I russi che aiutano gli ucraini in Russia

Natalia Shkurenok

Molti ucraini sono fuggiti dalla guerra verso la Russia stessa, dove hanno bisogno di aiuto per trovare alloggio, lavoro e scuole – o per lasciare il Paese: ecco I russi che aiutano gli ucraini bloccati in Russia

Mentre l’esercito russo ha decimato città e paesi ucraini, uccidendo migliaia di persone nel tentativo di prendere il controllo del Paese, alcuni residenti della città russa di San Pietroburgo stanno aiutando i rifugiati in fuga dall’Ucraina.

Dopo essersi fatti strada sotto le bombe russe e attraverso i cosiddetti “campi di filtraggio” dell’esercito russo, gli ucraini hanno bisogno di assistenza nel loro nuovo rifugio temporaneo e forzato in Russia.

I volontari russi incontrano i rifugiati nelle stazioni ferroviarie, li ospitano nei loro appartamenti, li aiutano a trovare medicine e vestiti, ma anche un alloggio e un lavoro. Altri accompagnano le persone al confine con i Paesi UE confinanti (come la Finlandia o l’Estonia) e le aiutano (insieme ai loro animali domestici) a ottenere i documenti necessari per lasciare il Paese. Secondo le Nazioni Unite, al 1° giugno 1,1 milioni di ucraini sono andati in Russia.

I volontari russi, che non sono sostenuti dallo Stato, utilizzano chat e gruppi online per coordinare le risposte alle richieste di assistenza. In questi gruppi è severamente vietato discutere di politica o di notizie dal fronte, o rispondere a chi cerca di avviare una conversazione sulla guerra. Una parola o un’affermazione incauta potrebbe portare non solo alla chiusura delle chat, secondo i volontari, ma anche all’arresto degli stessi volontari. Molti volontari hanno legami con i circoli di protesta e di opposizione, dove gli arresti o le pene detentive sono comuni.

Oltre alla minaccia dell’interesse della polizia, i volontari devono affrontare critiche da più parti. I russi che hanno lasciato il Paese li accusano di “collaborare” con il Cremlino, ad esempio accettando le conseguenze dell’invasione, mentre i russi che sostengono la guerra affermano che i volontari “tradiscono gli interessi nazionali della Russia” aiutando il nemico. Allo stesso modo, ci sono state critiche da parte degli ucraini, che sostengono che i volontari non sono riusciti, come parte della società russa, a fermare la guerra su larga scala della Russia contro l’Ucraina, e che ora stanno solo cercando di fare ammenda con “elargizioni”.

openDemocracy ha parlato con diversi volontari russi del loro lavoro. Pubblichiamo le loro parole quasi senza riduzioni. Le opinioni delle persone intervistate per questo articolo non rappresentano quelle della redazione di openDemocracy. Le interviste sono state condotte dalla giornalista Natalia Shkurenok.

Sasha Krylenkova, attivista per i diritti umani

Alexandra Krylenkova è membro del consiglio di amministrazione di Memorial, San Pietroburgo, e fondatrice di “Open Space”, uno spazio di incontro

Le prime settimane dopo l’inizio della guerra sono state molto difficili dal punto di vista morale. Non c’era nulla di chiaro su ciò che stava accadendo, su cosa fare, su cosa fare di noi stessi. Ma molto rapidamente tutto è cambiato.

Ho lavorato in Crimea per molti anni [documentando le violazioni dei diritti umani], dove ho aiutato i tatari di Crimea che stavano affrontando una serie di problemi. Conoscevo molti ucraini e gradualmente [dopo l’invasione russa] la gente ha cominciato a contattarmi: sarei in grado di aiutare qualcuno che vuole partire per l’Europa o per la Russia?

Ho iniziato ad aiutare. Conosco la legge, posso aiutare con consigli legali.

Sui social media russi hanno cominciato a formarsi gruppi di volontari. Alcuni sono nati per sostenere i centri di accoglienza temporanea [istituiti dalle autorità per ospitare gli ucraini], altri si sono concentrati sulla logistica degli spostamenti [degli ucraini] in Russia o all’estero.

Ora aiuto soprattutto le persone a ottenere i documenti e a trasferirsi. Trasporto io stesso le persone, oppure aiuto con la logistica a trasportare singoli o gruppi – per esempio, una persona che non può camminare o una famiglia numerosa. Aiuto a comprare i biglietti e a far salire le persone sul treno se non c’è aiuto alla stazione.

Rispetto a otto anni fa, oggi ci sono molti più rifugiati. La rete di volontari ora è molto più seria: ha più persone e una struttura migliore.

