Archivio

print

Nel 1999, nell’ambito di un progetto di valorizzazione degli archivi storici e delle associazioni promosso dall’Assessorato alla Cultura della Regione Piemonte, è stata avviata una prima fase di riordino dei fondi archivistici conservati presso il CSSR. Il lavoro è stato portato a termine nel 2004. I fondi in oggetto constano complessivamente di 6.388 unità archivistiche, con estremi cronologici dal 1932 al 2002, per una consistenza di 138 metri lineari. Questa raccolta nel 2014 è stata ritenuta di interesse storico dalla Soprintendenza Archivistica per il Piemonte e la Valle d’Aosta (prot. N.903/34.22.07).

A questi fondi si è aggiunta altra documentazione archivistica, raccolta dal Centro negli anni successivi al 2004, per un’ulteriore consistenza di 74 metri lineari, non ancora catalogati ma sottoposti a una prima mappatura e organizzati in un provvisorio ordine cronologico e/o tematico.
Nel dettaglio, si tratta di una seconda parte del fondo proveniente dal MIR di Roma, raccolto da Hedi Vaccaro Frehner, a lungo segretaria della sezione italiana del MIR; del fondo dell’«Archivio per la pace Mario Borrelli» (tra i fondatori dell’Italian Peace Research Institute); di altro materiale del fondo personale di Giovanni Salio (ricercatore per la pace, presidente del CSSR dal 1984 al 2016); di documentazione relativa all’obiezione di coscienza proveniente dalle carte di Bruno Segre (storico avvocato degli obiettori) e di Pietro Polito (direttore del Centro Studi Piero Gobetti di Torino). Da ultimo anche il fondo Emilio Tornior sulla questione TAV Torino-Lione.

Le carte conservate al Centro Studi Sereno Regis coprono un arco temporale che va dagli anni Trenta del Novecento ai nostri giorni e rappresentano un patrimonio prezioso per ricostruire la storia e il pensiero dei movimenti pacifisti e ambientalisti italiani. La rilevanza maggiore è forse quella che spetta ai fondi riguardanti la storia dell’obiezione di coscienza in Italia e alle sue implicazioni politiche, sociali e culturali.

Si allegano qui di seguito l’indice analitico dei fondi conservati al Centro e l’inventario dettagliato degli stessi, preceduto da un’introduzione metodologica.


Allegati:

Indice dei fondi

a.Centro Studi Sereno Regis
b.Centro Studi Sereno Regis, Osservatorio Internazionale
c.CSP.Centro Studi per la Pace
d.M.I.R. (Movimento Internazionale della Riconciliazione) – Roma
e.M.I.R. – Movimento Nonviolento Piemonte e Valle d’Aosta
f.Centro Interconfessionale per la Pace (Cipax)
g.Marilena Cardone
h.Pasquale Cavaliere
i.Loris Colombatti
l.Antonino Drago
m.Paolo Hutter
n.Angela Dogliotti Marasso
o.Giuseppe Marasso
p.Giuliano Martignetti
q.Enrico Peyretti
r.Giovanni Salio
s.Domenico Sereno Regis
t.Carla Toscana
u.Giovanni Trapani e Veronica Vaccaro

Fondo Tornior | Rassegna Stampa TAV