Non c’è altra via d’uscita che la guerra

Chris Hedges

PRINCETON, NEW JERSEY (Scheerpost) – Gli Stati Uniti, come dimostra il voto quasi unanime per fornire quasi 40 miliardi di dollari in aiuti all’Ucraina, sono intrappolati nella spirale di morte del militarismo incontrollato. Niente treni ad alta velocità. Nessuna assistenza sanitaria universale. Nessun programma di soccorso Covid praticabile. Nessuna tregua dall’inflazione dell’8,3%. Nessun programma infrastrutturale per riparare strade e ponti fatiscenti, che richiedono 41,8 miliardi di dollari per sistemare i 43.586 ponti strutturalmente carenti, che hanno in media 68 anni. Nessun condono di 1.700 miliardi di dollari di debito studentesco. Non si affronta la disuguaglianza di reddito. Nessun programma per sfamare i 17 milioni di bambini che ogni sera vanno a letto affamati. Nessun controllo razionale delle armi o riduzione dell’epidemia di violenza nichilista e delle sparatorie di massa. Nessun aiuto per i 100.000 americani che muoiono ogni anno per overdose. Nessun salario minimo di 15 dollari l’ora per contrastare 44 anni di stagnazione salariale. Nessuna tregua dai prezzi della benzina che, secondo le proiezioni, raggiungeranno i 6 dollari al gallone.

L’economia di guerra permanente, impiantata dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, ha distrutto l’economia privata, mandato in bancarotta la nazione e sperperato trilioni di dollari dei contribuenti. La monopolizzazione del capitale da parte dell’esercito ha portato il debito degli Stati Uniti a 30.000 miliardi di dollari, 6.000 miliardi in più rispetto al PIL degli Stati Uniti, che ammonta a 24.000 miliardi di dollari. Il servizio di questo debito costa 300 miliardi di dollari all’anno. Abbiamo speso di più per l’esercito, 813 miliardi di dollari per l’anno fiscale 2023, rispetto ai nove Paesi successivi, comprese Cina e Russia, messi insieme.

Stiamo pagando un pesante costo sociale, politico ed economico per il nostro militarismo. Washington assiste passivamente all’imputridimento degli Stati Uniti, dal punto di vista morale, politico, economico e fisico, mentre Cina, Russia, Arabia Saudita, India e altri Paesi si sottraggono alla tirannia del dollaro statunitense e della Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication (SWIFT), una rete di messaggistica che le banche e altre istituzioni finanziarie utilizzano per inviare e ricevere informazioni, come le istruzioni per il trasferimento di denaro. Una volta che il dollaro statunitense non sarà più la valuta di riserva del mondo, una volta che ci sarà un’alternativa a SWIFT, si verificherà un collasso economico interno. Costringerà alla contrazione immediata dell’impero statunitense, che chiuderà la maggior parte delle sue quasi 800 installazioni militari all’estero. Segnerà la morte della Pax Americana.

 

 

Democratico o repubblicano. Non importa. La guerra è la raison d’état dello Stato. Le stravaganti spese militari sono giustificate in nome della “sicurezza nazionale”. I quasi 40 miliardi di dollari stanziati per l’Ucraina, la maggior parte dei quali andrà nelle mani di produttori di armi come Raytheon Technologies, General Dynamics, Northrop Grumman, BAE Systems, Lockheed Martin e Boeing, sono solo l’inizio. Gli strateghi militari, secondo i quali la guerra sarà lunga e prolungata, parlano di aiuti militari all’Ucraina per 4 o 5 miliardi di dollari al mese. Siamo di fronte a minacce esistenziali. Ma queste non contano. Il budget proposto per i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) nell’anno fiscale 2023 è di 10,675 miliardi di dollari. Il budget proposto per l’Agenzia per la protezione dell’ambiente (EPA) è di 11,881 miliardi di dollari. La sola Ucraina riceve più del doppio di questa cifra. Le pandemie e l’emergenza climatica sono un ripensamento. La guerra è l’unica cosa che conta. Questa è una ricetta per il suicidio collettivo.

