Un mondo migliore è possibile

John Scales Avery

Compiti per il futuro

In futuro ci troveremo di fronte a molte sfide e compiti importanti. Abbiamo bisogno di un nuovo sistema economico, di una nuova società, di un nuovo contratto sociale, di un nuovo stile di vita. Ecco i grandi compiti che la storia ha affidato alla nostra generazione: Dobbiamo raggiungere un sistema economico stabile; ripristinare la democrazia; ridurre la disuguaglianza economica; spezzare il potere dell’avidità aziendale; lasciare i combustibili fossili nel terreno; stabilizzare e infine ridurre la popolazione globale. Dobbiamo eliminare l’istituzione della guerra. Infine, dobbiamo sviluppare un sistema etico più maturo, all’altezza della nostra nuova tecnologia Dobbiamo raggiungere un sistema economico stabile… perché un mondo migliore è possibile.

Un sistema economico stabile è necessario perché né la crescita della popolazione né la crescita economica possono continuare all’infinito su una terra finita. Nessuno può sostenere che la crescita industriale esponenziale sia sostenibile nel lungo periodo, se non rifiutando di guardare al futuro a breve distanza.

Naturalmente, è necessario distinguere tra crescita industriale e crescita della cultura e della conoscenza, che possono e devono continuare a crescere. I miglioramenti qualitativi della società umana sono possibili e auspicabili, ma la crescita industriale, che consuma risorse e produce inquinamento, sta raggiungendo i suoi limiti, sia a causa dei vincoli ecologici sia per l’esaurimento del petrolio, del gas naturale e di altre risorse non rinnovabili, come i metalli. La minaccia di un cambiamento climatico catastrofico ci impone di smettere di usare i combustibili fossili entro pochissimi decenni.

Oggi, l’illustre economista Herman Daly continua a scrivere articoli e libri perspicaci che documentano la necessità di un’economia stazionaria. Tra i suoi libri, si segnalano i seguenti: “Steady-State Economics” (1977); “For the Common Good” (1989, con John B. Cobb, Jr.); “Valuing the Earth” (1993, con Kenneth Townsend); “Beyond Growth” (1996); “Ecological Economics and the Ecology of Economics” (1999); “Local Politics of Global Sustainability” (2000, con Thomas Prugh e Robert Costanza) e “Ecological Economics: Principles and Applications” (2003, con Joshua Farley). Il Prof. Daly è stato insignito del Right Livelihood Award, a volte definito il Premio Nobel alternativo.

Dobbiamo ripristinare la democrazia nei nostri Paesi se è andata perduta

È ovvio, quasi per definizione, che l’eccessiva segretezza governativa e la vera democrazia sono incompatibili. Se i cittadini di un Paese non sanno cosa fa il loro governo, non possono avere l’influenza sulle decisioni che la parola “democrazia” implica.

La segretezza governativa non è una novità. La diplomazia segreta ha contribuito allo scoppio della Prima Guerra Mondiale e l’accordo segreto Sykes-Picot ha poi contribuito all’asprezza dei conflitti in Medio Oriente. Tuttavia, negli ultimi anni, la segretezza governativa è cresciuta enormemente.

Le rivelazioni di Edward Snowden hanno dimostrato che il numero di persone coinvolte nelle operazioni segrete del governo degli Stati Uniti è oggi pari all’intera popolazione della Norvegia: circa 5 milioni. L’influenza di questo lato oscuro del governo è diventata così grande che nessun presidente è in grado di resistervi.

Non sappiamo cosa accadrà a Julian Assange. Se morirà nelle mani dei suoi rapitori per il reato di pubblicazione di documenti trapelati (reato che condivide con il New York Times), non sarà il primo martire della verità.

