I migranti tengono in vita un miliardo di persone… nonostante le difficoltà inenarrabili

Baher Kamal

MADRID, 15 giu 2022 – Ecco un altro dato: 230 milioni di lavoratori migranti sono oggi un’importante fonte di salvezza per un miliardo di persone che muoiono di fame nelle comunità più povere del mondo, oltre che un’ancora di salvezza vitale per l’economia dei loro Paesi d’origine.

Le rimesse dei lavoratori migranti ammontano a oltre 600 miliardi di dollari all’anno, un importo tre volte superiore all’intero aiuto pubblico allo sviluppo globale, che oggi si aggira intorno ai 180 miliardi di dollari.

Non solo: secondo il Migration and Development Brief della Banca Mondiale, pubblicato l’11 maggio scorso, i flussi di rimesse ufficialmente registrati verso i Paesi a basso e medio reddito dovrebbero aumentare del 4,2% quest’anno, raggiungendo i 630 miliardi di dollari.

Allo stesso tempo, le loro rimesse superano già di sei volte i “profitti” – stimati in circa 100 miliardi di dollari all’anno – realizzati dalle bande criminali, dai trafficanti di esseri umani e dagli sfruttatori sessuali.

Inoltre, i flussi di rimesse dei lavoratori migranti sono quintuplicati negli ultimi vent’anni, svolgendo una funzione anticiclica durante le fasi di recessione economica dei Paesi destinatari, secondo la Giornata internazionale delle rimesse familiari che si celebra quest’anno il 16 giugno.

Ovviamente, questo è il caso dei migranti “privilegiati”, quelli che sono riusciti a sopravvivere e a trovare un lavoro. Decine di migliaia di migranti non hanno la stessa “fortuna”.

Viaggi infernali

Al giorno d’oggi, sempre più milioni di esseri umani sono costretti a migrare, a causa di conflitti armati, disastri climatici causati dall’uomo, gravi siccità, inondazioni devastanti, forte indebitamento, fame, riduzione dell’assistenza umanitaria, persecuzioni politiche. E morte.

Infatti, ogni anno si registrano migliaia di morti tra i migranti durante i loro viaggi via terra e via mare, in particolare nel Mar Mediterraneo, nel tentativo di raggiungere l’Europa, vista come la terra promessa della democrazia, dei diritti umani e dell’uguaglianza.

Il Golfo

Prendiamo il caso dello Yemen. Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM), nei primi cinque mesi del 2022 almeno 27.800 persone hanno attraversato il Corno d’Africa per raggiungere lo Yemen devastato dalla guerra, un numero superiore al totale di coloro che hanno compiuto il viaggio per tutto l’anno scorso lungo quella che era la rotta migratoria marittima più trafficata al mondo prima della COVID-19.

L’aumento degli arrivi è “motivo di allarme” in un Paese alle prese con l’ottavo anno di guerra.

Quando arrivano in Yemen, i migranti affrontano viaggi pericolosi verso i Paesi del Golfo in cerca di lavoro, riferisce l’OIM. Spesso viaggiano attraverso i fronti del conflitto e devono affrontare “gravi violazioni dei diritti umani, come la detenzione in condizioni disumane, lo sfruttamento e i trasferimenti forzati attraverso le linee di controllo”.

“Le donne e le ragazze riferiscono spesso di aver subito violenze di genere, abusi o sfruttamento, di solito per mano di trafficanti e contrabbandieri”.

Il mare più mortale

Nel frattempo, i migranti che rischiano la vita per attraversare il Mediterraneo verso l’Europa su imbarcazioni inconsistenti, spesso pilotate da trafficanti di esseri umani, rischiano di morire più di quanto non sia accaduto per anni, come ha riferito l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) il 10 giugno 2022.

Gli ultimi dati visualizzati dall’UNHCR mostrano che lo scorso anno ci sono stati 3.231 morti o dispersi in mare, con un forte aumento rispetto al 2020.

La situazione è una “tragedia diffusa, di lunga durata e ampiamente trascurata”, ha dichiarato l’UNHCR.

L’agenzia delle Nazioni Unite ha sottolineato che, sebbene alcuni di coloro che attraversano il Mediterraneo vogliano una vita migliore e un lavoro migliore, molti fuggono da conflitti, violenze o persecuzioni.

