Fare soldi con la guerra

Fare soldi con la guerra

John Scales Avery

Un vasto fiume di denaro

Secondo l’Istituto Internazionale di Ricerca sulla Pace di Stoccolma (SIPRI), nel 2021 il mondo ha speso 2,113 trilioni di dollari in armamenti. Di questa cifra quasi incomprensibile, gli Stati Uniti hanno speso quasi la metà del totale, 801 miliardi di dollari. Ecco come fare soldi con la guerra.

Forse uno dei motivi per cui gli Stati Uniti spendono in modo sproporzionato è che negli Stati Uniti l’industria degli armamenti è stata privatizzata, cosa che non avviene in Cina o in Russia. Negli Stati Uniti, vendere armi e morte è un affare. È un business, sul quale gli investitori capitalisti possono realizzare enormi profitti, vendendo armi e vendendo guerra.

Vendere armi e guerra all’estero

Gli Stati Uniti sono di gran lunga il maggior esportatore di armi al mondo. Gli Stati Uniti vendono armi attraverso la NATO. Vendono anche armi a dittature come l’Arabia Saudita, e queste stesse armi hanno prodotto catastrofi umanitarie come la fame nello Yemen. Le armi leggere esportate in Africa approfondiscono e prolungano i conflitti locali.

La politica estera aggressiva degli Stati Uniti è strettamente legata ai profitti dei produttori di armi.

Gli ostaggi del militarismo

I nostri “Dipartimenti della Difesa” ci difendono davvero? Assolutamente no! Il loro stesso titolo è una menzogna. Il complesso militare-industriale si vende sostenendo di difendere i civili. Con questa affermazione giustifica bilanci vasti e paralizzanti, ma è una frode. Per il complesso militare-industriale, l’unico obiettivo è il denaro e il potere. I civili come noi sono solo ostaggi. Siamo sacrificabili. Siamo pedine nel gioco del potere, del denaro.

Le nazioni che possiedono armi nucleari si minacciano a vicenda con la “distruzione reciproca assicurata”, che ha un acronimo molto appropriato: MAD. Che cosa significa? Significa che i civili sono protetti? Niente affatto. Al contrario, sono minacciati di distruzione totale. I civili qui svolgono il ruolo di ostaggi nei giochi di potere dei loro leader.

Una guerra termonucleare oggi non sarebbe solo genocida, ma anche omnicida. Ucciderebbe persone di tutte le età, neonati, bambini, giovani, madri, padri e nonni, senza alcun riguardo per la colpa o l’innocenza. Una guerra del genere sarebbe la catastrofe ecologica definitiva, distruggendo non solo la civiltà umana ma anche gran parte della biosfera.

Armi e cambiamento climatico

Oggi ci si preoccupa molto del cambiamento climatico, ma una catastrofe ecologica di portata pari o superiore potrebbe essere prodotta da una guerra nucleare. Si può avere una piccola idea di ciò che sarebbe pensando alla contaminazione radioattiva che ha reso permanentemente inabitabile un’area grande la metà dell’Italia nei pressi di Chernobyl. È troppo presto per conoscere gli effetti completi del disastro di Fukushima, ma sembra che saranno paragonabili a quelli di Chernobyl.

Gli effetti ambientali di una guerra nucleare sarebbero catastrofici. Una guerra combattuta con bombe all’idrogeno produrrebbe una contaminazione radioattiva del tipo che abbiamo già sperimentato nelle aree intorno a Chernobyl e Fukushima e nelle Isole Marshall, ma su una scala enormemente maggiore. Dobbiamo ricordare che la potenza esplosiva totale delle armi nucleari presenti oggi nel mondo è 500.000 volte superiore a quella delle bombe che hanno distrutto Hiroshima e Nagasaki. La minaccia di una guerra nucleare oggi è la completa distruzione della civiltà umana.

Oltre a diffondere una radioattività mortale in tutto il mondo, una guerra nucleare infliggerebbe danni catastrofici all’agricoltura globale. Le tempeste di fuoco nelle città in fiamme produrrebbero molti milioni di tonnellate di fumo nero, denso e radioattivo. Il fumo salirebbe nella stratosfera, dove si diffonderebbe intorno alla Terra e rimarrebbe per un decennio. Il freddo prolungato, la diminuzione della luce solare e delle precipitazioni e l’aumento massiccio della luce ultravioletta dannosa accorcerebbero o eliminerebbero le stagioni di crescita, producendo una carestia nucleare. Anche una piccola guerra nucleare potrebbe mettere in pericolo la vita del miliardo di persone che oggi sono cronicamente denutrite. Una guerra su larga scala combattuta con bombe all’idrogeno significherebbe che la maggior parte degli esseri umani morirebbe di fame. Anche molte specie animali e vegetali sarebbero minacciate di estinzione.

Armi e incidenti

Gli incidenti in cui la catastrofe globale viene evitata per un soffio si verificano continuamente. Ad esempio, la notte del 26 settembre 1983, il tenente colonnello Stanislav Petrov, un giovane ingegnere informatico, era in servizio presso un centro di sorveglianza vicino a Mosca. Improvvisamente lo schermo di fronte a lui divenne rosso vivo.

È scattato un allarme. L’enorme suono penetrante riempì la stanza. Seguì un secondo allarme, e poi un terzo, un quarto e un quinto, finché il rumore fu assordante. Il computer mostrava che gli americani avevano lanciato un attacco contro la Russia. Petrov ebbe l’ordine di trasmettere l’informazione alla catena di comando del Segretario Generale Yuri Andropov. Entro pochi minuti sarebbe stato lanciato un contrattacco nucleare. Tuttavia, a causa di alcune caratteristiche incoerenti dell’allarme, Petrov disobbedì agli ordini e riferì che si trattava di un errore del computer, come in effetti era.