Molti governi moderni sono diventati molto esperti nel manipolare l’opinione pubblica attraverso i mass media. Permettono al pubblico di ascoltare solo una versione delle “notizie” che i detentori del potere hanno trasmesso. Naturalmente, le persone possono rivolgersi ai media alternativi disponibili su Internet. Ma nel complesso, la visione del mondo presentata sugli schermi televisivi e sui principali quotidiani è la “verità” che viene accettata dalla maggioranza del pubblico, ed è questo quadro degli eventi che influenza le decisioni politiche. La censura delle notizie da parte dell’élite di potere è una forma di segretezza, poiché nasconde le informazioni necessarie al buon funzionamento di una democrazia.

C’è sempre stata una contraddizione evidente tra la democrazia e le branche segrete del governo, come la CIA, che conduce i suoi omicidi e le sue guerre sporche in Sudamerica e altrove senza alcuna conoscenza o controllo pubblico.

Il grossolano spionaggio elettronico dei cittadini rivelato da Snowden sembra avere come obiettivo specifico l’eliminazione della democrazia. È finalizzato a instillare la paura e il conformismo universali, la paura del ricatto e la paura di non essere all’altezza, in modo che il pubblico non osi opporsi a qualsiasi cosa faccia il governo, per quanto criminale o incostituzionale.

Negli Stati Uniti, la presidenza di Donald Trump è stata un continuo assalto alla democrazia e al governo costituzionale. È senza dubbio il presidente più pericoloso e malvagio della storia degli Stati Uniti. Le sue politiche mirano ad aumentare la disuguaglianza economica negli Stati Uniti, anziché ridurla. La negazione del cambiamento climatico da parte di Trump, il suo sostegno alle gigantesche industrie del carbone e del petrolio e il suo sabotaggio delle energie rinnovabili, minacciano tutti di vanificare i tentativi del mondo di evitare la minaccia esistenziale di un cambiamento climatico catastrofico.

Dobbiamo ripristinare la democrazia nei nostri Paesi, ovunque sia stata sostituita dall’oligarchia. Quando lo faremo, ci libereremo da molti mali, tra cui l’eccessiva disuguaglianza economica, la violazione dei diritti civili e la sofferenza prodotta dalle guerre perpetue.

Dobbiamo diminuire la disuguaglianza economica

Nella sua Esortazione apostolica “Evangelii Gaudium”, Papa Francesco ha detto che:

“Nel nostro tempo l’umanità sta vivendo una svolta nella sua storia, come possiamo vedere dai progressi compiuti in tanti campi. Non possiamo che lodare i passi compiuti per migliorare il benessere delle persone in settori come la sanità, l’istruzione e le comunicazioni. Allo stesso tempo, dobbiamo ricordare che la maggior parte dei nostri contemporanei vive a malapena alla giornata, con conseguenze terribili. Si stanno diffondendo numerose malattie. I cuori di molte persone sono attanagliati dalla paura e dalla disperazione, anche nei cosiddetti Paesi ricchi. La gioia di vivere spesso svanisce, la mancanza di rispetto per gli altri e la violenza sono in aumento e la disuguaglianza è sempre più evidente. È una lotta per vivere e, spesso, per vivere con poca dignità…

Così come il comandamento “non uccidere” pone un limite chiaro per salvaguardare il valore della vita umana, oggi dobbiamo anche dire “non uccidere” a un’economia di esclusione e disuguaglianza. Questa economia uccide. Com’è possibile che non faccia notizia quando un anziano senzatetto muore per esposizione, ma faccia notizia quando il mercato azionario perde due punti? Questo è un caso di esclusione. Possiamo continuare a stare a guardare quando il cibo viene buttato via mentre la gente muore di fame? Questo è un caso di disuguaglianza. Oggi tutto è soggetto alle leggi della concorrenza e della sopravvivenza del più adatto, dove i potenti si nutrono dei deboli. Di conseguenza, masse di persone si trovano escluse ed emarginate: senza lavoro, senza possibilità, senza vie di fuga.