Il costo disumano trascurato

Durante i loro viaggi verso la vita, i migranti sono facili prede di bande criminali, trafficanti di esseri umani e contrabbandieri, e sono vittime di un crudele sfruttamento e della crescente ondata di odio e xenofobia, sempre più spinta dalla maggior parte dei politici, per non parlare di quelli di destra e di estrema destra.

Fortemente utilizzati come argomento elettorale nei Paesi più industrializzati, i migranti sono ora percepiti dagli elettori come una minaccia al proprio benessere e come un pesante fardello di cui sbarazzarsi, come se questo alleviasse l’impatto di pandemie che non hanno causato, di guerre che non hanno scatenato, di disastri climatici che non hanno generato e dell’incapacità di affrontare i continui ostacoli economici, l’inflazione, la recessione, eccetera.

Il costo economico che i migranti e le loro famiglie sono costretti a pagare per i loro viaggi di sopravvivenza spesso ha come prezzo un elevato indebitamento.

Nel frattempo, i contrabbandieri chiedono sempre più denaro.

Per esempio, le attività di contrabbando nel passaggio via mare verso l’Italia sono quasi raddoppiate, mentre la tariffa per questo viaggio è passata da 6.000 a 12.000 euro, secondo un rapporto della piattaforma no-profit DoSomething sulla tratta di esseri umani.

Spazzati via

In questo momento, diversi Paesi europei stanno spazzando via migranti, rifugiati e richiedenti asilo.

In quella che assomiglia molto a un’operazione di “spolvero” volta a sbarazzarsi di migranti, rifugiati e richiedenti asilo spedendoli lontano, il processo di “esternalizzazione” di milioni di vittime di guerre, povertà, crisi climatiche e persecuzioni politiche sta crescendo rapidamente.

IPS ha già riferito di questa pratica in quattro Paesi europei. Per vedere i rapporti specifici sui casi di Regno Unito e Grecia, Ungheria e Polonia, cliccare sui rispettivi link.

Come vengono spese le rimesse dei lavoratori migranti?

Le Nazioni Unite riportano quanto segue:

Le rimesse rappresentano in media fino al 60% delle famiglie dei destinatari e in genere più che raddoppiano il reddito disponibile di una famiglia e aiutano a far fronte all’incertezza, permettendo loro di costruire un patrimonio.

Le analisi condotte su 71 Paesi in via di sviluppo mostrano un significativo effetto di riduzione della povertà delle rimesse: un aumento del 10% delle rimesse pro capite porta a una diminuzione del 3,5% della quota di poveri nella popolazione.

Nelle comunità rurali, la metà delle rimesse viene spesa per spese legate all’agricoltura.

Il reddito aggiuntivo aumenta la domanda di cibo da parte delle famiglie riceventi, incrementando la produzione alimentare interna e migliorando l’alimentazione, in particolare dei bambini e degli anziani.

L’investimento del reddito dei migranti in attività agricole crea opportunità di lavoro.

Migranti sotto tiro

Ultimo aspetto, ma non meno importante: in diversi Paesi europei la domanda di lavoratori è aumentata.

Nel caso specifico della Spagna, ad esempio, oltre al settore edile, hotel, caffetterie, ristoranti e altri settori che dipendono dal turismo lamentano una crescente carenza di camerieri, addetti alle pulizie, personale domestico e così via.

La spiegazione fornita è che i cittadini spagnoli non sono più disposti ad accettare lavori altamente precari, salari bassi, contratti stagionali e orari di lavoro troppo lunghi e faticosi.

Una rapida conclusione sarebbe quella di permettere a un maggior numero di immigrati di svolgere il lavoro. Ma…

… Ma nella maggior parte dei Paesi industrializzati – e più ricchi – i migranti sono “accusati” dalla destra in ascesa e dai partiti politici di estrema destra di “rubare” posti di lavoro, di ricevere assistenza umanitaria, privando così i disoccupati nazionali, i giovani e gli anziani, e di “sprecare” i soldi dei cittadini… per non parlare del fatto che sono la causa di crimini e di un lungo eccetera.

Che mondo!


TRANSCEND MEMBERS, 20 Jun 2022 | Baher Kamal | Human Wrongs Watch – TRANSCEND Media Service

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.