C’erano tre freni all’avarizia e alla sete di sangue dell’economia di guerra permanente che non esistono più. Il primo era la vecchia ala liberale del Partito Democratico, guidata da politici come il senatore George McGovern, il senatore Eugene McCarthy e il senatore J. William Fulbright, che ha scritto The Pentagon Propaganda Machine. I progressisti autodefiniti, una misera minoranza, nel Congresso di oggi, da Barbara Lee, che è stata l’unica a votare alla Camera e al Senato contro un’ampia autorizzazione a tempo indeterminato che permetteva al Presidente di fare la guerra in Afghanistan o in qualsiasi altro luogo, a Ilhan Omar, ora si schierano doverosamente per finanziare l’ultima guerra per procura. Il secondo freno è stato rappresentato dai media indipendenti e dal mondo accademico, tra cui giornalisti come I.F. Stone e Neil Sheehan e studiosi come Seymour Melman, autore di The Permanent War Economy e Pentagon Capitalism: The Political Economy of War. Terzo, e forse più importante, è stato un movimento organizzato contro la guerra, guidato da leader religiosi come Dorothy Day, Martin Luther King Jr. e Phil e Dan Berrigan, nonché da gruppi come gli Studenti per una Società Democratica (SDS). Avevano capito che il militarismo incontrollato era una malattia mortale.

Nessuna di queste forze di opposizione, che non hanno invertito l’economia di guerra permanente ma ne hanno limitato gli eccessi, esiste ora. I due partiti al governo sono stati comprati dalle multinazionali, soprattutto dagli appaltatori militari. La stampa è ipocrita e ossequiosa nei confronti dell’industria bellica. I propagandisti della guerra permanente, in gran parte provenienti da think tank di destra riccamente finanziati dall’industria bellica, insieme a ex funzionari dell’esercito e dell’intelligence, vengono citati o intervistati esclusivamente come esperti militari. La trasmissione “Meet the Press” della NBC ha trasmesso il 13 maggio un segmento in cui i funzionari del Center for a New American Security (CNAS) hanno simulato come potrebbe essere una guerra con la Cina per Taiwan.

 

La cofondatrice del CNAS, Michèle Flournoy, che è apparsa nel segmento dei giochi di guerra di “Meet the Press” ed è stata presa in considerazione da Biden per dirigere il Pentagono, ha scritto nel 2020 su Foreign Affairs che gli Stati Uniti devono sviluppare “la capacità di minacciare in modo credibile di affondare tutte le navi militari, i sottomarini e le navi mercantili della Cina nel Mar Cinese Meridionale entro 72 ore”.

La manciata di antimilitaristi e critici dell’impero di sinistra, come Noam Chomsky, e di destra, come Ron Paul, sono stati dichiarati persona non grata da media compiacenti. La classe liberale si è ritirata nell’attivismo da boutique, dove le questioni di classe, capitalismo e militarismo vengono abbandonate per “cancellare la cultura”, il multiculturalismo e la politica dell’identità. I liberali fanno il tifo per la guerra in Ucraina. Almeno all’inizio della guerra con l’Iraq si sono uniti a significative proteste di piazza. L’Ucraina viene accolta come l’ultima crociata per la libertà e la democrazia contro il nuovo Hitler. Temo che ci siano poche speranze di fermare o limitare i disastri che si stanno orchestrando a livello nazionale e globale.  I neoconservatori e gli interventisti liberali cantano all’unisono per la guerra. Biden ha nominato questi guerrafondai, il cui atteggiamento nei confronti della guerra nucleare è terribilmente cavilloso, a dirigere il Pentagono, il Consiglio di Sicurezza Nazionale e il Dipartimento di Stato.

