“Veleno per il popolo” – Come un’attivista in esilio contrasta la macchina della propaganda russa

Adam Federman

L’attivista ambientale Evgeniya Chirikova ha contribuito a salvare una foresta a Mosca. Ora sta cercando di dare voce agli attivisti e ai giornalisti russi che resistono al regime di Putin.

L’attivista ambientale russa Evgeniya Chirikova ha vissuto in esilio per più di sette anni. Alla fine degli anni 2000, Chirikova, ingegnere e madre di due bambini piccoli, ha lanciato una campagna per proteggere una delle poche foreste secolari rimaste vicino a Mosca. Lo Stato stava progettando di costruire una superstrada da Mosca a San Pietroburgo che avrebbe distrutto migliaia di acri di spazio verde. Alla fine l’appalto fu assegnato alla multinazionale francese Vinci e la strada fu costruita, ma la campagna di Chirikova riuscì ad attirare l’attenzione sul problema tanto che la secolare foresta di Khimki, conosciuta come il “polmone verde di Mosca”, fu in gran parte preservata. Questo ha segnato l’inizio di un nascente movimento verde nel Paese.

Nel 2010, in occasione di una manifestazione a Mosca, più di 5.000 persone hanno manifestato la loro opposizione all’autostrada. L’allora presidente Dmitry Medvedev bloccò il progetto di sviluppo per diversi mesi, cosa che Chirikova ha descritto come una “grande vittoria”. L’interesse per il suo lavoro è cresciuto e si è esteso ben oltre la campagna di Khimki.

Quando ho parlato con lei di recente, Chirikova ha ricordato un’intervista rilasciata alla stazione radio liberale Echo of Moscow, che, come molti media indipendenti in Russia, è stata chiusa dall’inizio della guerra in Ucraina. Durante l’intervista, Chirikova ha dato il suo numero di telefono in diretta ed è stata sommersa di chiamate da russi interessati a sapere come avesse organizzato la sua campagna. Nel 2012, le è stato assegnato il prestigioso Goldman Prize per aver “dato nuova vita alla voglia di riforme politiche della società civile russa”.

Poco tempo dopo, Chirikova ha fondato un’organizzazione non governativa per aiutare a costruire reti di attivisti in Russia. L’organizzazione è stata bollata come “agente straniero” ai sensi di una legge russa approvata nel 2012 – la prima a ricevere tale designazione, secondo Chirikova – che era diventata un bersaglio per le autorità. (Da allora la legge è stata utilizzata per chiudere un’ampia gamma di istituzioni civiche, tra cui il gruppo per i diritti umani Memorial e i media indipendenti). Altri attivisti di Khimki furono picchiati, tra cui il giornalista Mikhail Beketov, che fu quasi ucciso e non si riprese mai dalle ferite riportate prima di morire cinque anni dopo. Alla fine Chirikova fu costretta a lasciare la Russia e da allora vive in Estonia con la sua famiglia.

Insieme al marito, Mikhail Matveev, ha anche creato un sito web, Activatica, per fornire una piattaforma a giornalisti, attivisti e prigionieri politici russi. Nonostante abbia dovuto lasciare la Russia, il lavoro di Activatica è continuato. Per molti versi, la piattaforma è posizionata in modo unico per il momento attuale ed è diventata un punto di riferimento per gli attivisti in Russia e per quelli che ora vivono all’estero. Da quando la Russia ha lanciato la sua brutale invasione dell’Ucraina il 24 febbraio, il sito web ha ottenuto 25-30 milioni di visualizzazioni al mese, il triplo rispetto a prima della guerra, secondo Chirikova.

Il sito web – che al momento è disponibile solo in russo – ha assunto una nuova urgenza in quanto gli attivisti, dentro e fuori la Russia, lottano per trovare il modo di protestare contro la guerra in Ucraina, assistere i rifugiati ucraini (molti dei quali sono stati trasferiti con la forza in Russia dalla parte orientale del Paese) e mantenere vive le campagne a cui stavano lavorando in precedenza. Chirikova afferma che la missione del sito è quella di “organizzare servizi per gli attivisti di base dalla Russia e aiutare i rifugiati dall’Ucraina”.

“La nostra missione ora è condividere informazioni veritiere sulla lotta della società civile in Russia e sulla verità della guerra in Ucraina”, ha detto. “Questo è il nostro primo compito. Il nostro secondo compito è organizzare il supporto legale per gli attivisti”.

