Saremo l'ultima civiltà a crollare

Saremo l’ultima civiltà a crollare

Chris Hedges

Ovviamente non siamo la prima, ma probabilmente saremo l’ultima civiltà a crollare

CAHOKIA MOUNDS, ILLINOIS – Sono in piedi in cima a un tumulo templare alto 30 metri, la più grande opera di terra conosciuta nelle Americhe costruita da popolazioni preistoriche. Le temperature, che raggiungono gli ottanta, insieme all’umidità opprimente, hanno svuotato il parco di tutti i visitatori, tranne una manciata. La mia camicia è bagnata di sudore.

Dalla struttura, nota come Monks Mound, guardo le pianure sottostanti, con tumuli più piccoli che costellano la distanza. Questi tumuli di terra, costruiti alla confluenza dei fiumi Illinois, Mississippi e Missouri, sono tutto ciò che rimane di uno dei più grandi insediamenti precolombiani a nord del Messico, occupato dall’800 al 1.400 d.C. circa da forse 20.000 persone.

Questa grande città, forse la più grande del Nord America, sorse, fiorì, cadde in declino e infine fu abbandonata. Le civiltà muoiono secondo schemi familiari. Esauriscono le risorse naturali. Generano élite parassitarie che saccheggiano e depredano le istituzioni e i sistemi che rendono possibile una società complessa. Si impegnano in guerre inutili e autolesioniste. E poi il marciume si fa strada. I grandi centri urbani muoiono per primi, cadendo in una decadenza irreversibile. L’autorità centrale si disfa. L’espressione artistica e l’indagine intellettuale sono sostituite da una nuova era oscura, il trionfo dello spettacolo pacchiano e la celebrazione dell’imbecillità che piace alle folle.

“Il collasso avviene, e può avvenire, solo in un vuoto di potere”, scrive l’antropologo Joseph Tainter in Il collasso delle società complesse.

“Il collasso è possibile solo quando non c’è un concorrente abbastanza forte da riempire il vuoto politico della disintegrazione”.

Diversi secoli fa, i governanti di questo vasto complesso urbano, che copriva circa 4.000 acri, compresa una piazza centrale di 40 acri, si trovavano dove mi trovo io. Senza dubbio vedevano nei brulicanti insediamenti un potere inattaccabile, con almeno 120 tumuli templari utilizzati come residenze, luoghi sacri per le cerimonie, tombe, centri di incontro e campi da gioco.

I guerrieri Cahokia dominavano un vasto territorio da cui esigevano tributi per arricchire la classe dirigente di questa società altamente stratificata. Leggendo il cielo, questi costruttori di tumuli costruirono diversi osservatori astronomici circolari – versioni in legno di Stonehenge.

I governanti ereditari della città erano venerati in vita e in morte. A mezzo miglio da Monks Mound si trova il Mound 72, alto sette metri, in cui gli archeologi hanno trovato i resti di un uomo su una piattaforma ricoperta da 20.000 perline a disco di conchiglia provenienti dal Golfo del Messico. Le perline erano disposte a forma di falco, con la testa del falco sotto e accanto alla testa dell’uomo. Le ali e la coda erano posizionate sotto le braccia e le gambe dell’uomo. Sotto questo strato di conchiglie c’era il corpo di un altro uomo, sepolto con la faccia rivolta verso il basso.

Intorno a questi due uomini c’erano altri sei resti umani, forse dei servitori, che potrebbero essere stati messi a morte per accompagnare l’uomo sepolto nell’aldilà. Nelle vicinanze erano sepolti i resti di 53 ragazze e donne di età compresa tra i 15 e i 30 anni, disposti in fila in due strati separati da stuoie. Sembravano essere state strangolate a morte.

Il poeta Paul Valéry ha osservato che “una civiltà ha la stessa fragilità di una vita”.

Dall’altra parte del fiume Mississippi rispetto a Monks Mound, è visibile lo skyline della città di Saint Louis. È difficile non vedere il nostro crollo in quello di Cahokia. Nel 1950, St. Louis era l’ottava città più grande degli Stati Uniti, con una popolazione di 856.796 abitanti.

Oggi, quel numero è sceso a meno di 300.000, con un calo di circa il 65%. I principali datori di lavoro – Anheuser-Busch, McDonnell-Douglas, TWA, Southwestern Bell e Ralston Purina – hanno ridotto drasticamente la loro presenza o se ne sono andati del tutto. St. Louis è costantemente classificata come una delle città più pericolose del Paese. Una persona su cinque vive in povertà.