Poiché tutto ciò che facciamo è la guerra, tutte le soluzioni proposte sono militari. Questo avventurismo militare accelera il declino, come dimostrano la sconfitta in Vietnam e lo sperpero di 8.000 miliardi di dollari nelle inutili guerre in Medio Oriente. Si ritiene che la guerra e le sanzioni paralizzeranno la Russia, ricca di gas e risorse naturali. La guerra, o la minaccia di guerra, frenerà il crescente potere economico e militare della Cina.

Si tratta di fantasie demenziali e pericolose, perpetrate da una classe dirigente che si è distaccata dalla realtà. Non essendo più in grado di salvare la propria società ed economia, cerca di distruggere quelle dei suoi concorrenti globali, in particolare Russia e Cina. Una volta che i militaristi avranno paralizzato la Russia, il piano prevede che concentrino l’aggressione militare nell’Indo-Pacifico, dominando quello che Hillary Clinton, da segretario di Stato, riferendosi al Pacifico, chiamava “il mare americano”.

Non si può parlare di guerra senza parlare di mercati. Gli Stati Uniti, il cui tasso di crescita è sceso sotto il 2%, mentre quello della Cina è dell’8,1%, si sono rivolti all’aggressione militare per sostenere la propria economia in crisi. Se gli Stati Uniti riusciranno a interrompere le forniture di gas russo all’Europa, costringeranno gli europei a comprare dagli Stati Uniti. Allo stesso tempo, le imprese statunitensi sarebbero felici di sostituirsi al Partito Comunista Cinese, anche se dovessero farlo con la minaccia di una guerra, per avere un accesso illimitato ai mercati cinesi. La guerra, se dovesse scoppiare con la Cina, devasterebbe l’economia cinese, americana e globale, distruggendo il libero scambio tra Paesi come nella Prima Guerra Mondiale. Ma questo non significa che non accadrà.

Washington sta cercando disperatamente di costruire alleanze militari ed economiche per respingere una Cina in ascesa, la cui economia dovrebbe superare quella degli Stati Uniti entro il 2028, secondo il Centre for Economics and Business Research (CEBR) del Regno Unito. La Casa Bianca ha dichiarato che l’attuale visita di Biden in Asia ha lo scopo di inviare un “potente messaggio” a Pechino e ad altri su come potrebbe essere il mondo se le democrazie “si unissero per definire le regole della strada”. L’amministrazione Biden ha invitato la Corea del Sud e il Giappone a partecipare al vertice NATO di Madrid.

Ma sempre meno nazioni, anche tra gli alleati europei, sono disposte a farsi dominare dagli Stati Uniti. La patina di democrazia e di presunto rispetto per i diritti umani e le libertà civili di Washington è così gravemente compromessa da essere irrecuperabile. Il suo declino economico, con la produzione cinese superiore del 70% a quella statunitense, è irreversibile. La guerra è un’Ave Maria disperata, utilizzata dagli imperi morenti nel corso della storia con conseguenze catastrofiche. “Fu l’ascesa di Atene e la paura che questa incuteva a Sparta a rendere inevitabile la guerra”, scrive Tucidide nella Storia della Guerra del Peloponneso.

Una componente chiave per il mantenimento dello stato di guerra permanente è stata la creazione della Forza Volontaria. Senza soldati di leva, l’onere di combattere le guerre ricade sui poveri, sulla classe operaia e sulle famiglie dei militari. Questa Forza Volontaria permette ai figli della classe media, che hanno guidato il movimento contro la guerra in Vietnam, di evitare il servizio. Protegge le forze armate dalle rivolte interne, portate avanti dalle truppe durante la guerra del Vietnam, che mettevano a rischio la coesione delle forze armate.