Durante la nostra recente conversazione, Chirikova ha parlato dell’impatto della guerra sulla società civile russa, degli sforzi per assistere i rifugiati ucraini e russi e delle connessioni tra il movimento globale per il clima e i diritti umani. L’intervista è stata rielaborata e modificata per chiarezza.

Una attivista russo contro la guerra attaccato da ignoti. (Twitter/Attivatica)

Molti attivisti russi stanno cercando di andarsene o hanno già lasciato il Paese, poiché il regime di Putin ha dato un giro di vite a qualsiasi opposizione alla guerra. Ma immagino che molti siano rimasti. Cosa possono fare ora? Quanto è ristretto lo spazio per la società civile?

È davvero un’ottima domanda. Gli attivisti che hanno deciso di rimanere in Russia sono davvero degli eroi, perché è estremamente difficile. Alcuni di loro hanno continuato a protestare e a scendere in strada con semplici cartelli chiari che recitavano: “No alla guerra”. Sono stati arrestati immediatamente e alcuni sono finiti in prigione.

Su Activatica si possono trovare molte storie al riguardo. Molte persone in diverse parti della Russia hanno partecipato a queste azioni. Alcuni di loro continuano a fornire aiuto ai prigionieri politici. Questo è davvero molto importante perché in Russia ci sono molti prigionieri politici.

Alcuni lavorano come giornalisti e condividono informazioni. Ma è davvero molto difficile per loro perché abbiamo una nuova legge che criminalizza le notizie sulla guerra. Ed è davvero molto complicato condividere informazioni sulla situazione in Ucraina, ad esempio.

Ma alcuni attivisti continuano a lottare, come gli ambientalisti, ad esempio.

Al momento, su Activatica si possono trovare post su attivisti che stanno lavorando per proteggere la foresta di Troitsky. È davvero una lotta enorme. Le persone stanno cercando di proteggere la loro patria, il loro spazio verde, i loro alberi.

Abbiamo anche altri tipi di attività di base. Certo, non è così attiva come prima della guerra – perché gran parte degli attivisti russi sono stati costretti a trasferirsi in altri Paesi – ma non tutti. Sono molto contenta che alcuni attivisti continuino la loro lotta.

Tuttavia, sono molto preoccupato per le persone che sono andate in altri Paesi. Anche loro sono eroi. Perché? Perché continuano la loro lotta lontano dalla madrepatria e continuano a organizzare azioni in Georgia, Armenia, ecc. E continuano a sostenere i rifugiati ucraini.

Volevo tornare un po’ indietro e parlare del movimento ambientalista in Russia prima della guerra in Ucraina. Dopo la campagna di Khimki, cosa è successo? Il movimento ambientalista ha continuato a crescere?

Siamo stati uno dei primi gruppi di base in grado di proteggere con successo i nostri diritti. Secondo la Costituzione, ho diritto a un ambiente sano. Come cittadino, ho chiesto alle autorità di proteggere la foresta di Khimki perché, secondo la legislazione russa, era illegale distruggere questo spazio verde vicino a Mosca.

I difensori delle foreste russe: si scalda la campagna per salvare la foresta di Khimki a Mosca
Siamo stati uno dei primi gruppi a mostrare un nuovo modello di comportamento perché, purtroppo, dopo il regime totalitario, durante i 70 anni dell’Unione Sovietica, la gente non aveva molta esperienza con l’attivismo di base. E, naturalmente, parte della nostra lotta è stata quella di dare un esempio per mostrare come organizzare una campagna.

Ricordo che dopo la nostra campagna nella foresta di Khimki molte persone mi hanno chiamato per chiedermi della mia esperienza. E in seguito molte persone hanno iniziato a organizzare lotte simili nelle loro regioni.

Ricordo un momento folle. Ho fatto un’intervista a Echo Moskvy e durante l’intervista ho dato il mio numero di telefono. Dopo di che molte persone mi hanno chiamato per farmi delle domande. Volevano chiedermi come fosse possibile organizzare una campagna ecologica, manifestazioni e altre lotte.

Ricordo che nel 2010 il nostro movimento di base – insieme ai leader dell’opposizione, tra cui Boris Nemtsov – è riuscito a organizzare una grande manifestazione e la rockstar Yury Shevchuk è venuta a cantare. Le autorità hanno cercato di fermarla, ma è stato impossibile perché 5.000 persone hanno partecipato alla protesta. Abbiamo chiesto di cambiare il progetto e di salvare la foresta di Khimki. Dopo di che il presidente della Russia ha bloccato il progetto per sei mesi. È stata una grande vittoria per noi. Prima di allora, le autorità russe non avevano mai ascoltato la società civile russa.

