Le sanzioni possono mai essere giuste – e tanto meno efficaci?

Patricia Hynes

di Patricia Hynes


La storia suggerisce che le sanzioni dell’Occidente alla Russia faranno solo del male alle persone vulnerabili. Le sanzioni possono mai essere giuste – e tanto meno efficaci? I movimenti offrono un approccio migliore alle sanzioni economiche.

Le sanzioni possono mai essere giuste
Foto Suslikk on Unsplash

Come risultato della sua brutale invasione dell’Ucraina, la Russia è ora il paese più sanzionato al mondo, portando un ex funzionario del Tesoro dell’amministrazione Obama a descrivere la situazione come “guerra nucleare finanziaria“. I paesi dell’Europa occidentale, tuttavia, dipendono dal petrolio e dal gas russo; quindi, hanno dovuto ritagliarsi un’eccezione per acquistare carburante dalla Russia, consentendo così alla Russia di ottenere sostanziali entrate dalle esportazioni per sostenere il suo esercito. È possibile, quindi, che i cittadini russi soffrano più per le privazioni dovute alle sanzioni economiche che per le casse del governo.

Embed from Getty Images

Poiché il mondo non può rischiare una vera guerra nucleare impegnando militarmente la Russia, l’Europa occidentale e gli Stati Uniti sono stati costretti a dare armi e addestramento all’Ucraina. Di conseguenza, agli occhi degli analisti economici e di sicurezza, questo conflitto sta testando “se la ritorsione economica può far indietreggiare un aggressore o se solo la forza armata può fermare la forza armata”.

Nell’ideale, le sanzioni economiche possono fornire uno strumento politico senza la forza militare per punire o prevenire azioni discutibili. Tuttavia, le sanzioni economiche possono anche essere uno strumento politico ottuso e inefficace, che danneggia in modo sproporzionato le popolazioni più vulnerabili senza cambiare il governo interessato.

Le sanzioni economiche sono pene imposte contro un paese, i suoi funzionari o privati cittadini, nel tentativo di disincentivare le politiche e le azioni prese di mira e di costringerlo a obbedire a una legge o a una politica pubblica. Le diffuse sanzioni economiche contro il governo dell’apartheid in Sudafrica negli anni ’80, compresi il boicottaggio e il disinvestimento, sono esemplari del potenziale delle sanzioni per ottenere una società più giusta e libera, senza ricorrere alla violenza. Molti altri regimi di sanzioni non lo sono.

Nel 1990, le Nazioni Unite hanno imposto sanzioni che hanno vietato il commercio mondiale con l’Iraq dopo l’invasione del Kuwait da parte di quel paese. Le sanzioni continuarono dopo la guerra del Golfo nel 1991 a causa del rifiuto di Saddam Hussein di rispettare i termini del cessate il fuoco. Nel 1997 un terzo dei bambini iracheni erano malnutriti e nel 1999 l’economia era distrutta. L’ex funzionario dell’ONU Denis Halliday ha definito le sanzioni “genocide” e ha lasciato il suo incarico per parlare contro di esse. Tredici anni di sanzioni dell’ONU hanno contribuito a una seria riduzione del reddito pro capite dell’Iraq, ma i dittatori come Hussein generalmente ignorano le sanzioni – e così è seguita una lenta guerra economica che ha impoverito la popolazione civile. Come ha notato uno studio, questo ha portato il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a invocare sanzioni più mirate, piuttosto che globali.

In linea di principio, le sanzioni sono invocate per arginare il terrorismo, il traffico di droga, le violazioni dei diritti umani, la proliferazione delle armi e le violazioni dei trattati internazionali. Si va da sanzioni economiche e commerciali complete a misure più mirate come embarghi di armi, divieti di viaggio, boicottaggi, disinvestimenti e restrizioni finanziarie o sui beni. Dal 1966, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha stabilito 30 regimi di sanzioni in molti paesi africani, l’ex Jugoslavia, Haiti, Iraq, Libano, così come contro l’ISIS, Al-Qaida e i talebani.