“In questo contesto, alcuni continuano a difendere le teorie del trickle-down, che presuppongono che la crescita economica, incoraggiata da un libero mercato, riuscirà inevitabilmente a portare maggiore giustizia e inclusione nel mondo. Questa opinione, che non è mai stata confermata dai fatti, esprime una fiducia grossolana e ingenua nella bontà di chi esercita il potere economico e nel funzionamento sacralizzato del sistema economico dominante. Nel frattempo, gli esclusi stanno ancora aspettando”.

L’epidemiologo sociale Richard Wilkinson ha documentato come le società con minori disuguaglianze economiche ottengano risultati migliori rispetto a quelle più diseguali in diversi ambiti, tra cui l’aumento dell’aspettativa di vita, dei risultati matematici, dell’alfabetizzazione, della fiducia, della mobilità sociale, oltre alla diminuzione dei tassi di mortalità infantile, degli omicidi, delle incarcerazioni, delle nascite di adolescenti, dell’obesità e delle malattie mentali, compresa la dipendenza da droghe e alcol.

Dobbiamo anche ricordare che, secondo l’economista John A. Hobson, il problema fondamentale che ha portato all’imperialismo è stata una distribuzione eccessivamente disuguale dei redditi nei Paesi industrializzati. Il risultato di questa distribuzione ineguale era che né i ricchi né i poveri potevano ricomprare la produzione totale della loro società. I redditi dei poveri erano insufficienti e i ricchi erano troppo pochi.

Dobbiamo spezzare il potere dell’avidità corporativa

Quando le Nazioni Unite furono fondate nel 1945, lo scopo dell’organizzazione era quello di abolire l’istituzione della guerra. Questo obiettivo è stato inserito in molti articoli della Carta delle Nazioni Unite. Di conseguenza, in tutto il mondo, molti Dipartimenti della Guerra furono rinominati e divennero Dipartimenti della Difesa. Ma il nome stesso è una menzogna. In un’epoca di minacce e contro-minacce nucleari, le popolazioni non sono affatto protette. I cittadini comuni sono solo ostaggi in un gioco di potere e denaro. È tutta una questione di avidità.

Perché si minaccia continuamente la guerra? E perché si minaccia la Russia? Perché si minaccia la guerra con l’Iran? E perché alimentare le fiamme del conflitto con la Cina? È per “proteggere” i civili? Assolutamente no! In una guerra termonucleare, centinaia di milioni di civili morirebbero orribilmente in tutto il mondo, anche nei Paesi neutrali. Ciò che si protegge realmente sono i profitti dei produttori di armi. Finché ci sono tensioni, finché c’è una minaccia di guerra, i bilanci militari sono al sicuro e i profitti dei produttori di armi sono al sicuro. Il popolo di alcune “democrazie”, come ad esempio gli Stati Uniti, al momento non governa. È l’avidità a governare.

Come ha sottolineato il professor Noam Chomsky, l’avidità e la mancanza di etica sono insite nella struttura delle società. Per legge, l’amministratore delegato di una società deve essere interamente motivato dall’avidità collettiva degli azionisti. Deve massimizzare i profitti. Se l’amministratore delegato abbandona questa ricerca unica dei profitti aziendali per motivi etici o per il bene dell’umanità, della biosfera o del futuro, per legge deve essere licenziato e sostituito.

Dobbiamo lasciare i combustibili fossili nel sottosuolo

La minaccia di un cambiamento climatico catastrofico richiede un’azione tempestiva e dedicata da parte della comunità globale. Se non passiamo molto rapidamente dai combustibili fossili al 100% di energia rinnovabile, raggiungeremo un punto di svolta dopo il quale potrebbero subentrare anelli di retroazione incontrollabili che porterebbero a un sesto evento di estinzione geologica causato dall’uomo. Questo evento potrebbe essere paragonabile a quello del Permiano-Triassico, durante il quale si estinsero il 96% di tutte le specie marine e il 70$% dei vertebrati terrestri.