Dopo [l’inizio della, ndt] guerra in Ucraina, come hanno cambiato le loro tattiche gli attivisti e i giornalisti per continuare a cercare di attirare l’attenzione su questi temi?

È impossibile organizzare una campagna ambientale convenzionale in Russia quando abbiamo il Presidente Putin e il regime di Putin. Dobbiamo prima risolvere questo problema. E poi, naturalmente, dobbiamo cambiare la politica energetica della Russia.

Perché è disgustoso che la Russia continui a vendere carbone, petrolio e gas ogni giorno. E in questo momento dobbiamo chiedere all’Unione Europea di organizzare un embargo sul petrolio e sul gas russo. È orribile che ogni giorno l’UE continui a pagare miliardi di euro per acquistare petrolio e gas russo. E ogni giorno il regime di Putin riceve denaro dall’Europa per continuare la sua disgustosa guerra.

Penso che sia assolutamente ingiusto. E naturalmente è un grosso problema per il cambiamento climatico. Ed è un grosso problema per il popolo ucraino. In questo momento c’è una grande connessione tra il cambiamento climatico e i diritti umani.

Perché se smettete di comprare petrolio, gas e carbone dalla Russia di Putin, da un lato vi aiuterà a fermare la guerra contro l’Ucraina e dall’altro a salvare il clima.

Può parlare del ruolo di Activatica nella Russia di oggi? Il suo ruolo è cambiato dopo la guerra in Ucraina?

Forse 10 anni fa, quando eravamo attivisti, abbiamo capito che è estremamente importante avere una voce. Avevamo qualche problema con i media in Russia, perché non c’erano normali media indipendenti che condividessero informazioni veritiere sulle nostre attività. Abbiamo quindi deciso di organizzare dei media indipendenti per gli attivisti, come Facebook per gli attivisti.

Al momento abbiamo una grande squadra. Abbiamo volontari e giornalisti in diverse parti della Russia e la nostra missione è fornire una piattaforma per gli attivisti. Il ruolo del mio gruppo è quello di organizzare il fact checking e di distribuire le informazioni su diverse piattaforme di social media. La nostra missione era dare voce agli attivisti. Perché molto spesso i giornalisti comuni non erano interessati a raccontare le manifestazioni o i dettagli di una campagna.

A volte, per i giornalisti, c’era interesse solo se c’era un crimine contro gli ambientalisti. Ricordo che un giornalista mi disse: “Se qualcuno dei tuoi amici viene picchiato o ucciso, per favore chiamaci”. È una logica orribile. Quindi per me era molto importante dare voce agli attivisti e agli organizzatori. E la mia missione ora è quella di proteggerli.

Gli attivisti russi possono accedere al sito web?

Al momento stiamo utilizzando delle VPN per gli attivisti russi. Ma non è così facile usare il nostro sito web in Russia. Dopo che l’agenzia russa per le telecomunicazioni ha criminalizzato le notizie sulla guerra, il nostro portale è stato bloccato. Grazie alle VPN, a Tor e ad altri metodi è possibile trovare informazioni e siamo sempre alla ricerca di nuovi modi per fornire le nostre informazioni alla società civile russa. [Activatica è presente su quasi tutte le piattaforme di social media].

Purtroppo, la macchina della propaganda in Russia è un problema terribile. È come un veleno per la gente.

Potete ancora pubblicare rapporti o video di attivisti all’interno della Russia?

Sia all’interno che all’esterno della Russia. Perché una parte enorme della Russia in questo momento si trova in diversi Paesi. [Le stime variano, con un recente articolo del New York Times che parla di “decine di migliaia”. Nel frattempo, le statistiche ufficiali russe indicano che quasi quattro milioni di persone sono partite]. Hanno organizzato molte campagne contro la guerra. Per esempio, c’è un video che uno dei nostri membri, il giornalista e attivista per i diritti umani Evgeny Kurakin, ha pubblicato a marzo. Ha girato un breve video di manifestanti contro la guerra che vengono radunati sulla Piazza Rossa di Mosca per aver semplicemente tenuto un cartello con la scritta “Due parole”: “Due parole”, che sta per “No alla guerra”. È molto coraggioso e ha già passato del tempo in prigione per il suo lavoro. Ma, nonostante questi rischi, ha continuato a fare il suo lavoro.


Fonte Waging Nonviolence, 12 maggio 2022

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] “Veleno per il popolo” – Come un’attivista in esilio contrasta la macchina d… […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.