I colloqui di pace sono essenziali mentre la guerra infuria in Ucraina

Medea Benjamin, Nicolas J.S. Davies

Per chi dice che i negoziati sono impossibili, basta guardare ai colloqui che si sono svolti nel primo mese dopo l’invasione russa, quando Russia e Ucraina hanno provvisoriamente concordato un piano di pace in quindici punti durante i colloqui mediati dalla Turchia.

Sei mesi fa la Russia ha invaso l’Ucraina. Gli Stati Uniti, la NATO e l’Unione Europea (UE) si sono avvolti nella bandiera ucraina, hanno sborsato miliardi per le spedizioni di armi e hanno imposto sanzioni draconiane volte a punire severamente la Russia per la sua aggressione.

Da allora, il popolo ucraino sta pagando un prezzo per questa guerra che pochi dei suoi sostenitori in Occidente possono immaginare. Le guerre non seguono un copione e la Russia, l’Ucraina, gli Stati Uniti, la NATO e l’Unione Europea hanno tutti incontrato battute d’arresto inaspettate.

Le sanzioni occidentali hanno avuto risultati contrastanti, infliggendo gravi danni economici sia all’Europa che alla Russia, mentre l’invasione e la risposta dell’Occidente si sono combinate per scatenare una crisi alimentare in tutto il Sud globale. Con l’avvicinarsi dell’inverno, la prospettiva di altri sei mesi di guerra e sanzioni minaccia di far precipitare l’Europa in una grave crisi energetica e i Paesi più poveri nella carestia. È quindi nell’interesse di tutte le parti coinvolte rivalutare con urgenza le possibilità di porre fine a questo conflitto prolungato.

Per chi dice che i negoziati sono impossibili, basta guardare ai colloqui che si sono svolti nel primo mese dopo l’invasione russa, quando Russia e Ucraina hanno provvisoriamente accettato un piano di pace in quindici punti durante i colloqui mediati dalla Turchia. I dettagli dovevano ancora essere definiti, ma il quadro e la volontà politica c’erano.

La Russia era pronta a ritirarsi da tutta l’Ucraina, ad eccezione della Crimea e delle repubbliche autodichiarate nel Donbas. L’Ucraina era pronta a rinunciare alla futura adesione alla NATO e ad adottare una posizione di neutralità tra Russia e NATO.

Il quadro concordato prevedeva transizioni politiche in Crimea e nel Donbas che entrambe le parti avrebbero accettato e riconosciuto, basate sull’autodeterminazione della popolazione di queste regioni. La futura sicurezza dell’Ucraina doveva essere garantita da un gruppo di altri Paesi, ma l’Ucraina non avrebbe ospitato basi militari straniere sul proprio territorio.

Il 27 marzo, il Presidente Zelenskyy ha dichiarato a un pubblico televisivo nazionale: “Il nostro obiettivo è ovvio: la pace e il ripristino della vita normale nel nostro Stato natale il prima possibile”. Per rassicurare il suo popolo sul fatto che non avrebbe concesso troppo, il Presidente Zelenskyy ha esposto in TV le sue “linee rosse” per i negoziati e ha promesso loro un referendum sull’accordo di neutralità prima che questo diventi effettivo.

Un successo così precoce per un’iniziativa di pace non ha sorpreso gli specialisti di risoluzione dei conflitti. Le migliori possibilità di trovare un accordo di pace negoziato si hanno in genere durante i primi mesi di una guerra. Ogni mese di guerra offre minori possibilità di pace, poiché ogni parte mette in evidenza le atrocità dell’altra, l’ostilità si radica e le posizioni si induriscono.

L’abbandono di quella prima iniziativa di pace è una delle grandi tragedie di questo conflitto, la cui piena portata diventerà evidente solo con il passare del tempo, quando la guerra continuerà ad infuriare e le sue terribili conseguenze si accumuleranno.

Fonti ucraine e turche hanno rivelato che i governi di Regno Unito e Stati Uniti hanno giocato un ruolo decisivo nel silurare le prime prospettive di pace. Durante la “visita a sorpresa” del Primo Ministro britannico Boris Johnson a Kiev il 9 aprile, egli avrebbe detto al Primo Ministro Zelenskyy che il Regno Unito era “in gioco per il lungo periodo”, che non avrebbe partecipato a nessun accordo tra Russia e Ucraina e che l'”Occidente collettivo” vedeva la possibilità di “fare pressione” sulla Russia ed era determinato a sfruttarla al massimo.

Lo stesso messaggio è stato ribadito dal Segretario alla Difesa americano Austin, che ha seguito Johnson a Kiev il 25 aprile e ha chiarito che gli Stati Uniti e la NATO non stavano più solo cercando di aiutare l’Ucraina a difendersi, ma erano ora impegnati a usare la guerra per “indebolire” la Russia. I diplomatici turchi hanno dichiarato a Craig Murray, diplomatico britannico in pensione, che questi messaggi degli Stati Uniti e del Regno Unito hanno vanificato i loro sforzi, altrimenti promettenti, di mediare un cessate il fuoco e una risoluzione diplomatica.

In risposta all’invasione, gran parte dell’opinione pubblica dei Paesi occidentali ha accettato l’imperativo morale di sostenere l’Ucraina in quanto vittima dell’aggressione russa. Ma la decisione dei governi statunitense e britannico di interrompere i colloqui di pace e prolungare la guerra, con tutto l’orrore, il dolore e la miseria che ciò comporta per il popolo ucraino, non è stata né spiegata all’opinione pubblica, né approvata da un consenso dei Paesi della NATO. Johnson ha affermato di parlare a nome dell'”Occidente collettivo”, ma a maggio i leader di Francia, Germania e Italia hanno tutti rilasciato dichiarazioni pubbliche che contraddicono la sua affermazione.