In particolare i paesi sanzionati dall’ONU non hanno incluso potenti paesi occidentali, anche se molti sono stati coinvolti in guerre criminali – tra cui la guerra degli Stati Uniti in Vietnam, la ventennale guerra USA/NATO in Afghanistan e la guerra degli Stati Uniti in Iraq, che includeva una manciata di altri paesi europei.

Il Brookings Institute ha notato che gli Stati Uniti usano sempre più spesso le sanzioni “per promuovere l’intera gamma della politica americana“. Questa dichiarazione in qualche modo neutrale riconosce che gli Stati Uniti impiegano comunemente le sanzioni per scopi geopolitici – cioè, per accumulare potere militare o economico contro un rivale e per promuovere un cambio di regime. Cuba è tra i più notevoli fallimenti del cambio di regime. Sei decenni di embargo commerciale e di viaggio degli Stati Uniti su Cuba non hanno realizzato nessuno degli obiettivi politici di Washington: il rovesciamento del governo comunista, la promozione del capitalismo e il blocco degli investimenti esteri da parte di altri paesi. Attualmente, nell’Assemblea Generale dell’ONU, solo gli Stati Uniti e Israele appoggiano le sanzioni contro Cuba. Inoltre, gli studi hanno scoperto che più a lungo durano le sanzioni, meno è probabile che abbiano successo.

Uno degli studi più completi su 170 casi che abbracciano un secolo di sanzioni economiche “ha concluso che le sanzioni hanno avuto parzialmente successo solo il 34% delle volte”.

Molti studi concludono che le sanzioni sono più efficaci contro gli stati con strutture coerenti di potere e coesione sociale – mentre sono molto meno efficaci contro le dittature e gli stati falliti. Tuttavia, questo non è stato il caso di tre dei paesi più a lungo sanzionati e funzionanti, con vari gradi di governo monopartitico nei casi di Cuba e Corea del Nord e una combinazione di forte teocrazia e democrazia più debole in Iran. Si noti che in ognuno di questi paesi gli Stati Uniti hanno avuto storicamente un ruolo imperialista sovradimensionato: la guerra ispano-americana nel caso di Cuba, la guerra di Corea per contenere il comunismo e il colpo di stato pianificato dalla CIA in Iran contro il primo ministro Mohammad Mosaddegh, eletto democraticamente e di sinistra.

Dopo essersi ritirati dalla sua devastante e futile guerra ventennale in Afghanistan nell’agosto 2021, gli Stati Uniti hanno rapidamente emanato sanzioni economiche contro il brutale governo talebano, trattenendo anche il denaro del popolo afgano depositato nella Federal Reserve Bank di New York. Secondo Mark Weisbrot di Just Foreign Policy, queste sanzioni punitive, inevitabilmente a carico del popolo afgano, “sono sulla buona strada per togliere la vita a più civili nel prossimo anno di quanti ne siano stati uccisi da 20 anni di guerra”.

Sanzioni con due pesi e due misure

Il comitato nazionale palestinese BDS che guida il movimento globale di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni, “si oppone alla guerra”, come hanno dichiarato di recente, “che si tratti dell’aggressione illegale della Russia in Ucraina oggi… o delle molte guerre palesemente illegali e immorali condotte dagli USA o dalla NATO negli ultimi decenni, che hanno devastato intere nazioni e ucciso milioni di persone.”

