Quattro inediti di don Milani | Marco Labbate

Tra aprile e maggio del 2017 è uscita per i Meridiani, sotto la direzione di Alberto Melloni, la collettanea di tutti gli scritti di don Milani, con un apparato critico di straordinaria completezza. Negli studi sul priore l’opera già rappresenta una sorta di imprescindibile pietra miliare. Basta rivolgersi allo scrupolo filologico con cui vengono confrontate … Continua

Elogio del perplesso post-referendario | Marco Labbate

Il no ha vinto e questa è una buona notizia. Ci conferma infatti come, per quanto formidabili possano essere i mezzi di propaganda adoperati da una parte politica, questa non sia in grado da sola di giungere a sensibili modifiche della Costituzione. Perché ciò avvenga l’unica via perseguibile rimane quella dell’accordo tra avversari politici. Se … Continua

Quel digiuno che riconobbe l’obiezione di coscienza | Marco Pannella

Il diario qui riproposto è un documento autografo di Marco Pannella. Egli racconta il digiuno condotto per trentanove giorni, insieme ad Alberto Gardin, per costringere il Parlamento a varare una legge per il riconoscimento della legge sull’obiezione di coscienza e un dispositivo per la scarcerazione di Pietro Valpreda e degli altri anarchici, ancora detenuti per … Continua

Ricordando Pietro Pinna. Le lettere a Capitini (terza parte) | a cura di Marco Labbate

L’ultima parte della pubblicazione delle lettere destinate da Pietro Pinna ad Aldo Capitini, conservate al fondo Capitini dell’Archivio di Stato di Perugia, è dedicata alla libertà riconquistata. L’epistolario si dirada e si spegne. Emerge un senso di apatia e stanchezza che coglie Pinna dopo la libertà, nonostante il tentativo di Capitini di coinvolgerlo in alcune … Continua

Ricordando Pietro Pinna. Le lettere a Capitini (seconda parte) | a cura di Marco Labbate

Continua la pubblicazione delle lettere di Pietro Pinna conservate all’Archivio di Stato di Perugia. In seguito alla sua obiezione di coscienza, espressa nel febbraio del 1949, Pinna venne trattenuto nella cella di punizione fino a marzo, poi trasferito al carcere militare di Torino. Si rimandò il processo fino ad agosto, nella speranza che il tempo … Continua

Ricordando Pietro Pinna. Le lettere a Capitini (prima parte) | a cura di Marco Labbate

La coscienza nell’obiezione Ricordare Pietro Pinna, scomparso lo scorso 13 aprile, significa attraversare i momenti più significativi della storia della nonviolenza italiana: pur non essendo il primo obiettore di coscienza, fu il suo rifiuto del servizio militare nel 1949 a dare all’obiezione di coscienza, per la prima volta, una dimensione pubblica. In seguito, negli anni … Continua

Cinquant’anni fa: processo a un obiettore cattolico | Marco Labbate

22 febbraio 1966. L’aula magna del tribunale militare di Roma è gremita. Il fatto è insolito: i processi militari attirano raramente una tale affluenza di pubblico da necessitarne l’apertura. In quell’aula, ventotto anni prima, era stato condannato a diciannove anni di reclusione il generale Rodolfo Graziani per «collaborazionismo con l’alleato tedesco», non per le stragi compiute in … Continua