Ende Gelände

Ende Gelände blocca il ‘capitalismo fossile’

Alice Swift

Ende Gelände

Gli attivisti per la giustizia climatica denunciano nuovi livelli di brutalità da parte della polizia durante l’ultima azione Ende Gelände ad Amburgo, in Germania. Gli attivisti hanno preso di mira le infrastrutture per il gas fossile e l’impianto di fertilizzanti chimici Yara a Brunsbüttel, nello Schleswig-Holstein, per combattere l’ingiustizia climatica. Il porto di Amburgo si è fermato il 13 agosto 2022 e per giorni si sono verificati gravi disagi economici tra l’11 e il 14 agosto.

Smantellato

Gli attivisti hanno occupato il cantiere per la costruzione del previsto terminale di gas naturale liquefatto a Wilhelmshaven, in Bassa Sassonia. E hanno bloccato le linee ferroviarie e i ponti utilizzati per l’importazione e la lavorazione di gas fossile, petrolio e carbone.

Dal 2015, Ende Gelände ha preso di mira prevalentemente la lignite in Germania e, insieme ad altri gruppi come l’occupazione della foresta di Hambacher, è riuscita a spingere per un’eliminazione graduale del carbone in Germania.

Tuttavia, il nuovo governo di coalizione dei socialdemocratici e dei verdi ha chiarito che intende seguire la corsa al gas del governo britannico.

L’iniziativa guidata dal partito dei Verdi prevede la costruzione di dodici terminali di gas naturale liquefatto nell’area di Amburgo e la loro gestione da parte delle compagnie energetiche fino al 2043.

Come il Regno Unito, il governo tedesco sta usando la guerra in Ucraina come pretesto per raddoppiare il consumo di combustibili fossili, aumentando le importazioni di gas fossile e riaprendo potenzialmente le centrali a carbone dismesse.

Giustizia

Ende Gelände ha attirato l’attenzione sulla menzogna che il gas fossile sia un “combustibile di transizione” o sia “verde”, dimostrando che il gas contribuisce ancora in modo massiccio al cambiamento climatico con il suo rilascio di metano, un gas che ha un effetto sul cambiamento climatico molto più grande della CO2.

Gli attivisti hanno sostenuto che la sicurezza energetica sarebbe migliore con le energie rinnovabili nazionali e che l’aumento delle bollette energetiche nazionali è una crisi della distribuzione capitalista. Mentre l’industria dei combustibili fossili riceve miliardi di sussidi, quest’inverno milioni di persone cadranno nella povertà energetica.

Ende Gelände ha anche richiamato l’attenzione sull’aspetto economico neocoloniale dell’enorme aumento delle importazioni di gas. Aumentando le importazioni di gas e smettendo di affidarsi al gas russo, la Germania si affiderà sempre più al gas fratturato del Nord America e a quello dell’America Latina e dell’Africa, con costi enormi per le popolazioni interessate.

Molti attivisti ecologisti del Sud globale che lottano contro l’estrazione sono stati uccisi e gravemente repressi in un sistema capitalistico coloniale di cui il governo tedesco è complice.

Ende Gelände ha lavorato a stretto contatto con gruppi anticoloniali e di giustizia razziale per sostenere un’azione contro il gas in solidarietà con il Sud globale.

Cordone

Circa 3.000 persone hanno partecipato al campo – il primo campo d’azione di Ende Gelände su larga scala dal 2019. Sebbene ci siano state due mobilitazioni dal 2019, a causa del covid non c’è stato nessun campo di massa fino a quest’anno. Le autorità regionali hanno tentato più volte di vietare il campo, ma sono state respinte due volte in tribunale.

Sebbene abbia sperimentato la brutalità della polizia in molte delle precedenti azioni di Ende Gelände, quest’anno la repressione è aumentata notevolmente.

Hanno partecipato attivisti da tutta Europa e da tutto il mondo, compresi attivisti del Regno Unito e del Sud globale. Le persone sono state mobilitate su un’esplicita politica anticapitalista, anticoloniale e intersezionale, che si rifletteva nella moltitudine di workshop disponibili all’accampamento.

Sebbene abbia sperimentato la brutalità della polizia in molte delle precedenti azioni di Ende Gelände, quest’anno ho assistito a un grado di repressione significativamente più elevato.

La polizia ha usato quantità eccessive di spray al peperoncino sugli attivisti, anche dopo che non eravamo più in grado di muoversi essendo rimasti intrappolati da un cordone di polizia.

Le prigioni

Le persone sono state temporaneamente accecate e hanno gridato di dolore contro questo assalto. La polizia ha anche usato cannoni ad acqua contro gli attivisti che bloccavano un ponte utilizzato per il trasporto di gas fossile, causando dolore e contusioni. È stata anche molto disinvolta nel picchiare gli attivisti con i manganelli.

La polizia ha confiscato le protezioni solari per il caldo di oltre 30° e ha rifiutato agli attivisti l’acqua e l’accesso ai medici. La polizia ha persino affermato che lo spray al peperoncino è stato usato solo dopo che gli attivisti lo avevano usato per primi, una bugia ripetuta in seguito dal Daily Mail che ha mostrato la brutalità della polizia tedesca come esempio da seguire per la polizia britannica.

Nonostante abbiano causato gravi disagi economici al funzionamento delle infrastrutture del capitalismo fossile, ci sono stati pochissimi arresti e si prevede che continueranno a non esserci condanne come risultato di questa e di tutte le altre precedenti azioni di Ende Gelände.

Fin dall’inizio Ende Gelände ha cercato di evitare la repressione legale e le condanne penali nelle proprie azioni, comprendendo che l’arresto può avvenire ma non è attivamente voluto. Riconosciamo che è la disgregazione economica a minare il sistema capitalistico fossile e non il riempimento delle carceri con gli attivisti.


Fonte: Ecologist, 2 settembre 2022

https://theecologist.org/2022/sep/02/ende-gelande-blockades-fossil-capitalism

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.