Caricamento Eventi

« Tutti gli eventi

  • Questo evento è passato.

Teatro | Badheea: dalla Siria in Italia con il corridoio umanitario

venerdì 1 Marzo 2019 | ore 20.00

- Ingresso a offerta libera

Spettacolo teatrale sviluppato nell’ambito del progetto di alternanza scuola lavoro dell’Istituto Lagrange sul tema dell’uso dell’arte nel lavoro sociale. Lo spettacolo è tratto dal libro Badheea: dalla Siria in Italia con il corridoio umanitario e racconta la storia di una donna siriana giunta in Italia dal Libano con il progetto dei Corridoi Umanitari. Intervengono allo spettacolo Mattia Civico, autore del libro e alcuni organizzatori e promotori del progetto Corridoi Umanitari della Provincia di Torino.

Era il 29 febbraio 2016 ed erano le 7 di mattina, atterra a Fiumicino un volo Alitalia proveniente da Beirut. Novantatré persone, in gran parte bambini, tutti siriani.

È il primo corridoio umanitario che porta in salvo un gruppo di persone in fuga dalla guerra. In sicurezza e lontano dalle mani dei trafficanti. Fra di loro c’è anche Badheea.

La donna protagonista di questa storia. Una dei sessantacinque milioni di profughi nel mondo. Una madre-coraggio che affronta la morte dei propri cari, la perdita della propria casa e di tutto ciò che aveva; il dolore, la paura, la separazione, il pericolo: ma senza smettere di resistere e di coltivare la speranza.

Una storia che racconta anche di un gruppo di volontari italiani, i corpi civili di pace dell’Operazione Colomba della Comunità Papa Giovanni XXIII, che hanno vissuto con Badheea e con la sua famiglia per tre anni nei campi profughi del Libano; racconta di un passaggio verso una vita degna di essere vissuta, un corridoio umanitario, aperto dalla Comunità di Sant’Egidio, dalla Federazione delle Chiese Evangeliche e dal Tavolo Valdese, che ha consentito a Badheea di richiedere protezione internazionale.

I fondi raccolti saranno destinati al sostegno di Operazione Colomba nei campi profughi in Libano e per le attività del Centro Studi Sereno Regis.


Secondo appuntamento del ciclo “Senz’armi di fronte alla guerra!” un percorso di eventi sul tema del peacebuilding e degli interventi civili in aree di conflitto, per raccontare esperienze civili di reazione di fronte agli effetti delle guerre.


Prossimi appuntamenti:

Ordalie: memorie e memoriali per la Pace e la Convivenza – presentazione libro

Gianmarco Pisa, Paesaggi kosovari, 1998-2018, Multimage

Il riconoscimento dei giacimenti culturali e la valorizzazione del “luoghi della memoria”, punti di sedimentazione delle memorie collettive, assurgono altresì a occasioni preziose, contro l’oblio e lo spaesamento, per costruire la pace e la condivisione attraverso le culture.

Nella prospettiva del “culture-oriented peace-building”, attraverso il Mediterraneo, nei Balcani, nel Kosovo post-conflitto, contenuti e significati, in essi racchiusi, riverberano per il futuro messaggi di convivenza e giustizia.

29 maggio 2019


Mauro Julini, Uomini e donne per il dialogo. Negoziati, negoziatori, mediatori, Cartacanta – presentazione libro

Un nuovo contributo all’incontro e all’affermazione del paradigma culturale del dialogo e delle modalità di gestione pacifica dei conflitti, per la conoscenza e la legittimazione culturale di mediazioni, negoziati, interventi di facilitazione, articolati tragitti negoziali, come si sono realizzati lungo la storia dell’uomo e della sua civilizzazione.Il libro narra esperienze di vita e professionali di ambasciatori, segretari generali O.N.U., plenipotenziari, nunzi pontifici, inviati speciali, mediatori, facilitatori, peacekeepers, negoziatori, uomini di stato e avvocati impegnati in attività negoziali.

Donne e uomini che hanno agito in epoche differenti, nell’arco di sei secoli, in paesi e condizioni diverse ed in quasi tutti i continenti. Un testo come pretesto, un’occasione di riflessione per un nuovo e diverso paradigma culturale, che passa anche attraverso un maggior coinvolgimento delle donne, per tentare di fare luce su approcci e pratiche che hanno reso il mondo più civile e vivibile, per concorrere a sostenere un progetto di pace e di umanizzazione per le prossime generazioni, quelle che per affrontare i conflitti avranno la possibilità di scegliere, consapevolmente, tra una pluralità di strumenti. Interviene l’autore Mauro Julini.

27 settembre 2019


“Il successore” di Mattia Epifani – documentario

La guerra nella ex-Jugoslavia è finita circa vent’anni fa, ma molte mine sono ancora presenti nelle campagne bosniache e continuano a mietere vittime. Al di là del mare, l’ingegner Fontana è proprietario di un’azienda pugliese specializzata nella progettazione e nella vendita di mine antiuomo, la Tecnovar. Ad un certo punto della sua vita un’atroce domanda lo assale: quante vittime avrà causato il lavoro dell’azienda fondata da suo padre?

Da quel momento decide chiudere col passato, rompere con la tradizione familiare e con suo padre – figura tanto carismatica quanto ingombrante. Intraprende così un viaggio esistenziale dall’Italia alla Bosnia Erzegovina, per affrontare i fantasmi che affollano ancora la sua vita.

Periodo: ottobre 2019

Dettagli

Data:
venerdì 1 Marzo 2019
Ora:
20.00
Prezzo:
Ingresso a offerta libera
Categoria Evento:
Sito web:
https://www.facebook.com/events/327911134508303/

Organizzatore

Centro Studi Sereno Regis
Telefono:
+39011532824
Email:
info@serenoregis.org
Visualizza il sito dell'Organizzatore

Luogo

sala Poli
via Giuseppe Garibaldi, 13
Torino, Torino 10122 Italia
+ Google Maps
Telefono:
+39 011532824
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Dettagli

Data:
venerdì 1 Marzo 2019
Ora:
20.00
Prezzo:
Ingresso a offerta libera
Categoria Evento:
Sito web:
https://www.facebook.com/events/327911134508303/

Organizzatore

Centro Studi Sereno Regis
Telefono:
+39011532824
Email:
info@serenoregis.org
Visualizza il sito dell'Organizzatore

Luogo

sala Poli
via Giuseppe Garibaldi, 13
Torino, Torino 10122 Italia
+ Google Maps
Telefono:
+39 011532824