L’Italia è in guerra già da tempo

Antonio Mazzeo

di Antonio Mazzeo


Non vorrei essere pessimista ma in tutta sincerità, ogni giorno che passa, vivo in prima persona la profonda preoccupazione di un conflitto che si sta estendendo. E un conflitto che può diventare veramente totale e globale, oltre che ovviamente nucleare. 

L’Italia è in guerra

Un conflitto che ci vede già in prima linea. L’Italia è in guerra. E non siamo in guerra soltanto perché quotidianamente da Pratica di Mare o da Pisa partono quei cargo pieni di armi, che verranno consegnati chissà in quali circostanze e a chi – accontentandoci di sapere che sono indirizzati in Ucraina, ma ben consapevoli del fatto che contribuiranno a estendere e ulteriormente infiammare la gravità della situazione.

L’Italia è in guerra perché le forze armate italiane e il territorio italiano è già da tempo un territorio di guerra, perché è dall’interno del nostro territorio che partono operazioni che sono di provocazione e che contribuiscono ad aggravare le situazioni di conflitto.

I compagni portuali che hanno parlato prima di me in questo convegno, sanno benissimo il ruolo che Genova, Livorno, La Spezia. Trieste, Pisa, hanno avuto in questi anni nell’armare i conflitti, principalmente nell’area medio orientale. Da parte nostra come Movimento NoMuos ci siamo dati appuntamento prima a Niscemi (sabato 12 marzo) e poi a Sigonella (domenica 20 marzo) due luoghi che, come nel caso della Val di Susa, sono proprio il simbolo della condanna di territori che vengono espropriati e direi stuprati per finalità di morte e distruzione. Siamo stati a Niscemi perché all’interno di una riserva naturale, una delle aree più belle della Sicilia, è stato realizzato uno dei quattro terminali terrestri del MUOS, il sistema di telecomunicazioni satellitari ad uso esclusivo delle forze armate statunitensi.

Chiariamo subito che non è un progetto NATO e non è neanche un radar. È un sistema di telecomunicazioni che ha il compito di far passare tutte le attività di intelligence: non c’è utente delle forze armate americane, non c’è sottomarino, missile balistico nucleare, portaerei, cacciabombardiere, unità navale, non c’è un singolo militare o reparto che non faccia circolare le informazioni, le immagini, i comandi all’interno di questo sistema satellitare.

Sono stati realizzati quattro terminali terrestri di questo tipo: uno sta alle Hawai, un secondo in Australia, un terzo direttamente in Virginia e poi ci siamo noi in Sicilia, a dimostrazione di come la Sicilia abbia un ruolo geostrategico globale nelle operazioni di guerra. Ecco spiegato il presidio del 12 marzo a Niscemi: perché sappiamo che ogni attività di comando, ogni decisione per potrà contribuire as alzare l’asticella di questo conflitto, passerà dal territorio siciliano, dalla riserva naturale di Niscemi che sono in territorio italiano.

Quanto al presidio del 20 marzo a Sigonella: è bene ricordare che negli ultimi 40 anni ha avuto un ruolo centrale in tutti i conflitti, dalla guerra dello Yom Kippur nel 1973 con Israele, alla prima e seconda guerra nel Golfo, e poi nelle operazioni di guerra in Afghanistan, in quelle del 2011 rispetto alla Libia… da Sigonella decollano quotidianamente i droni della marina militare statunitense e i droni AGS della NATO, per tutte quelle operazioni di provocazione al confine con la Russia, con la Bielorussia, in Ucraina, sorvolando il Mar Nero e la Crimea.

Sono attività d’intelligence fondamentali che deliberatamente aggravano il braccio di ferro con la Russia: per il fatto di accentuare ulteriormente la situazione di crisi e di conflitto, impediscono scelte di diplomazia che sarebbero le sole in grado di imporre alle parti di sedersi al tavolo dei negoziati, o come minimo tentare di ottenere un cessate il fuoco in nome del diritto alla vita per le popolazioni dell’Ucraina e ovviamente del Donbass.

Ma da Sigonella non partono soltanto gli aerei che fanno operazioni d’intelligence, partono anche gli aerei in funzione di una guerra sempre più elettronica, che rappresenta il primo passo di un’escalation armata: prima accedi ai sistemi radar e ai sistemi di telecomunicazione degli avversari, poi scateni i bombardamenti con sistemi missilistici, con armi nucleari, con i cacciabombardieri eccetera. Quotidianamente i pattugliatori Poseidon della marina militare statunitense decollano da Sigonella e percorrono lo stesso tragitto dei droni, sorvolando a poche miglia di distanza il confine con la Russia. Il ruolo dell’Italia anche in questo caso non è indifferente: da Sigonella partono infatti anche i pattugliatori dell’aeronautica italiana con la funzione di controllo di tutto lo specchio del Mediterraneo, in particolare sorvolano la Siria che ospita la base strategica della flotta russa, per sorvolare poi il Mar Nero.

Dalla Sicilia, dalla base di Trapani-Birgi (una base che è diventata tristemente famosa nel 2011 perché è da lì che è decollato il 70 % delle operazioni di bombardamento in Libia, da parte della coalizione multinazionale a guida statunitense e poi NATO) decollano dunque gli aerei radar della Nato con questa duplice funzione: come radar di controllo ma anche di disturbo elettronico.

