La droga in testa. Una nuova narrazione

redazione

Segnalazione redazionale


Henri Margaron, La droga in testa. Una nuova narrazione, Gruppo Abele, Torino 2021, pp. 116, € 15,00

La droga in testa. Una nuova narrazione
La copertina del libro La droga in testa. Una nuova narrazione
«Le droghe sono considerate da ogni genitore il maggior pericolo in cui può incorrere il proprio figlio quando inizia ad avviarsi sulla strada dell’autonomia».

Inizia con queste parole il saggio di Henri Margaron, un trattato sull’evoluzione storica e sociale del consumo di droghe e sostanze e sulle scoperte più innovative sul tema.

Quello di Margaron può considerarsi un contributo illuminante all’analisi del rapporto tra consumo di droghe, implicazioni sul cervello e dipendenza.

Le più recenti scoperte nel campo delle neuroscienze hanno ormai messo in discussione l’esistenza di qualche particolare struttura cerebrale suscettibile di essere messa «in tilt» dal consumo di sostanze, aprendo così la strada a una nuova narrazione su droghe e dipendenze.

Se il fulcro delle straordinarie capacità del nostro cervello non risiede nella sua struttura, ma nel modo in cui apprendiamo continuamente dall’interazione con il contesto e con le altre persone, non è più plausibile identificare nel mero consumo la causa della dipendenza, né nella sua proibizione la sola via per proteggere i più giovani.

Occorre invece indagare a fondo il modo in cui le droghe, o alcuni comportamenti, possono condizionare questa interazione e interferire con la formazione della personalità. E occorre promuovere esperienze emotivamente gratificanti e costruttive, in grado di rappresentare una credibile alternativa di senso nella vita di ragazze e ragazzi.


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.