Essi contrappongono il proprio movimento BDS contro Israele “per porre fine alla complicità nel regime di oppressione di Israele” che nega ai palestinesi “libertà, giustizia e uguaglianza” con quello degli attuali boicottaggi e sanzioni occidentali, xenofobi e maccartisti contro i russi comuni. Gli esempi includono il divieto di film e letteratura russi, la rimozione di direttori d’orchestra russi, il rifiuto di pazienti russi in un ospedale tedesco, il divieto di cittadini russi che vivono in Russia dalla maratona di Boston, ecc. L’azienda statunitense Airbnb si è ritirata immediatamente dalla Russia quando è iniziata la sua invasione dell’Ucraina, così come McDonald’s e recentemente American Express, anche se queste aziende continuano a fare affari in Israele e negli insediamenti israeliani illegali.

Secondo il giurista sudafricano ed ex giudice ad hoc della Corte internazionale di giustizia John Dugard, “Se l’Occidente non mostra preoccupazione per i diritti umani [palestinesi] … il resto del mondo [non occidentale] concluderà che i diritti umani sono uno strumento impiegato dall’Occidente contro i regimi che non gli piacciono e non uno strumento obiettivo e universale per misurare il trattamento delle persone in tutto il mondo”.

Prospettive sui risultati delle sanzioni

Le sanzioni non sono state impiegate come strumento indipendente di politica estera fino al 20° secolo – e sono state sempre più utilizzate dopo la seconda guerra mondiale, essendo viste come una risposta a basso rischio (per chi, ci si deve chiedere) e di alto profilo all’aggressione.

Secondo Robin Wright del New Yorker, le sanzioni “generano un cambiamento significativo solo il 40% delle volte” e possono richiedere molto tempo per avere effetto. Tuttavia, le opinioni sul fatto che le sanzioni siano state il fattore determinante nella risoluzione del conflitto o nell’attuazione degli obiettivi di politica estera possono variare. Prendiamo il caso del Sudafrica: Molti analisti concordano sul fatto che la fine del regime di apartheid del Sudafrica fu in gran parte dovuta alle diffuse sanzioni economiche sul Sudafrica negli anni ’80. Altri sostengono che una “coalizione guidata dai neri altamente mobilitata fu la chiave”.

Uno degli studi più completi su 170 casi che abbracciano un secolo di sanzioni economiche ha concluso che “le sanzioni hanno avuto parziale successo solo il 34% delle volte”. Dove gli obiettivi erano modesti, per esempio il rilascio di un prigioniero politico, il tasso di successo era del 50% – mentre il successo nel cambio di regime o gli sforzi per interrompere un’azione militare erano molto più bassi.

Le contraddizioni e i dilemmi etici delle sanzioni

Le sanzioni nel tempo possono causare ai civili una devastazione simile a quella della guerra, punendoli più severamente del loro governo. Inoltre, sono spesso imposte dagli Stati Uniti – il paese più sanzionatore del mondo – per cercare un cambio di regime. L’ONU ha stimato che le sanzioni statunitensi contro Cuba – il paese più a lungo sanzionato al mondo – hanno espropriato quel paese di “circa 130 miliardi di dollari di entrate perse”, consegnandolo a decenni di povertà.

Gli interventi e le sanzioni per mantenere o ripristinare la pace e la sicurezza internazionale sono stati più efficaci quando sono stati applicati come parte di una strategia globale che comprenda il mantenimento della pace, la costruzione della pace e la riconciliazione.

Le sanzioni contro altri paesi possono essere una conseguenza delle azioni passate degli Stati Uniti. Nel 1954, Jacobo Árbenz, democraticamente eletto a sinistra, fu rovesciato come presidente del Guatemala da un colpo di stato pianificato dalla CIA per proteggere i profitti della United Fruit Company. I brutali regimi sostenuti dagli Stati Uniti da allora hanno commesso torture e genocidi ben documentati, per i quali il Guatemala è stato sanzionato da alcuni paesi, compresi, ironicamente, gli Stati Uniti.

