Caricamento Eventi

« Tutti gli eventi

  • Questo evento è passato.

Uno sguardo sul Guatemala. L’accompagnamento internazionale ai difensori dei diritti umani

giovedì 7 Febbraio 2019 | ore 18.00

- Ingresso libero

In Guatemala lo scorso mese di dicembre si sono commemorati i 22 anni dalla firma degli Accordi di Pace che hanno messo fine al lungo conflitto armato interno durato 36 anni (1960-1996). Da quel momento in poi si è sperato che le organizzazioni della società civile e i difensori dei diritti umani potessero potare avanti i propri valori in difesa dei diritti umani senza rischio per la propria incolumità e sicurezza. Purtroppo ancora il Paese centroamericano è lontano dal garantire la piena sicurezza a coloro che nel quotidiano difendono i diritti umani.

Fra i temi più rilevanti nella difesa dei diritti umani in Guatemala ci sono la difesa della terra, del territorio e dell’ambiente; il recupero delle terre ancestrali, specialmente delle varie popolazioni Maya che abitano il Paese; la lotta contra mega progetti minerari ed idroelettrici; la ricerca di giustizia e verità nei processi di “giustizia di transizione” per i crimini commessi durante il conflitto armato.

SweFor Guatemala e PBI Italia onlus sono ONG internazionali che lavorano da tempo accompagnando difensori dei diritti umani in Messico, Guatemala, Honduras e Colombia con l’obiettivo di creare spazi di sicurezza e di pace, utilizzando metodi nonviolenti. Roberto Meloni è stato volontario di PBI Guatemala (2016-2017) e attualmente lavora come osservatore di pace e accompagnante di difensori dei diritti umani in Guatemala.”Uno sguardo sul Guatemala” ha come obiettivo di raccontare attraverso parole e immagini l’esperienza dell’accompagnamento internazionale e alcune storie dei difensori dei diritti umani guatemaltechi.

Gli eventi sono promossi da Swefor (www.krf.se), PBI Italia (http://www.pbi-italy.org/) e Centro Studi Sereno Regis (https://serenoregis.org/)


Primo incontro del ciclo Senz’armi di fronte alla guerra, un percorso di eventi sul tema del peacebuilding e degli interventi civili in aree di conflitto, per raccontare esperienze civili di reazione di fronte agli effetti delle guerre.

Nell’ambito di questo ciclo sono stati progettati i seguenti incontri, spettacoli e presentazioni di libri:

  • Uno sguardo sul Guatemala. L’accompagnamento internazionale ai difensori dei diritti umani – testimonianza

Intervento di Roberto Meloni, Osservatore di pace per l’organizzazione Swefor, già volontario internazionale di PBI e volontario di PBI Italia. Incontro promosso con SweFOR e PBI Italia.

Dopo quasi due anni di lavoro su terreno in Guatemala accompagnando difensori dei diritti umani, il proposito di questo incontro è quello di raccontare l’esperienza sul campo e parlare delle numerose storie delle persone che giorno dopo giorno svolgono un servizio per il bene di tutti per difendere i diritti umani. Sono queste storie di popolazioni indigene, campesinos, organizzazioni sociali che ogni giorno lottano pacificamente per rivendicare diritti. Insieme a queste storie, l’altro obiettivo dell’incontro organizzato in maniera congiunta da SweFOR e PBI Italia, è quello della divulgazione di informazioni sulla pratica dell’accompagnamento internazionale.

Periodo: 7 febbraio 2019


  • Badheea: dalla Siria in Italia con il corridoio umanitario – spettacolo teatrale

Spettacolo teatrale sviluppato nell’ambito del progetto di alternanza scuola lavoro dell’Istituto Lagrange sul tema dell’uso dell’arte nel lavoro sociale. Lo spettacolo è tratto dal libro Badheea: dalla Siria in Italia con il corridoio umanitario e racconta la storia di una donna siriana giunta in Italia dal Libano con il progetto dei Corridoi Umanitari. Interviene allo spettacolo Mattia Civico, autore del libro, e alcuni organizzatori e promotori del progetto Corridoi Umanitari della Provincia di Torino.

