La risposta militare USA alla Russia

La risposta militare USA alla Russia potrebbe provocare una guerra nucleare

Jessica Corbett

“Contrariamente alla saggezza convenzionale, il bilancio della difesa degli Stati Uniti non ha bisogno di continuare a crescere”, afferma un nuovo rapporto del Cost of War Project, sostenendo che può e deve “invece essere tagliato”. La risposta militare USA alla Russia potrebbe provocare una guerra nucleare

Mentre le forze ucraine continuano a fare progressi contro gli invasori russi a quasi sette mesi dall’inizio della guerra, un esperto della Brown University ha avvertito giovedì che l’aumento delle spese militari da parte degli Stati Uniti in risposta alla Russia potrebbe portare a un confronto nucleare.

“Se gli Stati Uniti e la NATO aumentano le spese militari e le forze convenzionali in Europa, la debolezza delle forze militari convenzionali russe potrebbe spingere Mosca a fare maggiore affidamento sulle sue forze nucleari”.

Il professore ospite Lyle Goldstein ha redatto un rapporto intitolato Threat Inflation, Russian Military Weakness, and the Resulting Nuclear Paradox: Implications of the War in Ukraine for U.S. Military Spending (Inflazione delle minacce, debolezza militare russa e conseguente paradosso nucleare: implicazioni della guerra in Ucraina per la spesa militare degli Stati Uniti) per il Costs of War Project del Watson Institute for International and Public Affairs della Brown.

“L’aggressione russa in Ucraina richiede una risposta internazionale. Tuttavia, non giustifica un aumento dei bilanci militari degli Stati Uniti, che potrebbe in ultima analisi aggravare le tensioni con la Russia e condurci ancora una volta su una strada pericolosa”, ha dichiarato in un comunicato Stephanie Savell, co-direttrice del Costs of War Project.

Dato che gli Stati Uniti e altre nazioni della NATO stanno investendo denaro in Ucraina e che la Russia e gli Stati Uniti hanno di gran lunga le più grandi scorte di armi nucleari, da febbraio sono aumentate le preoccupazioni che la guerra regionale possa portare a una catastrofe globale.

“Il bilancio militare degli Stati Uniti è destinato a salire oltre gli 800 miliardi di dollari, in parte a causa del conflitto in Ucraina. Ma l’aumento delle spese non è la soluzione”, ha dichiarato Savell. “Questa ricerca getta le basi per una conversazione più onesta negli Stati Uniti su ciò che realmente promuoverà la pace per le persone nella regione e per il mondo”.

Il documento di Goldstein spiega che “storicamente, l’inflazione delle minacce ha portato a decisioni di politica estera degli Stati Uniti disastrose e inutilmente costose” e “gli strateghi occidentali hanno una lunga tradizione di sopravvalutazione della Russia come minaccia”.

“Tra gli esempi più importanti si può citare il famoso “divario missilistico”, che si è rivelato del tutto errato, quando in realtà gli Stati Uniti avevano un arsenale nucleare molto più grande rispetto all’URSS nei primi anni ’60”, si legge nel rapporto. “La falsa percezione di un divario ha contribuito a scatenare una corsa agli armamenti che ha portato ad arsenali sprecati e pericolosi di decine di migliaia di armi nucleari da entrambe le parti”.

Ricordando quanto gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica siano stati più vicini alla guerra nucleare, Goldstein ha dichiarato giovedì in un comunicato che “mentre ci avviciniamo al 60° anniversario della crisi dei missili di Cuba, è imperativo mitigare le tensioni di tipo guerra fredda con Mosca e dare priorità alla riduzione del rischio nucleare”.

 

 

Per ridurre questo rischio è necessario riconoscere che, come si legge nel rapporto, “la Russia è una potenza militare convenzionale più debole di quanto molti negli Stati Uniti avessero immaginato; pertanto, non ci sono ulteriori motivi per intensificare il timore di una minaccia militare russa agli Stati Uniti né per la conseguente espansione del budget del Pentagono”.