Secondo un rapporto del 2021, il Dipartimento di Polizia Metropolitana di St. Louis ha il più alto tasso di omicidi di polizia pro capite tra i 100 dipartimenti di polizia più grandi della nazione.

I detenuti delle squallide carceri della città, dove 47 persone sono morte in custodia tra il 2009 e il 2019, lamentano la mancanza di acqua nelle loro celle per ore e le guardie che spruzzano abitualmente spray al peperoncino sui detenuti, compresi quelli in attesa di suicidio.

Le infrastrutture fatiscenti della città, le centinaia di edifici sventrati e abbandonati, le fabbriche vuote, i magazzini sfitti e i quartieri impoveriti replicano le rovine di altre città americane post-industriali, i classici segnali di una civiltà in declino terminale.

“Proprio come in passato, i Paesi stressati dal punto di vista ambientale, sovrappopolati o entrambi, rischiano di essere stressati dal punto di vista politico e di veder crollare i loro governi”, sostiene Jared Diamond in Collapse: How Societies Choose to Fail or Succeed.

“Quando le persone sono disperate, denutrite e senza speranza, incolpano i loro governi, che vedono come responsabili o incapaci di risolvere i loro problemi. Cercano di emigrare a ogni costo. Si combattono per la terra. Si uccidono a vicenda. Danno vita a guerre civili. Pensano di non avere nulla da perdere, quindi diventano terroristi, oppure appoggiano o tollerano il terrorismo”.

Le civiltà preindustriali dipendevano dai limiti dell’energia solare ed erano limitate da strade e vie d’acqua, ostacoli che sono stati eliminati quando il combustibile fossile è diventato una fonte di energia. Quando gli imperi industriali sono diventati globali, il loro aumento di dimensioni ha comportato un aumento della complessità. Ironicamente, questa complessità ci rende più vulnerabili ai crolli catastrofici, non meno.

L’aumento delle temperature (l’Iraq sta sopportando un caldo di quasi 50 gradi che ha danneggiato la rete elettrica del Paese), l’esaurimento delle risorse naturali, le inondazioni, la siccità (la peggiore siccità degli ultimi 500 anni sta devastando l’Europa occidentale, centrale e meridionale e si prevede un calo dei raccolti dell’8 o 9 percento), le interruzioni di corrente, le guerre, le pandemie, l’aumento delle malattie zoonotiche e i guasti alle catene di approvvigionamento si combinano per scuotere le fondamenta della società industriale.

L’Artico si è riscaldato quattro volte più velocemente della media globale, provocando un’accelerazione dello scioglimento della calotta glaciale della Groenlandia e modelli meteorologici bizzarri. Il Mare di Barents, a nord della Norvegia e della Russia, si sta riscaldando fino a sette volte più velocemente. Gli scienziati del clima non si aspettavano un clima così estremo prima del 2050.

 

“Ogni volta che la storia si ripete, il prezzo sale”, avverte l’antropologo Ronald Wright, che definisce la società industriale “una macchina suicida”.

 

In Una breve storia del progresso, scrive:

La civiltà è un esperimento, un modo di vivere molto recente nella carriera umana, e ha l’abitudine di cadere in quelle che io chiamo trappole del progresso. Un piccolo villaggio su un buon terreno accanto a un fiume è una buona idea; ma quando il villaggio cresce e diventa una città e spiana il buon terreno, diventa una cattiva idea.

Mentre prevenire sarebbe stato facile, curare potrebbe essere impossibile: una città non si sposta facilmente. Questa incapacità umana di prevedere – o di badare – alle conseguenze a lungo termine potrebbe essere insita nella nostra specie, plasmata dai milioni di anni in cui abbiamo vissuto di rendita cacciando e raccogliendo. Potrebbe anche essere poco più di un mix di inerzia, avidità e stupidità incoraggiato dalla forma della piramide sociale. La concentrazione di potere ai vertici delle società su larga scala conferisce all’élite un interesse acquisito nello status quo; essa continua a prosperare in tempi bui anche dopo che l’ambiente e la popolazione in generale iniziano a soffrire.

Embed from Getty Images

Wright riflette anche su ciò che si lascerà alle spalle:

Gli archeologi che ci scaveranno dovranno indossare tute protettive. L’umanità lascerà uno strato rivelatore nella documentazione fossile composto da tutto ciò che produciamo, dai cumuli di ossa di pollo, salviette umidificate, pneumatici, materassi e altri rifiuti domestici ai metalli, al cemento, alla plastica, ai prodotti chimici industriali e ai residui nucleari delle centrali elettriche e degli armamenti. Stiamo imbrogliando i nostri figli, consegnando loro lussi pacchiani e gadget che creano dipendenza, mentre portiamo via ciò che resta della ricchezza, della meraviglia e della possibilità della Terra incontaminata.