Il ghiaccio marino artico si sta sciogliendo a un ritmo sempre più rapido, a causa di diversi anelli di retroazione. Uno di questi cicli di retroazione, chiamato effetto albedo, è dovuto al fatto che il ghiaccio marino bianco coperto di neve nell’Artico riflette la luce del sole, mentre l’acqua scura la assorbe, aumentando la temperatura e portando a un maggiore scioglimento.

Un altro ciclo di feedback è dovuto al fatto che l’aumento delle temperature comporta l’evaporazione di più acqua. Il vapore acqueo nell’atmosfera agisce come un gas serra e fa aumentare ulteriormente la temperatura.

Se consideriamo gli effetti a lungo termine, il ciclo di retroazione di gran lunga più pericoloso è la fusione dei cristalli di idrato di metano e il rilascio di metano nell’atmosfera, i cui effetti come gas serra sono circa venti volte superiori a quelli della CO2.

Quando  si trasporta la materia organica negli oceani dai fiumi, si decompone formando metano. Il metano si combina poi con l’acqua formando cristalli di idrato, stabili alle temperature attualmente presenti sui fondali oceanici. Tuttavia, se la temperatura aumenta, i cristalli diventano instabili e il gas metano sale in superficie.

L’aspetto preoccupante dei depositi di idrati di metano sui fondali oceanici è l’enorme quantità di carbonio coinvolta: circa 10.000 gagatoni. Per mettere questa enorme quantità in prospettiva, possiamo ricordare che il totale delle emissioni mondiali di CO2 dal 1751 è stato di soli 337 gigatoni.

Nonostante la natura preoccupante delle minacce che stiamo affrontando, ci sono motivi di speranza. Un motivo di speranza può essere trovato nell’attuale tasso di crescita estremamente elevato delle energie rinnovabili e nelle notevoli proprietà della crescita esponenziale. Secondo i dati recentemente pubblicati dall’Earth Policy Institute, la capacità fotovoltaica installata a livello mondiale è attualmente in grado di fornire 242.000 megawatt e sta aumentando al ritmo del 27,8% all’anno. L’energia eolica può ora fornire 370.000 megawatt e sta aumentando al ritmo di circa il 20% all’anno.

Grazie alle sorprendenti proprietà della crescita esponenziale, possiamo calcolare che se questi tassi di crescita saranno mantenuti, le energie rinnovabili potranno fornirci 24,8 terawatt in soli 15 anni! Si tratta di una quantità di gran lunga superiore all’attuale utilizzo mondiale di tutte le forme di energia.

Ma tutti noi dobbiamo ancora lavorare con impegno per fornire la volontà politica necessaria a evitare un cambiamento climatico catastrofico.

Dobbiamo stabilizzare e infine ridurre la popolazione globale

Secondo il World Resources Institute e il Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente,

“Si stima che dalla seconda guerra mondiale 1,2 miliardi di ettari… [di terreni agricoli] abbiano subito un degrado almeno moderato a causa dell’attività umana. Si tratta di una vasta area, grande all’incirca come la Cina e l’India messe insieme”.

Quest’area rappresenta il 27% della superficie totale attualmente dedicata all’agricoltura. Il rapporto prosegue affermando che il degrado è maggiore in Africa.

David Pimental e i suoi collaboratori della Cornell University hanno sottolineato nel 1995 che

“A causa della perdita di produttività associata all’erosione e della crescita demografica, l’offerta alimentare pro capite si è ridotta negli ultimi 10 anni e continua a diminuire”. L’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura riferisce che la produzione pro capite di cereali, che costituiscono l’80% dell’offerta alimentare mondiale, è in calo dal 1984″.

Pimental et al. aggiungono che

“Non solo la disponibilità di terreni coltivabili pro capite sta diminuendo con l’aumento della popolazione mondiale, ma i terreni coltivabili si stanno perdendo a causa dell’eccessiva pressione sull’ambiente. Ad esempio, negli ultimi 40 anni quasi un terzo delle terre coltivabili del mondo (1,5 miliardi di ettari) è stato abbandonato a causa dell’erosione e del degrado del suolo. La maggior parte della sostituzione è avvenuta con terreni marginali resi disponibili dalla rimozione delle foreste. L’agricoltura è responsabile dell’80% della deforestazione annuale”.

