee: a testimoniarlo basterebbe il Museo Egizio di Torino, secondo solo a quello de Il Cairo.

La sezione contemporanea, Rotte dell’arte contemporanea, a Palazzo Piozzo è costituita dagli interventi (in buona parte prodotti proprio per questa occasione) da 17 artisti internazionali, che provengono quasi tutti dalle sponde del Mediterraneo e che hanno scelto la complessità della vita e delle relazioni che si articolano intorno a questo mare quali tematiche privilegiate delle loro riflessioni e dei loro progetti. Sono figure in buona parte ben note nel panorama internazionale, anche se non mancano alcuni giovanissimi ancora poco conosciuti al pubblico italiano.
La loro indagine si concentra sui concetti di frontiera e di porta, elaborati attraverso strumenti diversi, soprattutto video, installazioni e immagini fotografiche, per offrirne nuove possibilità di lettura.

Gli artisti presenti in mostra sono: Khaled Hafez (Il Cairo), Mounir Fatmi (Tangeri/Parigi), Mounira Al Solh (Beirut/Amsterdam), Tsibi Geva (Tel Aviv), Agnese Purgatorio (Bari), Sonia Balassanian (Yerevan/New York), Cristina Lucas (Madrid), Mrdjan Bajic (Belgrado), Burak Delier (Istanbul), Djamel Kokene (Algeri/Parigi/Il Cairo), Ursula Biemann (Zurigo), Armin Linke (Milano), Steve Sabella (Gerusalemme/Londra), Nabil Boutros (Il Cairo/Parigi), Stefano Cerio (Milano/Parigi), Hala Elkoussy (Il Cairo/Amsterdam), Tarin Gartner (Milano/Gerusalemme).
La mostra è accompagnata da un catalogo, edito da Skira.
Le sedi delle mostre
Casa del Conte Verde, via Fratelli Piol 8
E’ un tipico esempio di abitazione signorile di fine Trecento, con preziose decorazioni in cotto invetriato, ancora visibili sulla facciata. Oggi é sede museale del Comune di Rivoli, destinata ad ospitare mostre temporanee, incontri, conferenze e seminari.
Palazzo Piozzo, via Fiorito 6
Eretto nel 1788, il palazzo fu residenza del Cancelliere del Gran Priorato dell’Ordine di Malta, poi della famiglia Piozzo di Rosignano; acquistato nel 1979 dal Comune che lo fece restaurare, oggi è adibito a centro polivalente. Notevoli lo scenografico scalone, la cappella con decorazioni della metà Ottocento, il salone delle feste riccamente decorato a stucco, seguito da una serie di sale dalle volte affrescate.

Informazioni
Regione Piemonte – numero verde 800 329 329 www.regione.piemonte.it
Comune di Rivoli – Ufficio Cultura tel. 011 9511650 011 9513454 www.comune.rivoli.to.it
Casa del Conte Verde – tel. 011 9563020

Orari
Martedì – venerdì : 15 –19
Sabato e domenica: 10 -13 ; 15 – 19

Ingresso (biglietto unico per entrambe le mostre)
Intero: 5 euro
Ridotto: 2,50 euro (riduzioni di legge)
Per le scuole: ingresso ridotto per gli studenti, gratuito per gli insegnanti
Ingresso gratuito per i possessori di Abbonamento Musei Torino Piemonte

Ufficio stampa: Stilema srl – via Cavour 19,10123 Torino – tel. +39 011 5624259 / 011 530066 fax +39 011 534409 – [email protected]www.stilemarete.it

I commenti sono chiusi.