I calcoli dell’impronta dell’umanità suggeriscono che da almeno 30 anni siamo in “deficit ecologico”, cioè che prendiamo più di quanto i sistemi biologici della Terra possano sopportare. Il topsoil si sta perdendo molto più velocemente di quanto la natura possa ricostituirlo; il 30% delle terre coltivabili si è esaurito dalla metà del XX secolo.

Abbiamo finanziato questo debito mostruoso colonizzando il passato e il futuro, attingendo energia, fertilizzanti chimici e pesticidi dal carbonio fossile del pianeta e scaricando le conseguenze sulle generazioni future della nostra specie e di tutte le altre. Alcune di queste specie sono già andate in bancarotta: si sono estinte. Altre seguiranno.

Con il declino di Cahokia, la violenza aumentò drammaticamente. Le città circostanti furono rase al suolo. Gruppi di persone, che si contavano a centinaia, furono massacrati e sepolti in fosse comuni. Alla fine, “il nemico uccise tutte le persone indiscriminatamente. L’intento non era solo di prestigio, ma una forma precoce di pulizia etnica”, scrive l’antropologo Timothy R. Pauketat in Ancient Cahokia and the Mississippians. Egli osserva che, in un cimitero del XV secolo nell’Illinois centrale, un terzo degli adulti era stato ucciso con colpi alla testa, ferite da freccia o scalpo. Molti mostravano segni di fratture alle braccia dovute ai vani tentativi di respingere gli aggressori.

Questa tendenza alla violenza interna è aggravata da un’autorità centrale indebolita e screditata. Nelle fasi successive della Cahokia, la classe dirigente si circondò di palizzate di legno fortificate, tra cui un muro lungo due miglia che racchiudeva Monks Mound. Fortificazioni simili costellavano il vasto territorio controllato dai Cahokia, isolando comunità separate in cui i ricchi e i potenti, protetti da guardie armate, cercavano di proteggersi dalla crescente illegalità e accaparravano risorse e scorte alimentari in diminuzione.

Il sovraffollamento all’interno di queste baracche vide la diffusione della tubercolosi e della blastomicosi, causata da un fungo diffuso nel suolo, oltre che dell’anemia da carenza di ferro. I tassi di mortalità infantile aumentarono e la durata della vita diminuì, come risultato della disintegrazione sociale, della cattiva alimentazione e delle malattie.

Nel 1400 Cahokia era stata abbandonata. Nel 1541, quando l’esercito invasore di Hernando de Soto scese nell’odierno Missouri in cerca di oro, rimasero solo i grandi tumuli, reliquie di un passato dimenticato.

Questa volta il crollo sarà globale. Non sarà possibile, come nelle società antiche, migrare verso nuovi ecosistemi ricchi di risorse naturali. L’aumento costante del calore devasterà i raccolti e renderà inabitabile gran parte del pianeta. Gli scienziati del clima avvertono che una volta che le temperature saranno aumentate di 4?, la Terra, nel migliore dei casi, sarà in grado di sostenere un miliardo di persone.

Più la crisi diventa insormontabile, più noi, come i nostri antenati preistorici, ci ritireremo in risposte autolesioniste, nella violenza, nel pensiero magico e nella negazione.

Lo storico Arnold Toynbee, che ha individuato nel militarismo incontrollato il colpo fatale agli imperi del passato, ha sostenuto che le civiltà non vengono uccise, ma si suicidano. Non riuscendo ad adattarsi a una crisi, si assicurano la propria cancellazione. Il collasso della nostra civiltà sarà unico per dimensioni, amplificato dalla forza distruttiva della nostra società industriale basata sui combustibili fossili. Ma riprodurrà i modelli familiari di collasso che hanno fatto crollare le civiltà del passato. La differenza sarà nella scala, e questa volta non ci sarà via d’uscita.


Fonte: MintPress News

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

1 commento
  1. Cinzia
    Cinzia dice:

    Perbacco che articolo! Grazie a chi l'ha tradotto, grazie a chi l'ha pubblicato.
    Leggendolo, mi è venuto in mente – almeno 10 volte – Piccolo è bello di Schumacher.
    Consiglio di lettura per approfondire questo articolo?
    Cinzia Picchioni

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.