La compresenza dei morti e dei viventi

Massimiliano Fortuna

Recensione di Massimiliano Fortuna


Aldo Capitini, La compresenza dei morti e dei viventi, Libreria Editrice Fiorentina, Firenze 2022, pp. 439, € 28,00

La compresenza dei morti e dei viventi

La compresenza dei morti e dei viventi è la summa del pensiero filosofico-religioso di Aldo Capitini. Pubblicata per la prima volta da Il Saggiatore nel 1966, due anni prima della morte del suo autore, è stata poi riedita nel volume Scritti filosofici e religiosi (Protagon, 1994) curato da Mario Martini, appassionato studioso di Capitini, che negli ultimi decenni si è speso come nessun altro per promuovere la conoscenza dell’opera e della vita di quello che si può senza dubbio considerare il più importante pensatore della nonviolenza nell’Italia del Novecento. Più di recente, nel 2018, la Compresenza è riapparsa per le edizioni de Il Ponte, con una introduzione di Giancarlo Gaeta.

Tuttavia queste pagine continuano senza dubbio a essere ancora poco frequentate e poco conosciute e le tre edizioni citate sono ormai reperibili soltanto nelle biblioteche.

Rappresenta dunque un’ottima notizia la riproposizione della Compresenza da parte della Libreria Editrice Fiorentina, nella quale il testo di Capitini è preceduto da una presentazione di Giuseppe Moscati e da due contributi di Gabriella Falcicchio e Daniele Taurino, che accompagnano alla lettura delle pagine capitiniane, pagine dense di pensiero e ardue per certi aspetti, la cui conoscenza è però indispensabile se si è interessati a intendere in tutta la sua portata e in tutta la sua complessità la prospettiva religiosa di Capitini, che non rappresenta certo un’appendice secondaria o un aspetto trascurabile della ricerca per la pace che ha improntato tutta la sua vita.

Non è possibile infatti ignorare la tensione escatologica che sottende l’intera opera di Capitini e che nella Compresenza trova compiuta espressione, anche se era già chiaramente affiorata in diverse pagine dei libri precedenti. La prassi nonviolenta che Capitini teorizza e mette in atto non si riduce a un metodo di lotta circoscritto all’ambito politico e sociale, ma poggia su una prospettiva metafisica nutrita dalla speranza nell’avvento di una realtà ultima, totalmente liberata dai vincoli del dolore e della morte. In altre parole, non si comprende Capitini se non si prende sul serio la sua visione religiosa, al centro della quale sta la fede nella compresenza dei morti e dei viventi.


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.