Un problema inaspettato è che l’Ucraina ha un sistema digitale di documenti ufficiali molto sviluppato, mentre i funzionari russi non digitalizzano molto. I russi amano i pezzi di carta. Quindi, anche se una famiglia ucraina possiede copie elettroniche di tutti i suoi documenti, non può ottenere nessuno dei documenti di cui ha bisogno in Russia e non può viaggiare da nessuna parte. È qui che intervengono i volontari: trasportiamo le persone, le aiutiamo a ottenere almeno qualche certificato.

Se una persona non ha alcun documento, l’unica possibilità è ottenere un certificato dal Ministero degli Affari Interni russo che confermi la sua identità di cittadino straniero. Con questo certificato dovrebbe essere in grado di lasciare la Russia. Ma spesso viene detto di aspettare tre mesi. Non è chiaro dove debbano aspettare o con quali soldi, e noi cerchiamo di aiutarli a trovare un alloggio, un lavoro o qualche tipo di denaro a breve termine.

I russi che aiutano gli ucraini

Alloggio temporaneo a Tikhin, fuori San Pietroburgo | Immagine: Natalia Shkurenok

Natalia Prokofieva, specialista IT

In questo momento accompagno i rifugiati ucraini nella città di Ivangorod, al confine con l’Estonia. Ospito le persone a casa mia, perché ho delle stanze libere nel mio appartamento. E ho una macchina grande: Posso trasportare le persone e i loro bagagli.

I volontari di San Pietroburgo hanno creato un gruppo di chat per il coordinamento, ed è lì che cerco i compiti, per vedere cosa posso fare. Secondo me, la gente ora ha bisogno soprattutto delle cose più elementari: pace e tranquillità. Quando si chiede agli ucraini: “Di che cosa avete bisogno?”, loro rispondono innanzitutto: “Portateci in un posto dove ci sia tranquillità, pace”.

Ricordo una giovane ucraina che è stata con me e che continuava a chiedermi di non chiudere le tende. Aveva trascorso tre settimane nella metropolitana [al riparo dalle bombe], non era uscita, e ora continuava a dirmi: “Non tirare le tende”! Ora stiamo cercando di aiutare un’altra donna ucraina a trovare un lavoro in città. Ho chiesto a tutti i miei amici di aiutarci.

Il volontariato è di grande aiuto per tutti coloro che stanno vivendo questa terribile storia [la guerra] in modo molto duro, che si sentono colpevoli e responsabili per quello che è successo.

Cerco di coinvolgere tutti i miei amici e conoscenti. Fino a poco tempo fa, erano letteralmente ossessionati dalle terribili notizie dall’Ucraina e non riuscivano a uscire da un circolo vizioso: guardare le notizie in TV e sentirsi in colpa. Ora aiutano i rifugiati e la loro vita ha un senso: uno dei miei amici prepara torte per i rifugiati, un altro cerca un alloggio, un terzo porta le persone a Ivangorod.

Penso costantemente a ciò che sta accadendo in Ucraina, non ci si può astrarre dalla situazione. Non sto cercando di riabilitare lo Stato russo, sto solo aiutando. Aiutiamo tutti, sia quelli che restano in Russia, sia quelli che vogliono andarsene. Se il nostro Stato ha fatto loro questo e vogliono andarsene, dobbiamo fare di tutto per aiutarli a farlo.

È la prima volta che faccio volontariato attivo. Mi sono impegnato perché non c’è mai stata una situazione del genere prima d’ora e non mi sono mai sentito personalmente responsabile di una cosa del genere. Il volontariato, in parte, probabilmente, è un tentativo di fare ammenda per non aver dichiarato la mia posizione prima.

Natalia Evdokimova, attivista per i diritti umani

Natalia Evdokimova è consigliere del difensore civico di San Pietroburgo per i diritti umani e membro del Consiglio presidenziale russo per lo sviluppo della società civile e dei diritti umani.

Quando i rifugiati provenienti dall’Ucraina hanno iniziato a essere portati nella regione russa di Leningrado, sui social media è apparsa la notizia che circa 600 persone provenienti da Mariupol erano state portate in una pensione vicino alla città di Tikhvin, che venivano tenute dietro il filo spinato, senza i loro passaporti. Ho contattato Sergey Shabanov, commissario per i diritti umani della regione di Leningrado, e siamo andati insieme [a Tikhvin]. Si scoprì che non c’era filo spinato, che alle persone non erano stati tolti i passaporti. Ma i rifugiati avevano ancora molti problemi.