L’All-Volunteer Force, limitando il bacino di truppe disponibili, rende inoltre impossibili le ambizioni globali dei militaristi. Alla ricerca disperata di mantenere o aumentare i livelli di truppe in Iraq e Afghanistan, le forze armate hanno istituito la politica dello stop-loss, che estendeva arbitrariamente i contratti di servizio attivo. Il termine gergale era “backdoor draft”. Anche lo sforzo di aumentare il numero di truppe assumendo appaltatori militari privati ha avuto un effetto trascurabile. L’aumento delle truppe non avrebbe vinto le guerre in Iraq e Afghanistan, ma l’esigua percentuale di persone disposte a prestare servizio nell’esercito (solo il 7% della popolazione statunitense è costituito da veterani) è un tallone d’Achille misconosciuto per i militaristi.

“Di conseguenza, il problema della troppa guerra e del numero insufficiente di soldati sfugge a un serio esame”, scrive lo storico e colonnello dell’esercito in pensione Andrew Bacevich in After the Apocalypse: Il ruolo dell’America in un mondo trasformato. “Le aspettative che la tecnologia possa colmare questo divario forniscono una scusa per evitare di porsi le domande più fondamentali: Gli Stati Uniti possiedono i mezzi militari per costringere gli avversari a sostenere la loro pretesa di essere la nazione indispensabile della storia? E se la risposta è negativa, come suggeriscono le guerre in Afghanistan e in Iraq dopo l’11 settembre, non avrebbe senso per Washington moderare le proprie ambizioni di conseguenza?”.

Questa domanda, come sottolinea Bacevich, è “anatema”. Gli strateghi militari partono dal presupposto che le prossime guerre non assomiglieranno affatto a quelle passate. Investono in teorie immaginarie sulle guerre future che ignorano le lezioni del passato, assicurando altri fallimenti.

La classe politica è auto-illusa come i generali. Si rifiuta di accettare l’emergere di un mondo multipolare e il palese declino del potere americano. Parla con il linguaggio obsoleto dell’eccezionalismo e del trionfalismo americano, credendo di avere il diritto di imporre la propria volontà come leader del “mondo libero”. Nel suo memorandum del 1992 sulla pianificazione della difesa, il sottosegretario alla Difesa Paul Wolfowitz ha sostenuto che gli Stati Uniti devono assicurarsi che non sorga di nuovo una superpotenza rivale. Gli Stati Uniti dovrebbero proiettare la loro forza militare per dominare un mondo unipolare in perpetuo. Il 19 febbraio 1998, al “Today Show” della NBC, il Segretario di Stato Madeleine Albright ha dato la versione democratica di questa dottrina dell’unipolarismo. “Se dobbiamo usare la forza è perché siamo americani; siamo la nazione indispensabile”, ha detto. “Siamo alti e vediamo più lontano di altri Paesi nel futuro”.

Questa visione demenziale dell’impareggiabile supremazia globale degli Stati Uniti, per non parlare dell’impareggiabile bontà e virtù, acceca l’establishment repubblicano e democratico. Gli attacchi militari che hanno usato con disinvoltura per affermare la dottrina dell’unipolarismo, soprattutto in Medio Oriente, hanno rapidamente generato il terrore jihadista e una guerra prolungata. Nessuno di loro se l’aspettava finché i jet dirottati non si sono schiantati contro le torri gemelle del World Trade Center. Il fatto che si aggrappino a questa assurda allucinazione è il trionfo della speranza sull’esperienza.

Il pubblico prova un profondo disgusto per questi architetti elitari della Ivy League dell’imperialismo americano. L’imperialismo è stato tollerato quando è stato in grado di proiettare potenza all’estero e di produrre standard di vita crescenti in patria. È stato tollerato quando si è limitato a interventi occulti in Paesi come l’Iran, il Guatemala e l’Indonesia. In Vietnam ha fatto il botto. Le sconfitte militari che ne sono seguite hanno accompagnato un costante declino del tenore di vita, una stagnazione salariale, un’infrastruttura fatiscente e infine una serie di politiche economiche e accordi commerciali, orchestrati dalla stessa classe dirigente, che hanno deindustrializzato e impoverito il Paese.