Altrettanto ipocrita è la sanzione di paesi – come la Corea del Nord e l’Iran – per il possesso o il perseguimento di armi nucleari, come se fosse più una questione di chi possiede queste armi di distruzione di massa che non semplicemente la loro esistenza a costituire una minaccia per la vita sulla Terra. Gli sforzi degli Stati Uniti a livello statale per criminalizzare il movimento BDS sono altrettanto duplici, data la pratica annuale degli Stati Uniti di vendere armi e dare più di 3 miliardi di dollari di aiuti militari a Israele e fare lo stesso per l’Arabia Saudita durante la sua guerra criminale contro lo Yemen. Sanzionare alcuni paesi per le violazioni dei diritti umani mentre se ne favoriscono altri infanga il potenziale di alternativa alla guerra e la credibilità delle sanzioni.

Sanzioni infuse con intento etico

Come possiamo contribuire ad assicurare che le sanzioni siano sia giuste che più probabilmente efficaci nel sostenere la giustizia? Una manciata di disparati movimenti di sanzioni etiche – quelli del movimento del Sudafrica degli anni ’80 contro l’apartheid e l’attuale movimento palestinese BDS, così come la campagna internazionale di disinvestimento dai combustibili fossili – condividono alcune caratteristiche. Erano/sono ispirati da gruppi di base guidati dai cittadini e sono stati raggiunti nel tempo da ONG e istituzioni in misura diversa. Così, sono in gran parte liberi dalla politica di potere dei grandi paesi e delle Nazioni Unite (sia economica, militare o geopolitica) che infettano e minano l’intento di giustizia delle sanzioni.

Dato che molte sanzioni, specialmente quelle dell’ONU, sono intese a disinnescare e risolvere i conflitti, c’è una lezione da imparare da uno sforzo gemello in Liberia e dalla storica risoluzione 1325 dell’ONU del 2000, che si concentra sull’impegno delle donne, allo stesso modo degli uomini, nella pace e nella sicurezza all’interno dei loro paesi. Nessuno ha parlato con più forza a sostegno della risoluzione 1325 dell’ONU del premio Nobel per la pace liberiano Leymah Gbowee, che ha riunito donne cristiane e musulmane nel suo paese per porre fine alla sua feroce guerra civile.

Secondo Gbowee, gli interventi e le sanzioni per mantenere o ripristinare la pace e la sicurezza internazionale sono stati più efficaci quando sono stati applicati come parte di una strategia globale che comprende il mantenimento della pace, la costruzione della pace e la riconciliazione. Porre fine alla guerra attraverso la forza, le sanzioni e i negoziati è solo il primo passo per raggiungere una pace duratura. La costruzione continua della pace e la pacificazione a livello di comunità e di quartiere sostengono la risoluzione dei conflitti in modo più affidabile e costruiscono una solidarietà più duratura tra le persone.

Cosa suggeriscono questi esempi etici per i movimenti per la pace in tutto il mondo riguardo all’attuale conflitto russo-ucraino? Possiamo mobilitarci per dimostrare una solidarietà internazionale unificata con i manifestanti contro la guerra sia in Russia che in Ucraina. Il nostro sostegno dovrebbe usare i media in modo audace e creativo per evidenziare la nostra convinzione condivisa che la guerra non è la risposta, e che la guerra genera solo guerra senza fine. Gli scambi post-bellici possono unire russi e ucraini, come hanno fatto i resistenti palestinesi e israeliani all’apartheid. Il lavoro di costruzione della pace basato sulla comunità, come continua a fare il movimento delle donne in Liberia, è cruciale per una riconciliazione duratura all’interno delle società precedentemente in conflitto.


Patricia Hynes

Patricia Hynes è un ingegnere ambientale in pensione e professore di salute ambientale alla Boston University School of Public Health. Lavora, scrive e parla di pace, giustizia sociale, uguaglianza delle donne e giustizia ambientale. Il suo nuovo libro, “Hope But Demand Justice”, è stato pubblicato all’inizio del 2022.


Fonte: Waging Nonviolence, 14 aprile 2022

Questa storia è stata prodotta da Fellowship of Reconciliation

traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.