Il mondo brucia e i più ricchi ci guadagnano

Adam Ramsay

Mentre gli effetti della crisi climatica si manifestano con ondate di calore e siccità a livello globale, le aziende petrolifere registrano un boom di profitti: Il mondo brucia e i più ricchi ci guadagnano

L’ultima volta che i prezzi sono aumentati così velocemente è stato 41 anni fa. L’ultima volta che il Regno Unito ha avuto un primo ministro così veloce è stato a metà degli anni Settanta. L’ultima volta che c’è stata una guerra aperta tra le principali potenze europee è stato nel 1945. L’ultima volta che l’emisfero settentrionale è stato così caldo è stato probabilmente 125.000 anni fa.

Eppure il FTSE 100 vale più che mai, i profitti aziendali sono più alti che mai, ci sono più miliardari britannici che mai. E le compagnie petrolifere sono più ricche che mai.

Se prendessimo sul serio il cambiamento climatico, l’industria petrolifera sarebbe in bancarotta. Queste aziende contraggono prestiti miliardari a fronte del valore futuro delle riserve che devono ancora perforare, ma la fisica dell’atmosfera ci impone di non bruciare quel carbonio se vogliamo che la civiltà sopravviva.

Se le nostre società moderne devono continuare a esistere in forma riconoscibile, i beni delle compagnie petrolifere non hanno alcun valore. E se non lo faremo, non avranno più valore.

Ma in realtà i giganti dei combustibili fossili stanno andando meglio che mai. La settimana scorsa, la Shell ha dichiarato che prevedeva di rivedere al rialzo il valore delle attività petrolifere e di gas che aveva precedentemente sottovalutato, facendo fare un balzo al rialzo alle sue azioni.

L’Arabia Saudita, che ha lottato per gli investimenti da quando avrebbe appeso per i piedi un gruppo di uomini d’affari e li avrebbe picchiati fino a fargli consegnare i loro dati bancari, è stata accolta con favore.

A maggio, l’esportatore di petrolio Saudi Aramco ha superato la Apple come azienda di maggior valore al mondo, la più preziosa nella storia dell’umanità. Questa settimana, pochi mesi dopo aver fatto finta di prendere sul serio l’emergenza climatica alla COP26, Joe Biden è andato a stringere il pugno al narcocapo saudita e a pregarlo di pompare altra morte nelle vene del capitalismo.

Nel frattempo, mentre le temperature in tutta l’Inghilterra salgono al di sopra dei livelli che l’omeostasi umana può sopportare, la crisi climatica si scontra con la crisi sanitaria.

Schiacciate da una dozzina di anni di austerità dei Tory e dalla risposta incompetente del governo al COVID, le liste d’attesa del NHS sono già ai massimi storici. Le unità di pronto soccorso sono “ai limiti del collasso“, con le ambulanze in coda fuori dagli ospedali, incapaci di consegnare i pazienti. Ciò significa che nei prossimi giorni – quando gli esperti prevedono che ci saranno fino a diecimila morti in eccesso a causa dell’ondata di calore – un gran numero di persone probabilmente passerà il tempo a cucinare nelle ambulanze.

E con le scorte alimentari mondiali già scosse dalla guerra in Ucraina, l’ondata di calore significa anche un peggioramento della fame globale.

Si prevede che gli agricoltori italiani perderanno un terzo dei raccolti estivi, come il riso e il mais, mentre i campi della Sardegna sono stati spazzati via da una piaga di cavallette. In Cina, l’aumento delle temperature sta prosciugando il suolo, devastando tutti i tipi di agricoltura. L’Africa orientale sta vivendo una delle stagioni delle piogge più secche degli ultimi 40 anni e questo, unito al fatto che il 40% del grano africano proviene di solito dalla Russia o dall’Ucraina, lascia decine di milioni di persone di fronte alla fame.

I miliardari del settore agroalimentare, invece, hanno aumentato la loro ricchezza collettiva del 45% negli ultimi due anni, mentre il gigante alimentare globale Cargill ha registrato un aumento del 63% dei suoi profitti per l’anno scorso, il miglior bottino nei suoi quasi 160 anni di storia.

Con la politica in crisi, le persone si rendono sempre più conto di dover lottare per il futuro.

Mentre il mondo esce dalla modalità pandemia (se non proprio dalla pandemia), stiamo entrando in una nuova fase del capitalismo globale.

Per le grandi imprese e i miliardari, l'”omnicrisi” rappresenta un’opportunità perfetta per il capitalismo delle catastrofi: sfruttare la sensazione opprimente che tutto sia in fiamme per saccheggiare: aumentare i prezzi mantenendo bassi i salari, estrarre, estrarre, estrarre, estrarre.

Ma questo non è il futuro inevitabile. La debole eco delle promesse di “ricostruire meglio” potrebbe essere scomparsa e, con la politica in crisi, le persone si rendono sempre più conto che dovranno lottare per quel futuro.

In Gran Bretagna, sempre più sindacati votano per scioperare contro il saccheggio. Con l’aumento della preoccupazione per la crisi climatica, crescerà anche l’azione contro coloro che la guidano. La sfiducia nei confronti della nostra politica in crisi è aumentata, creando una profonda volatilità.

È arrivata una vasta lotta politica su ciò che verrà dopo, proprio quando il Partito Laburista ha abbandonato il campo e, nei prossimi mesi, possiamo aspettarci che qualcos’altro si precipiti in quello spazio.

Cosa? Sta a voi decidere.


Fonte: Open Democracy, 18 luglio 2022

https://www.opendemocracy.net/en/heatwave-climate-crisis-nhs-fossil-fuel-capitalism-hunger/

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.