La maggior parte di noi deve probabilmente la propria vita alla sua decisione coraggiosa e fredda e alla sua conoscenza dei sistemi software. La limitatezza di questa fuga è aggravata dal fatto che Petrov era in servizio solo a causa della malattia di un altro ufficiale con minori conoscenze di software, che avrebbe accettato l’allarme come reale.

C’è il rischio che il nostro mondo, con tutta la bellezza e il valore che contiene, venga distrutto da questo cinico gioco di potere e denaro, in cui i civili sono ostaggi del militarismo. Permetteremo che ciò accada?

Alla ricerca di nemici

Poiché il mondo spende ogni anno circa duemila miliardi di dollari in armamenti, ne consegue che moltissime persone vivono di guerra. Questo è il motivo per cui è corretto parlare della guerra come di un’istituzione sociale, politica ed economica, e anche una delle principali ragioni per cui la guerra persiste, nonostante tutti si rendano conto che è la causa di molte delle sofferenze dell’umanità.

Sappiamo che la guerra è una follia, ma persiste. Sappiamo che minaccia la sopravvivenza della nostra specie, ma persiste, radicata negli atteggiamenti degli storici, degli editori di giornali e dei produttori televisivi, radicata nei metodi con cui i politici finanziano le loro campagne e radicata nel potere finanziario dei produttori di armi – radicata anche nel ponderoso e costoso hardware di guerra, le flotte di navi da guerra, i bombardieri, i carri armati, i missili nucleari e così via.

Nel suo discorso di addio, il Presidente degli Stati Uniti Dwight D. Eisenhower mise in guardia la sua nazione contro l’eccessivo potere acquisito durante la Seconda Guerra Mondiale dal complesso militare-industriale.

Le parole di Eisenhower riecheggiano quelle di un altro presidente degli Stati Uniti, George Washington, che aveva messo in guardia contro “gli stabilimenti militari troppo grandi”.

Il bisogno di nemici

Il complesso militare-industriale ha bisogno di nemici. Senza di essi si inaridirebbe. Così, alla fine della Seconda guerra mondiale, questo vasto complesso di potere si trovò di fronte a una crisi, ma fu salvato dalla scoperta di un nuovo nemico, il comunismo. Tuttavia, alla fine della Guerra Fredda si è verificata un’altra terribile crisi per l’establishment militare, i produttori di armi e i loro sostenitori nella ricerca, nel governo e nei mass media. Si parlava di “dividendo della pace”, cioè di un uso costruttivo dei duemila miliardi di dollari che il mondo spreca ogni anno in armamenti. Tuttavia, appena in tempo, il complesso militare-industriale è stato salvato dall’incubo del “dividendo della pace” dagli attacchi dell’11 settembre a New York e Washington.

Non importa che gli attacchi siano stati crimini commessi da singoli individui piuttosto che atti di guerra, crimini contro i quali sarebbe stata appropriata un’azione di polizia piuttosto che un’azione militare. L’amministrazione Bush (e la CNN, la Fox, ecc.) hanno subito proclamato l’esistenza di uno stato di guerra e l’entrata in vigore delle regole di guerra. La guerra fredda è stata sostituita dalla “guerra al terrorismo”.

In larga misura, questa reazione eccessiva agli eventi dell’11 settembre 2001 può essere interpretata in termini di esigenze del complesso militare-industriale contro cui Eisenhower aveva messo in guardia. Senza uno stato di guerra e senza nemici, questo vasto conglomerato di organizzazioni e gruppi di pressione avrebbe languito.

Guerra al terrorismo

Se l’obiettivo della “guerra al terrorismo” fosse stato quello di liberare il mondo dalla minaccia del terrorismo, atti come l’assassinio illegale con i droni sarebbero stati controproducenti, poiché creano molti più terroristi di quanti ne distruggano. Ma poiché il vero obiettivo è produrre uno stato di guerra perpetua, aumentando così i profitti del complesso militare-industriale, questi metodi sono i migliori immaginabili. Anche urinare sui cadaveri afghani o bruciare il Corano o le incursioni notturne omicide nelle case dei civili contribuiscono a promuovere il vero obiettivo, la guerra perpetua.

Per coloro che appartengono al complesso militare-industriale, la guerra perpetua è una benedizione, ma per la maggioranza della popolazione mondiale è una maledizione. Poiché noi che ci opponiamo alla guerra siamo la stragrande maggioranza, non possiamo far sentire la nostra volontà?

La guerra è sempre stata una follia, sempre immorale, sempre causa di indicibili sofferenze, sprechi economici e distruzioni diffuse, e sempre fonte di povertà, odio, barbarie e cicli infiniti di vendette e contro-vendette. È sempre stato un crimine per i soldati uccidere le persone, così come è un crimine per gli assassini nella società civile uccidere le persone. Nessuna bandiera è mai stata abbastanza larga da coprire le atrocità della guerra.

Ma oggi, lo sviluppo di armi termonucleari distruttive ha portato la guerra completamente oltre i limiti della sanità mentale e dell’umanità elementare.

Non possiamo liberarci sia delle armi nucleari sia dell’istituzione stessa della guerra? Dobbiamo agire rapidamente e con determinazione prima che il nostro bel mondo sia ridotto in cenere radioattiva, insieme a tutto ciò che amiamo.


EDITORIAL, 15 Aug 2022 | #758 | John Scales Avery, Ph.D. – TRANSCEND Media Service

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.