L’espressione “Paesi in via di sviluppo” è più di un eufemismo: esprime la speranza che, con l’aiuto di un trasferimento di tecnologia dai Paesi industrializzati, tutte le parti del mondo possano raggiungere la prosperità. Un fattore importante che impedisce il raggiungimento della prosperità mondiale è la crescita demografica.

Nelle parole del dottor Halfdan Mahler, ex direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità,

“Paese dopo paese si è visto ridurre o annullare i dolorosi aumenti della produzione totale, della produzione alimentare, delle strutture sanitarie ed educative e delle opportunità di lavoro a causa dell’eccessiva crescita della popolazione”. Nei distretti rurali dei Paesi in via di sviluppo, le aziende agricole familiari vengono spesso divise tra un numero crescente di eredi, fino a quando non possono più essere suddivise. I membri della famiglia che non sono più necessari sulla terra non hanno alternative se non la migrazione verso città sovraffollate, dove le infrastrutture non sono in grado di far fronte a tanti nuovi arrivi. Spesso i nuovi migranti sono costretti a vivere in baraccopoli di fortuna piene di escrementi, dove la dissenteria, l’epatite e il tifo sono endemici e dove le condizioni di vita umana scendono al livello più basso immaginabile. In Brasile, queste baraccopoli sono chiamate “favelas”.

Se nelle zone rurali si introducono metodi agricoli moderni mentre la crescita demografica continua, l’esodo verso le città si aggrava, poiché le tecniche moderne richiedono meno lavoro e favoriscono le grandi aziende agricole. Nelle città, lo sviluppo di infrastrutture adeguate richiede tempo e diventa un compito disperato se la popolazione cresce rapidamente. La stabilizzazione della popolazione è quindi un primo passo necessario per lo sviluppo.

Si può osservare che i tassi di natalità diminuiscono con lo sviluppo dei Paesi. Tuttavia, lo sviluppo è talvolta bloccato dagli stessi alti tassi di natalità che il progresso economico avrebbe potuto evitare. In questa situazione (nota come “trappola demografica”), i guadagni economici scompaiono immediatamente a causa delle richieste di una popolazione in esplosione.

Per i Paesi che si trovano nella trappola demografica, i programmi governativi di controllo delle nascite sono particolarmente importanti, perché non si può fare affidamento sul miglioramento delle condizioni sociali per rallentare i tassi di natalità. Poiché la salute e la riduzione dei tassi di natalità dovrebbero essere collegate, è opportuno che la pianificazione familiare sia una parte importante dei programmi per la salute pubblica e lo sviluppo economico.

L’istruzione delle donne e il miglioramento del loro status sono misure di vitale importanza, non solo per il loro valore, ma anche perché in molti Paesi queste riforme sociali si sono rivelate la chiave per ridurre i tassi di natalità. Come ha sottolineato Sir Partha Dasgupta dell’Università di Cambridge, i cambiamenti necessari per spezzare il ciclo della sovrappopolazione e della povertà sono di per sé auspicabili. Oltre all’istruzione e a uno status più elevato per le donne, essi includono la sicurezza sociale per gli anziani garantita dallo Stato, la fornitura di acqua vicino alle abitazioni, l’offerta di servizi sanitari per tutti, l’abolizione del lavoro minorile e lo sviluppo economico generale. Il denaro necessario per realizzare questi cambiamenti auspicabili è una minuscola frazione di quello che attualmente si spreca per la guerra.

Per evitare una catastrofica carestia futura, è di vitale importanza che tutti i Paesi del mondo attraversino rapidamente una transizione demografica da una situazione caratterizzata da alti tassi di natalità e alti tassi di mortalità a un nuovo equilibrio, in cui bassi tassi di mortalità sono bilanciati da bassi tassi di natalità.

