Lois Gibbs contro la discarica – 1978


Dalla GIUSTIZIA ambientale alla GIUSTIZIA CLIMATICA

Una battaglia di cittadini

Lois Marie Gibbs (nata nel 1951) è diventata famosa quando, nel 1978, scoprì che la scuola elementare frequentata da suo figlio di sette anni era stata costruita su un discarica di sostanze tossiche. La discarica, dismessa da un imprenditore che l’aveva usata a fine ‘800, era stata poi utilizzata da una  industria chimica, la Hooker Chemical Corporation. Quando la discarica fu completamente riempita, la Hooker provvide a coprirla con uno strato di terra e la vendette al Niagara Falls Board of Education. Negli anni ’50 su questo terreno furono costruite una scuola e 900 villette mono-familiari: l’area fu chiamata Love Canal.

Lois Gibbs

Lois Gibbs, pur non avendo alcuna esperienza come attivista e come politica, decise di coinvolgere i suoi vicini e con il loro sostegno si impegnò in una battaglia contro il governo locale, quello statale e quello federale.  Molte famiglie lamentavano patologie nei loro bambini, e l’Agenzia per la Protezione Ambientale degli USA fu costretta ad avviare degli esami epidemiologici, dai quali emerse che i residenti avevano una elevata incidenza di danni cromosomici.

Il gruppo di attivisti – la Love Canal Homeowners Association – dopo anni di manifestazioni, proteste, battaglie legali ottenne che 833 famiglie fossero trasferite in aree non inquinate, e che si desse inizio alla bonifica della intera zona.

Neonati e bambini sono I soggetti più a rischio per gli effetti sulla salute dell’esposizione ai veleni chimici.. (Fierce Green Fire)

Grazie all’impegno di Lois Gibbs e del gruppo di famiglie di Love Canal, che pubblicizzarono la situazione di Love Canal e le responsabilità del governo, il Presidente Carter accettò di destinare un Fondo permanente  (il Superfund) per eseguire più efficaci controlli sulle Compagnie e per provvedere alla bonifica di altri siti inquinati,

Lois Gibbs ha poi proseguito il suo impegno di attivista ambientale, diventando una figura importante di sostegno in alcune lotte di cittadini contro le attività inquinanti di imprese industriali.


Letture

Scheda a cura di Elena Camino

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.