“D’altra parte”, avverte il documento, “se gli Stati Uniti e la NATO aumentano la loro spesa militare e le loro forze convenzionali in Europa, la debolezza delle forze militari convenzionali russe potrebbe spingere Mosca a fare maggiore affidamento sulle sue forze nucleari”.

Goldstein è un esperto di sviluppo strategico militare russo che ha trascorso due decenni nella facoltà dell’U.S. Naval War College. Per questo rapporto ha utilizzato fonti in lingua russa, che hanno fornito una “visione più approfondita e da insider” dei “molteplici ed endemici problemi” dell’esercito.

A causa della spesa militare relativamente bassa, “la Russia non sembra avere un esercito capace di azioni offensive prolungate e su larga scala, per non parlare delle operazioni di spedizione, che potrebbero minacciare la sicurezza nazionale degli Stati Uniti”, si legge nel documento, che illustra le scarse prestazioni delle forze aeree, informatiche, terrestri, missilistiche, navali e spaziali russe contro l’Ucraina quest’anno.

“Contrariamente alla saggezza convenzionale, il bilancio della difesa statunitense non deve continuare a crescere”, sottolinea il documento. “Piuttosto, consapevoli della debolezza militare convenzionale della Russia, il bilancio militare degli Stati Uniti può essere ridotto”.

Oltre all’argomento del rischio nucleare, il documento indica gli sviluppi in Europa per giustificare la riduzione delle spese militari statunitensi.

“Gli eserciti russi non sono assolutamente in grado di marciare su Parigi o Berlino, per non parlare di Varsavia o Bucarest, né ora né nel prossimo futuro. È abbastanza evidente che non potrebbero nemmeno conquistare Kiev”, si legge nel documento. “Tuttavia, gli orrori dell’aggressione del Cremlino, che non possono essere minimizzati, hanno anche galvanizzato un nuovo sforzo degli europei per prendere in mano la propria sicurezza”.

“La situazione attuale, in cui gli europei spendono di più per la difesa, potrebbe riflettere un riequilibrio più razionale degli oneri della difesa, consentendo agli Stati Uniti di smilitarizzarsi, almeno in una certa misura”, afferma il rapporto, sottolineando anche che “i negoziati più promettenti sull’Ucraina prima della guerra sono stati guidati dai leader europei”.

Secondo Goldstein:

Anche se alla fine non ha avuto successo, il formato prometteva molto bene di fare un passo avanti. Pertanto, un’energica difesa europea si spera possa annunciare una più equa condivisione degli oneri transatlantici, ma anche inaugurare un’era di politiche più responsabili, mature, realistiche e inclusive per la sicurezza europea. In questo modo, l’approccio militarizzato alla Russia, inevitabile nel breve periodo, potrà gradualmente lasciare il posto a un ritorno alla diplomazia e alla pace nel tempo. Aumentando il contenuto europeo della sicurezza europea, si possono ottenere risultati migliori, dato che l’architettura dominante di Stati Uniti e NATO non è riuscita a produrre una pace duratura nell’Europa orientale contemporanea.

Per porre fine alla guerra della Russia in Ucraina, il documento suggerisce di perseguire “approcci di de-escalation”, tra cui “colloqui diretti, rilanciare l’agenda del controllo degli armamenti e perseguire misure militari di rafforzamento della fiducia tra i Paesi della NATO e la Russia”.

Il rapporto giunge mentre i gruppi contro la guerra – tra cui CodePink – si impegnano in una settimana di azioni in tutti gli Stati Uniti per spingere alla pace in Ucraina.

“La Casa Bianca e il Congresso stanno alimentando questa guerra con un flusso costante di armi, invece di spingere i colloqui per porre fine al conflitto”, ha dichiarato Medea Benjamin, cofondatrice di CodePink. “Ecco perché noi, il popolo, dobbiamo insorgere chiedendo negoziati, non un’escalation”.


Fonte: Common Dreams, 15 settembre 2022

https://www.commondreams.org/news/2022/09/15/report-warns-us-militarized-response-russia-could-provoke-nuclear-war

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.