Attivismo contro la guerra in Russia

Attivismo contro la guerra in Russia

Civic Media Observatory

Il Civic Media Observatory intervista un ricercatore russo sull’attivismo contro la guerra in Russia, ma a causa della mancanza di libertà di stampa, è difficile sapere cosa sta accadendo. Questa intervista fa parte di Undertones, la newsletter del Civic Media Observatory di Global Voices. Scopri di più sulla sua mission, sulla metodologia e sui dati disponibili al pubblico.

Abbonati a Undertones.


I ricercatori del Civic Media Observatory setacciano Internet alla ricerca di elementi mediatici da evidenziare, registrare e analizzare. È un processo stimolante per documentare le narrazioni generali di ciò che la gente dice. Tuttavia, a quasi sei mesi dall’invasione russa dell’Ucraina, l’ecosistema mediatico russo sembra essere diventato stantio. Gli articoli e le narrazioni si ripetono, come in una giostra. Un tempo piene di vita, le voci contro la guerra si sono placate.

Per parlare di questo fenomeno, uno dei nostri analisti, che è russo, ha accettato di parlare con Melissa Vida delle sue ultime scoperte nell’ambito delle attività contro la guerra, sia online che offline. Abbiamo mantenuto l’anonimato del ricercatore per la sua sicurezza.

Melissa Vida (MV): Che aspetto ha oggi il movimento contro la guerra?

Ricercatore (R): Beh, innanzitutto non c’è un movimento. Non direi che c’è un movimento come quello rivoluzionario in Ucraina a Maidan.


Attivismo contro la guerra in Russia

Kiev, 18 febbraio 2014 | By <a href=”//commons.wikimedia.org/wiki/User:Mstyslav_Chernov” title=”User:Mstyslav Chernov”>Mstyslav Chernov/Unframe/http://www.unframe.com/</a> – <span class=”int-own-work” lang=”en”>Own work</span>, CC BY-SA 3.0, Link


Ci sono attività decentrate che spuntano qua e là, dentro e fuori la Russia. A volte sono collegate tra loro, ma il più delle volte non lo sono. Non ci sono molti tentativi di centralizzare queste azioni, perché è impossibile farlo. I leader sono in carcere o in esilio, tutti i movimenti precedenti alla guerra sono stati smantellati dallo Stato subito dopo l’invasione.

Per esempio, c’è la resistenza femminista contro la guerra, un’organizzazione decentrata di donne che agiscono in modo indipendente. Le artiste [come la regista Yekaterina Selenkina] hanno fatto delle performance, come quando portava un bambolotto ricoperto di sangue per ricordare alla gente la guerra nella stazione della metropolitana di Mosca. Altri fanno installazioni artistiche per rappresentare le vittime dei bombardamenti. Poi, ci sono iniziative non correlate, come le azioni di guerriglia di coloro che hanno distrutto le ferrovie che consegnano armi all’Ucraina. Molte persone, però, agiscono in segreto.

MV: Come sono le narrazioni contro la guerra negli spazi online in questi giorni?

R: Ci sono meno nuove narrazioni che vengono rese pubbliche online. Ci sono alcune vecchie narrazioni, come quelle che affermano che “la guerra è brutta” e condividono storie dell’orrore. Anche le narrazioni che criticano il ruolo occidentale nella guerra sono ancora vive. Le celebrità russe che sono rimaste in Russia continuano a ignorare del tutto la guerra e a postare foto di viaggi e feste. Non siamo in grado di cogliere molte nuove narrazioni.

Forse ci sono meno informazioni perché è estate, ma soprattutto le persone sono [sigh]. Io faccio parte di questo esaurimento universale. La psiche umana non può assorbire così tanto ed essere stabile e coinvolta emotivamente. Penso che questo sia ciò che sta accadendo alle persone terrorizzate e disgustate: sono esauste.

Inoltre, le persone all’interno della Russia parlano meno perché, beh, alcuni di loro sono in carcere o stanno affrontando processi, quindi ovviamente non possono produrre cose. In realtà, molti degli arrestati scrivono dichiarazioni contro la guerra su manifesti mentre sono in tribunale, anche se sono condannati ad anni di prigione.

La gente in Russia ha anche più paura di esprimersi sulla guerra, perché ci sono meno voci rispetto al passato. Quindi c’è più rischio di essere scoperti e messi in prigione.

MV: Quali sono le ripercussioni che subiscono i manifestanti contro la guerra?

R: Alcuni vengono multati, altri finiscono direttamente in prigione, è piuttosto casuale. Ma non si tratta solo di parlare. Di recente un professore di filosofia è stato multato dell’equivalente di uno stipendio mensile per aver messo la “sad emoji” su un post contro la guerra. È un caso rappresentativo di ciò che sta accadendo. Ci sono gruppi di attivisti filogovernativi che monitorano gli “smile” e i “like” e li segnalano alle autorità.

In un altro caso, c’è stata una maestra che ha cercato di togliere la parola “Z” dal muro. Gli alunni e i genitori l’hanno denunciata alla polizia e lei è stata multata. Chi parla contro la guerra può essere punito dai colleghi o dalla famiglia.

Molte delle persone messe in prigione non erano attivisti; alcuni erano direttori di marketing e altri erano proprietari di aziende. È molto casuale. Penso che sia più sicuro essere una figura importante quando si parla contro la guerra, perché è più probabile che riceva sostegno. Ma spesso sono coloro che sono molto poco protetti a essere presi di mira; non hanno la stessa attenzione da parte dei media.

MV: È possibile sapere quali azioni contro la guerra sono in corso?

R: A parte il lavoro pubblico delle attiviste e delle femministe, o le dichiarazioni contro la guerra delle persone in tribunale, è difficile sapere tutto quello che viene fatto, perché il giornalismo è quasi morto, anche se c’è ancora molto da fare nonostante le circostanze. È difficile capire la portata delle azioni contro la guerra. Non ci sono persone che le coprano, perché è punibile anche solo coprirle.

Tuttavia, ci sono alcune notizie qua e là. Ci sono alcune iniziative che cercano di compilare una lista di movimenti attivisti. E ci sono alcune attività e piccoli atti di ribellione, come togliere i simboli “Z” dai muri e dalle istituzioni o affiggere dichiarazioni contro la guerra sotto forma di graffiti. Tutto ciò è in corso. Per esempio, c’era una poesia che affermava che tutto è proibito in Russia ed è contro la guerra, ed è stata cancellata in un giorno. Ci sono ancora azioni, non è una terra morta.

MV: Quali sono le speranze e le aspettative ora?

R: [Sospira]. Nessuno ha speranze o aspettative, la gente sopravvive e tira avanti. Fanno quello che possono permettersi di fare. Tutti sono realisti. Non possiamo fermare la guerra con attività contro la guerra, tranne forse per questi guerriglieri che distruggono le ferrovie. È più che altro qualcosa che la gente sente di dover fare perché non sostiene la guerra. Secondo me, lo fanno per obbligo morale. Alcuni potrebbero avere la speranza di poter cambiare qualcosa, ma non se ne parla pubblicamente.

Molte persone in Russia sostengono la guerra. La resistenza femminista contro la guerra si impegna molto per cercare di aprire gli occhi alle persone favorevoli alla guerra su ciò che sta accadendo. La loro speranza è di cambiare l’atteggiamento comune, un po’ alla volta, all’interno della Russia.


Fonte: Global Voices, 22 agosto 2022

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.