 

Gli oligarchi dell’establishment, ora riuniti nel Partito Democratico, diffidano di Donald Trump. Egli commette l’eresia di mettere in discussione la santità dell’impero americano. Trump ha deriso l’invasione dell’Iraq come un “grande, grosso errore”. Ha promesso di “tenerci fuori da una guerra infinita”. Trump è stato ripetutamente interrogato sul suo rapporto con Vladimir Putin. Putin era “un assassino”, gli ha detto un intervistatore. “Ci sono molti assassini”, ha replicato Trump. “Pensa che il nostro Paese sia così innocente?”. Trump osò dire una verità che sarebbe rimasta per sempre inespressa: i militaristi avevano venduto il popolo americano.

Noam Chomsky si è preso una bella rivincita per aver sottolineato, correttamente, che Trump è “l’unico statista” che ha presentato una proposta “sensata” per risolvere la crisi tra Russia e Ucraina. La soluzione proposta comprendeva “facilitare i negoziati invece di minarli e muoversi verso la creazione di una sorta di accomodamento in Europa… in cui non ci siano alleanze militari ma solo un accomodamento reciproco”.

 

Trump è troppo poco concentrato e mercuriale per offrire soluzioni politiche serie. Ha fissato un calendario per il ritiro dall’Afghanistan, ma ha anche inasprito la guerra economica contro il Venezuela e ripristinato le pesanti sanzioni contro Cuba e l’Iran, che l’amministrazione Obama aveva interrotto. Ha aumentato il bilancio militare. Sembra che abbia flirtato con un attacco missilistico al Messico per “distruggere i laboratori di droga”. Ma riconosce un’avversione per la cattiva gestione imperiale che risuona con il pubblico, che ha tutto il diritto di detestare i mandarini compiacenti che ci fanno precipitare in una guerra dopo l’altra. Trump mente come se respirasse. Ma anche loro lo fanno.

I 57 repubblicani che si sono rifiutati di appoggiare il pacchetto di aiuti all’Ucraina da 40 miliardi di dollari, insieme a molte delle 19 proposte di legge che includevano un precedente aiuto all’Ucraina da 13,6 miliardi di dollari, provengono dallo stravagante mondo cospiratorio di Trump. Anche loro, come Trump, ripetono questa eresia. Anche loro vengono attaccati e censurati. Ma più Biden e la classe dirigente continueranno a riversare risorse nella guerra a nostre spese, più questi proto-fascisti, già destinati a spazzare via i guadagni democratici alla Camera e al Senato quest’autunno, saranno in ascesa. Marjorie Taylor Greene, durante il dibattito sul pacchetto di aiuti all’Ucraina, che la maggior parte dei membri non ha avuto il tempo di esaminare da vicino, ha detto: “40 miliardi di dollari ma non c’è latte artificiale per le madri e i bambini americani”.

“Una quantità imprecisata di denaro per la CIA e la legge supplementare per l’Ucraina, ma non c’è latte artificiale per i bambini americani”, ha aggiunto. “Smettete di finanziare i cambi di regime e le truffe di riciclaggio di denaro. Un politico americano copre i loro crimini in Paesi come l’Ucraina”.

La democratica Jamie Raskin ha immediatamente attaccato Greene per aver ripetuto la propaganda del presidente russo Vladimir Putin.

Greene, come Trump, ha detto una verità che risuona con un pubblico in crisi. L’opposizione alla guerra permanente avrebbe dovuto provenire dalla piccola ala progressista del Partito Democratico, che purtroppo si è venduta alla vile leadership del Partito Democratico per salvare le proprie carriere politiche. Greene è un invasato, ma Raskin e i Democratici vendono la loro stessa follia. Pagheremo un prezzo molto alto per questo teatrino.


Fonte: Mint Press News, 23 maggio 2022

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.