Trasformazione dell'istruzione

Trasformazione dell’istruzione e peacebuilding

René Wadlow

Le Nazioni Unite stanno preparando un vertice sulla trasformazione dell’istruzione che si terrà a New York il 19 settembre durante l’Assemblea Generale. Un vertice preliminare si terrà presso l’UNESCO a Parigi dal 28 al 30 giugno. Si tratta di un’opportunità per gli sforzi del peacebuilding di fornire informazioni e suggerimenti, in particolare per il tema principale del Vertice “Apprendimento e competenze per la vita, il lavoro e lo sviluppo sostenibile”. Come si legge nel testo preparatorio del Vertice,

“Trasformare l’istruzione significa dotare i discenti di conoscenze, competenze, valori e atteggiamenti che consentano loro di essere resilienti, adattabili e preparati ad affrontare un futuro incerto, contribuendo al benessere umano e planetario e allo sviluppo sostenibile”.

Tuttavia, il futuro incerto riserva alcune sfide evidenti: conflitti armati, violazioni dei diritti umani, povertà persistente, migrazioni di massa e conseguenze del cambiamento climatico.

L’obiettivo di una comunità mondiale che viva in pace, dove le relazioni umane siano basate su rapporti nonviolenti, è al centro della trasformazione dell’educazione. Lavoriamo per sviluppare un’atmosfera di cooperazione e solidarietà in cui sia possibile discutere di tutti i punti di vista. Tuttavia, dobbiamo essere realistici su ciò che questo vertice sulla trasformazione dell’educazione può portare in termini di cambiamento a lungo termine.

Ho partecipato al Congresso mondiale sull’educazione al disarmo guidato dall’UNESCO a Parigi, nel giugno 1980. Oggi non ci sono negoziati visibili sul disarmo. Si assiste a una crescita delle spese militari, nonostante molti appelli dicano che il denaro sarebbe meglio utilizzato per lo sviluppo e il benessere. In molte parti del mondo si assiste a una crescita della militarizzazione, un processo in cui i valori, l’ideologia e i modelli di comportamento militari acquisiscono un’influenza dominante sugli affari politici, economici ed esteri.

Gli obiettivi

Ciononostante, è utile presentare gli obiettivi e le tecniche di costruzione della pace nel Transforming Education Summit, soprattutto perché l’UNESCO ha già un programma di Educazione alla Cittadinanza Globale che include elementi di educazione ai diritti umani e di impegno per la cultura della pace.

L’educazione alla cittadinanza globale mira a sviluppare un senso di appartenenza a un’umanità comune e a contribuire alla pace globale, allo sviluppo sostenibile e alla creazione di una società mondiale armoniosa. Come recita il Preambolo della Costituzione dell’UNESCO,

“Poiché le guerre cominciano nella mente degli uomini, è nella mente degli uomini che devono essere costruite le difese della pace”.

Alla luce dei conflitti armati in molte parti del mondo, è necessario concentrarsi su modalità specifiche per garantire l’istruzione ai bambini nelle aree di conflitto armato e nelle situazioni post-conflitto, comprese misure efficaci per affrontare i traumi causati dal conflitto armato. L’educazione postbellica deve aiutare a sviluppare nuovi atteggiamenti e valori, soprattutto nei confronti di coloro che erano considerati nemici durante il conflitto armato.

I concetti e le tecniche di costruzione della pace possono contribuire molto alla trasformazione dell’istruzione. Dobbiamo capire come fornire le idee migliori a questo processo del Vertice.


EDITORIAL, 6 Jun 2022 | #748 | René Wadlow – TRANSCEND Media Service

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.