Rivolgendosi al Parlamento europeo il 9 maggio, il Presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato: “Non siamo in guerra con la Russia” e che il dovere dell’Europa è “stare al fianco dell’Ucraina per raggiungere il cessate il fuoco e poi costruire la pace”.

Incontrando il Presidente Biden alla Casa Bianca il 10 maggio, il Primo Ministro italiano Mario Draghi ha dichiarato ai giornalisti: “La gente… vuole pensare alla possibilità di portare un cessate il fuoco e ricominciare dei negoziati credibili. Questa è la situazione attuale. Penso che dobbiamo riflettere a fondo su come affrontare la questione”.

Dopo aver parlato telefonicamente con il Presidente Putin il 13 maggio, il Cancelliere tedesco Olaf Scholz ha twittato di aver detto a Putin: “Deve esserci un cessate il fuoco in Ucraina il più presto possibile”.

Ma i funzionari americani e britannici hanno continuato a gettare acqua fredda sulle voci di nuovi negoziati di pace. La svolta politica di aprile sembra aver comportato l’impegno da parte di Zelenskyy che l’Ucraina, come il Regno Unito e gli Stati Uniti, era “in gioco per il lungo periodo” e avrebbe combattuto, forse per molti anni, in cambio della promessa di decine di miliardi di dollari di spedizioni di armi, addestramento militare, intelligence satellitare e operazioni segrete occidentali.

Man mano che le implicazioni di questo fatidico accordo diventavano più chiare cominciava a emergere il dissenso, anche all’interno dell’establishment economico e mediatico statunitense. Il 19 maggio, il giorno stesso in cui il Congresso ha stanziato 40 miliardi di dollari per l’Ucraina, compresi 19 miliardi di dollari per nuove spedizioni di armi, senza un solo voto democratico contrario, il comitato editoriale del New York Times ha scritto un editoriale dal titolo “La guerra in Ucraina si sta complicando e l’America non è pronta”.

Il Times ha posto seri interrogativi senza risposta sugli obiettivi degli Stati Uniti in Ucraina e ha cercato di ridimensionare le aspettative irrealistiche create da tre mesi di propaganda occidentale unilaterale, non da ultimo dalle sue stesse pagine. Il comitato riconosceva: “Una vittoria militare decisiva dell’Ucraina sulla Russia, in cui l’Ucraina riconquisti tutto il territorio che la Russia ha conquistato dal 2014, non è un obiettivo realistico…. aspettative irrealistiche potrebbero trascinare [gli Stati Uniti e la NATO] sempre più a fondo in una guerra costosa e prolungata”.

Più di recente, il guerriero Henry Kissinger ha messo pubblicamente in discussione l’intera politica statunitense di rilancio della Guerra Fredda con Russia e Cina e l’assenza di uno scopo chiaro o di un gioco finale che non sia la Terza Guerra Mondiale. “Siamo sull’orlo di una guerra con la Russia e la Cina su questioni che abbiamo in parte creato noi, senza alcun concetto di come finirà o a cosa dovrebbe portare”, ha dichiarato Kissinger al Wall Street Journal.

I leader statunitensi hanno gonfiato il pericolo che la Russia rappresenta per i suoi vicini e per l’Occidente, trattandola deliberatamente come un nemico con cui la diplomazia o la cooperazione sarebbero inutili, piuttosto che come un vicino che solleva comprensibili preoccupazioni difensive per l’espansione della NATO e il suo graduale accerchiamento da parte delle forze militari statunitensi e alleate.

Lungi dall’avere l’obiettivo di dissuadere la Russia da azioni pericolose o destabilizzanti, le amministrazioni successive di entrambi i partiti hanno cercato ogni mezzo disponibile per “sovraestendere e sbilanciare” la Russia, il tutto fuorviando l’opinione pubblica americana nel sostenere un conflitto sempre più grave e impensabilmente pericoloso tra i nostri due Paesi, che insieme possiedono più del 90% delle armi nucleari del mondo.

Dopo sei mesi di guerra per procura degli Stati Uniti e della NATO con la Russia in Ucraina, siamo a un bivio. Un’ulteriore escalation dovrebbe essere impensabile, ma anche una lunga guerra fatta di infiniti sbarramenti di artiglieria e di una brutale guerra urbana e di trincea che distrugge l’Ucraina in modo lento e straziante, uccidendo centinaia di ucraini ogni giorno che passa.

L’unica alternativa realistica a questo massacro senza fine è il ritorno ai colloqui di pace per porre fine ai combattimenti, trovare soluzioni politiche ragionevoli alle divisioni politiche dell’Ucraina e cercare un quadro pacifico per la sottostante competizione geopolitica tra Stati Uniti, Russia e Cina.

Le campagne per demonizzare, minacciare e fare pressione sui nostri nemici possono solo servire a consolidare l’ostilità e a preparare il terreno per la guerra. Le persone di buona volontà possono colmare anche le divisioni più radicate e superare i pericoli esistenziali, purché siano disposte a parlare – e ad ascoltare – i loro avversari.


Medea Benjamin è cofondatrice di CODEPINK for Peace e autrice di diversi libri, tra cui Inside Iran: The Real History and Politics of the Islamic Republic of Iran.

Nicolas J. S. Davies è un giornalista indipendente, ricercatore di CODEPINK e autore di Blood on Our Hands: The American Invasion and Destruction of Iraq.

 

Fonte: Portside, 7 settembre 2022

https://portside.org/2022-09-07/peace-talks-essential-war-rages-ukraine

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.