Innanzitutto, le persone hanno bisogno delle cose più elementari: biancheria intima, vestiti, cure mediche. Alcuni hanno detto subito di voler partire per altre regioni della Russia e il governo regionale ha promesso di stanziare fondi per l’acquisto di biglietti. Se i rifugiati dicevano di voler andare in un altro Paese, in un Paese appartenente all’Unione Europea, nessuno glielo impediva.

Ma sono sorti seri problemi per le persone che hanno raggiunto San Pietroburgo da sole [invece di essere trasportate dalle autorità russe]. Molti non avevano passaporti o altri documenti di identificazione, e il consolato ucraino qui non funziona da molto tempo (ha chiuso il 2 marzo 2022). Abbiamo contattato l’ufficio regionale per i servizi di migrazione, che ha deciso di rilasciare ai rifugiati ucraini dei certificati speciali, in pratica una carta d’identità, con cui le persone possono viaggiare all’estero.

Un problema particolare è sorto per i bambini nati dopo lo scoppio delle ostilità: non hanno alcun documento, tranne un certificato dell’ospedale di maternità. Ma la Russia non può rilasciare loro un certificato di nascita sulla base di questo certificato. Siamo andati in tribunale, dove ci è stato detto che dobbiamo fare un esame genetico. Ora risolveremo questo problema.

C’è stato anche un problema serio con i parenti anziani. Ad esempio, un uomo anziano è venuto da Mariupol per stare qui con suo figlio. Ma il figlio non può ospitarlo; non ha un appartamento proprio, affitta una stanza con la moglie e lui stesso è registrato solo in modo semi-formale nell’appartamento dei genitori della moglie. Alla fine abbiamo trovato un posto per l’uomo in un istituto pubblico.

Temo che questi problemi continueranno a crescere. Sarebbe bene che i giovani parenti ottenessero una sorta di status permanente in Russia, trovassero un lavoro e un alloggio. E se gli anziani non avessero nessuno? Per me questo è ancora un grosso problema. Abbiamo intenzione di lavorarci su.

Tuttavia, al momento, a San Pietroburgo c’è poco da fare a livello ufficiale. Il governo russo non ha stanziato una quota di rifugiati per San Pietroburgo e Mosca, cioè non sono stati stanziati fondi per l’assistenza ufficiale a livello locale. Pertanto, in questo momento, tutte le speranze sono affidate ai volontari.

Tatyana Orestova, insegnante

Sono un’insegnante di tedesco, ho molti ex studenti che ora vivono in Europa, in particolare in Germania. Così, quando i rifugiati ucraini hanno avuto bisogno di aiuto, ho trovato persone in grado di assisterli. Abbiamo trovato assistenza tecnica e un carro attrezzi per una donna: stava guidando in Baviera, l’auto si è bloccata e l’abbiamo aiutata a ripararla. Mezza Amburgo ha portato vestiti e altre cose a una donna che conoscevo dall’Ucraina e l’ha aiutata a sistemarsi.

Non so se questo si chiama volontariato, io lo chiamo networking.

Il mio compito principale ora, per come la vedo io, è aiutare le persone a integrarsi nella vita in cui si sono ritrovate contro la loro volontà e che dovranno continuare a vivere per un po’: lavorare, guadagnare soldi, mandare i bambini a scuola, acquisire una cerchia di conoscenze.

Di recente mi è stato chiesto di aiutare Iryna, una donna ucraina di Mariupol che di professione fa la direttrice d’orchestra. Non vuole essere un peso per gli altri, vuole guadagnare da sola. Ha chiesto assistenza e gli amici l’hanno aiutata a scrivere un CV. Ora ha già degli studenti; è stata persino invitata a sostituire un insegnante in una scuola di musica per una settimana, per aiutare a preparare i bambini per un concerto imminente.

Ma poi sorgono problemi più complessi, come quello dell’istruzione dei bambini. Abbiamo un gran numero di bambini rifugiati di Mariupol che in patria hanno studiato in ucraino, ma che ora vengono sottoposti a test in russo [come parte del processo di iscrizione a una scuola]. Di conseguenza, ottengono punteggi bassi e vengono inseriti in una classe di uno o due gradi inferiore a quella in cui dovrebbero essere inseriti, subendo uno stress ancora maggiore. Qui possiamo aiutarli: ci sono sempre studenti pronti a diventare tutor [di lingua russa], ma è anche necessario trovare persone che possano pagare per questo lavoro. Ora chiederemo aiuto online per trovare degli sponsor.


Fonte: Opendemocracy, 13 giugno 2022, 10.06

https://www.opendemocracy.net/en/odr/russian-volunteers-ukraine-refugees/

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.