Dobbiamo eliminare l’istituzione della guerra

Il problema di raggiungere la pace interna su una vasta area geografica non è insolubile. Si è già risolto. Oggi esistono molte nazioni o regioni all’interno di ciascuna delle quali vige la pace interna e alcune di queste sono così grandi da essere quasi dei mondi a sé stanti. Basta pensare alla Cina, all’India, al Brasile, all’Australia, alla Federazione Russa, agli Stati Uniti e all’Unione Europea. Molte di queste enormi società contengono una varietà di gruppi etnici, una varietà di religioni e una varietà di lingue, oltre a contrasti impressionanti tra ricchezza e povertà. Se queste grandi aree territoriali sono state forgiate in società pacifiche e cooperative, non è possibile applicare gli stessi metodi di governo a livello globale?

Ma quali sono i metodi che le nazioni utilizzano per raggiungere la pace interna?

  1. Ogni vero governo deve avere il potere di emanare e applicare leggi vincolanti per i singoli cittadini.
  2. Il potere di tassare è una necessità.
  3. All’interno del proprio territorio, quasi tutte le nazioni hanno un potere militare superiore a quello delle loro sottounità. Ad esempio, l’esercito degli Stati Uniti è più potente della milizia statale dell’Illinois.

Questo squilibrio di potere contribuisce alla stabilità del governo federale degli Stati Uniti. Quando l’FBI voleva arrestare Al Capone, non doveva bombardare Chicago. Gli agenti andarono semplicemente in città e arrestarono il gangster. Anche se Capone fosse stato enormemente popolare nell’Illinois, il governo dello Stato avrebbe capito in anticipo che non aveva alcuna possibilità di resistere al governo federale degli Stati Uniti e avrebbe comunque permesso ai “federali” di effettuare l’arresto. Considerazioni simili valgono per quasi tutte le nazioni in cui vige la pace interna. È vero che ci sono alcune nazioni in cui i gruppi subnazionali hanno più potere del governo nazionale, ma queste sono spesso caratterizzate da guerre civili.

Tra le grandi aree terrestri in cui si è raggiunta la pace interna, l’Unione Europea si distingue dalle altre perché i suoi Stati membri mantengono ancora potenti eserciti. L’UE costituisce un modello realistico di ciò che si può ottenere a livello globale nel prossimo futuro riformando e rafforzando le Nazioni Unite. In un futuro lontano, tuttavia, possiamo immaginare un momento in cui un’autorità federale mondiale avrà molto più potere di tutti i suoi Stati membri e gli eserciti nazionali avranno solo le dimensioni necessarie per mantenere l’ordine locale.

Oggi è urgente allargare le dimensioni dell’unità politica dallo Stato-nazione al mondo intero. Questa necessità deriva dai terribili pericoli delle armi moderne e dall’interdipendenza economica globale. Il progresso della scienza ha creato questa necessità, ma la scienza ci ha anche dato i mezzi per allargare l’unità politica: I nostri quasi miracolosi mezzi di comunicazione moderni, se usati correttamente, hanno il potere di saldare tutta l’umanità in un’unica società solidale e cooperativa.

È utile considerare l’analogia tra l’istituzione della guerra e quella della schiavitù. Potremmo essere tentati di dire: “La guerra c’è sempre stata, in tutta la storia dell’umanità, e la guerra continuerà sempre a esistere”. Come antidoto a questo tipo di pessimismo, possiamo pensare alla schiavitù che, come la guerra, è esistita per la maggior parte della storia registrata.