Periodo: 1 marzo 2019


  • Ordalie: memorie e memoriali per la Pace e la Convivenza – presentazione libro

Gianmarco Pisa, Paesaggi kosovari, 1998-2018, Multimage

Il riconoscimento dei giacimenti culturali e la valorizzazione del “luoghi della memoria”, punti di sedimentazione delle memorie collettive, assurgono altresì a occasioni preziose, contro l’oblio e lo spaesamento, per costruire la pace e la condivisione attraverso le culture.

Nella prospettiva del “culture-oriented peace-building”, attraverso il Mediterraneo, nei Balcani, nel Kosovo post-conflitto, contenuti e significati, in essi racchiusi, riverberano per il futuro messaggi di convivenza e giustizia.

Periodo: 29 maggio 2019


  • Mauro Julini, Uomini e donne per il dialogo. Negoziati, negoziatori, mediatori, Cartacanta – presentazione libro

Un nuovo contributo all’incontro e all’affermazione del paradigma culturale del dialogo e delle modalità di gestione pacifica dei conflitti, per la conoscenza e la legittimazione culturale di mediazioni, negoziati, interventi di facilitazione, articolati tragitti negoziali, come si sono realizzati lungo la storia dell’uomo e della sua civilizzazione.Il libro narra esperienze di vita e professionali di ambasciatori, segretari generali O.N.U., plenipotenziari, nunzi pontifici, inviati speciali, mediatori, facilitatori, peacekeepers, negoziatori, uomini di stato e avvocati impegnati in attività negoziali.

Donne e uomini che hanno agito in epoche differenti, nell’arco di sei secoli, in paesi e condizioni diverse ed in quasi tutti i continenti. Un testo come pretesto, un’occasione di riflessione per un nuovo e diverso paradigma culturale, che passa anche attraverso un maggior coinvolgimento delle donne, per tentare di fare luce su approcci e pratiche che hanno reso il mondo più civile e vivibile, per concorrere a sostenere un progetto di pace e di umanizzazione per le prossime generazioni, quelle che per affrontare i conflitti avranno la possibilità di scegliere, consapevolmente, tra una pluralità di strumenti. Interviene l’autore Mauro Julini.

Periodo: 27 settembre 2019


  • “Il successore” di Mattia Epifani – documentario

La guerra nella ex-Jugoslavia è finita circa vent’anni fa, ma molte mine sono ancora presenti nelle campagne bosniache e continuano a mietere vittime. Al di là del mare, l’ingegner Fontana è proprietario di un’azienda pugliese specializzata nella progettazione e nella vendita di mine antiuomo, la Tecnovar. Ad un certo punto della sua vita un’atroce domanda lo assale: quante vittime avrà causato il lavoro dell’azienda fondata da suo padre?

Da quel momento decide chiudere col passato, rompere con la tradizione familiare e con suo padre – figura tanto carismatica quanto ingombrante. Intraprende così un viaggio esistenziale dall’Italia alla Bosnia Erzegovina, per affrontare i fantasmi che affollano ancora la sua vita.

Periodo: ottobre 2019

 

Dettagli

Data:
giovedì 7 Febbraio 2019
Ora:
18.00
Prezzo:
Ingresso libero
Categoria Evento:
Tag Evento:
, ,
https://www.facebook.com/events/496557550868697/

Luogo

sala Gandhi
via Giuseppe Garibaldi,13
Torino, 10122
+ Google Maps
Telefono:
+39011532824
Visualizza il sito del Luogo
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Dettagli

Data:
giovedì 7 Febbraio 2019
Ora:
18.00
Prezzo:
Ingresso libero
Categoria Evento:
Tag Evento:
, ,
https://www.facebook.com/events/496557550868697/

Luogo

sala Gandhi
via Giuseppe Garibaldi,13
Torino, 10122
+ Google Maps
Telefono:
+39011532824
Visualizza il sito del Luogo