Oggi guardiamo con orrore i disegni delle navi negriere, dove gli esseri umani erano impacchettati come corde di legno, e ci stupiamo che una tale crudeltà sia stata possibile. Non possiamo sperare in un tempo in cui i nostri discendenti, leggendo le descrizioni delle guerre del nostro tempo, saranno altrettanto stupiti che sia stata possibile una tale crudeltà e stupidità? Se le usiamo in modo costruttivo, le vaste risorse ora sprecate nella guerra possono dare inizio a una nuova era di felicità e prosperità per la famiglia dell’uomo. È in nostro potere far sì che ciò accada. L’esempio degli uomini e delle donne che hanno lavorato per liberare il mondo dalla schiavitù può darci il coraggio di lottare per un tempo in cui la guerra esisterà solo come un oscuro ricordo che svanisce nel passato.

Una nuova etica per una nuova tecnologia

La scienza moderna ha offerto all’umanità, per la prima volta nella storia, la possibilità di una vita confortevole, libera dalla fame e dal freddo e dalla costante minaccia di morte attraverso le malattie infettive. Allo stesso tempo, la scienza ha dato all’uomo il potere di cancellare la propria civiltà con armi nucleari o di rendere la terra inabitabile a causa della sovrappopolazione e dell’inquinamento.

La questione di quale di queste strade scegliere è letteralmente una questione di vita o di morte per noi stessi e per i nostri figli. Useremo le scoperte della scienza moderna in modo costruttivo, scegliendo così la strada che porta alla vita? Oppure useremo la scienza per produrre armi sempre più letali, che prima o poi, per un guasto tecnico o umano, potrebbero sfociare in una catastrofica guerra nucleare? Distruggeremo sconsideratamente il nostro bel pianeta attraverso una crescita illimitata della popolazione e dell’industria? La scelta tra queste alternative spetta a noi. Viviamo in un momento critico della storia, un momento di crisi per la civiltà.

Nessuno di coloro che vivono oggi ha chiesto di nascere in questo momento, ma per un incidente di nascita la storia ci ha dato un’enorme responsabilità e due compiti scoraggianti: Se vogliamo che la civiltà sopravviva, dobbiamo non solo stabilizzare la popolazione globale ma anche, cosa ancora più importante, eliminare l’istituzione della guerra. Affrontiamo questi difficili compiti con una natura emotiva ereditata che non è cambiata molto negli ultimi 40.000 anni. Inoltre, affrontiamo le sfide del XXI secolo con un sistema politico internazionale basato sul concetto anacronistico di Stato-nazione assolutamente sovrano. Tuttavia, il cervello umano ha dimostrato di essere in grado di risolvere anche i problemi più profondi e complessi. La mente che ha visto nel cuore dell’atomo non deve fallire di fronte ai paradossi del cuore umano.

Dobbiamo sostituire il vecchio mondo dell’anarchia internazionale, della guerra cronica e dell’ingiustizia istituzionalizzata, con un nuovo mondo del diritto. La Carta delle Nazioni Unite, la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e la Corte penale internazionale sono passi nella giusta direzione; ma queste istituzioni devono essere notevolmente rafforzate e riformate.

Abbiamo anche bisogno di una nuova etica globale, in cui la lealtà verso la propria famiglia e la propria nazione sia integrata da una più alta lealtà verso l’umanità nel suo complesso. Sul nostro piccolo ma bellissimo pianeta – reso piccolo dalla tecnologia, reso bello dalla natura – c’è spazio per un solo gruppo: la famiglia dell’umanità.


EDITORIAL, 18 Jul 2022 | #754 | John Scales Avery, Ph.D. – TRANSCEND Media Service

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

2 commenti
  1. Rosa Dalmiglio
    Rosa Dalmiglio dice:

    miracoli esistono se il pessimista John Scales Avery parla di "UN MONDO MIGLIORE è POSSIBILE"
    con chi stà parlando? con gli ALIENI?
    La corsa nello SPAZIO è il FUTURO, progettato da RUSSIA-USA-CINA
    scopo: ENERGIA e CIBO
    bisogna riformare LA NATO ma anche i NOBEL per la PACE dovrebbero offrire lezioni migliori o tacere

    Rispondi

Trackbacks & Pingbacks

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.