C’è stata un’operazione di guerra recentemente, che la stampa ha volutamente occultato. Due bombardieri strategici B52 che erano stati trasferiti in Europa prima dell’attacco della Russia all’Ucraina, sono decollati dalla Gran Bretagna, hanno attraversato buona parte dell’Europa e in una tipica operazione muscolare – operazione che non esiterei a definire di provocazione – hanno raggiunto il confine con la Russia. Si tratta di vere e proprie fortezze volanti, sono aerei che possono trasportare testate nucleari come i B61, cioè quelle a caduta libera, che oggi sono ospitate nelle basi di Ghedi, nei pressi di Brescia, e di Aviano in provincia di Pordenone; e possono anche imbarcare missili da crociera cosiddetti a doppia capacità, convenzionale e nucleare.

Ebbene dopo aver raggiunto i confini con la Russia questi due bombardieri sono tornati indietro, a dimostrare che l’ipotesi di una guerra nucleare non è soltanto qualcosa di propagandistico, che viene lanciato ogni tanto a mo’ di minaccia, ma viene concretizzato e sperimentato giorno per giorno a dimostrazione che se la situazione peggiora, siamo disponibili a pensare anche all’uso dell’arma nucleare. Nel migliore dei casi limitato, all’occorrenza totale.

Ma la cosa grave è che questi due bombardieri, nelle loro operazioni di provocazione, sono stati scortati fino al confine con la Russia da cacciabombardieri italiani. Sono partiti da Amendola in provincia di Foggia gli F35, diventati ormai operativi, aerei che hanno una doppia capacità: sono aerei convenzionali ma in caso di crisi possono imbarcare quei B61 che, come dicevo poco fa, sono già presenti nel territorio italiano. Oltre agli eurofighters, i cacciabombardieri partiti probabilmente da Grosseto, che hanno partecipato a questa operazione di accompagnamento e di provocazione.

E non dimentichiamo il ruolo strategico della Base di Aviano, base di proiezione dei cacciabombardieri F16, anche questi a capacità nucleare dell’aereonautica militare statunitense. Ormai è da anni che esiste un ponte aereo tra Aviano e le basi polacche nell’ambito di questa pressione alla Russia che viene esercitata sia dagli Stati Uniti che dalle truppe NATO. Aviano è anche la piattaforma di partenza delle truppe statunitensi presenti in territorio italiano, mi riferisco alla cosiddetta 173ima brigata aviotrasportata, forza di eccellenza degli Stati Uniti d’America, che è presente a Vicenza – da notare questo duplice ruolo di Vicenza-Aviano di proiezione di guerra.

Tra l’altro la 173ima brigata aviotrasportata è il reparto d’élite che dal 2014 addestra le forze armate ucraine. Ovviamente addestra anche la guardia nazionale, quel reparto dove sono stati cooptati già nel 2014 il cosiddetto battaglione Azov e altri gruppi che un tempo erano gruppi paramilitari, ma che oggi appartengono a tutti gli effetti alle forze armate e all’esercito ucraino.

Dico questo perché spesso si pensa che ci siano reparti paramilitari ufficiali e gruppi paramilitari esterni al controllo del governo ucraino: assolutamente no, è dal 2014 che questi battaglioni, che erano nati come battaglioni paramilitari di attacco alle repubbliche autoproclamatesi del Donbass, fanno parte a tutti gli effetti dell’esercito ucraino. Per cui quando andiamo a dare le armi all’Ucraina, si sappia che non le diamo a ufficiali con le stellette che rispondono a un potere politico. Stiamo armando anche gruppi che si sono macchiati di nefandezze, di violazioni e crimini inauditi.

A tutto questo dobbiamo aggiungere una serie di proiezioni che l’Italia ha già direttamente posizionato alle porte della Russia. Noi abbiamo trasferito reparti terrestri in Lettonia, in questo momento facciamo parte dei quattro battaglioni di pronto intervento della NATO già insediatisi nelle tre repubbliche baltiche e in Polonia, un quinto è in via d’insediamento in territorio rumeno… Proprio qualche giorno fa è stata ufficializzata dal comando della NATO una piantina in cui i numeri sono veramente impressionanti.

È gravissimo che i media che ormai dedicano 23 ore e 59 minuti ogni giorno al conflitto dell’Ucraina con una narrazione mainstream determinata ad accentuare la logica del conflitto e dello scontro, abbia omesso di ricordare che in questo momento, direttamente alle dipendenze della NATO, sono stati insediati più di 40.000 militari soltanto nel cosiddetto fianco est dell’alleanza, mi riferisco a Polonia, Romania, Bulgaria, Ungheria, e alla tre repubbliche baltiche. A questo si aggiungono i 100.000 militari che gli Stati Uniti hanno in questo momento in territorio europeo.

Sono numeri che speravamo di non dover più riscontrare dai momenti più critici della guerra fredda, da quando gli americani avevano progressivamente ridotto le loro forze militari, scegliendo di insediare le loro forze solo in alcuni hub di grossi centri europei. Oggi sono 100.000. A questi si aggiungono 200 unità navali e sottomarini: in questo momento abbiamo in atto la più grande esercitazione militare che si sia mai svolta nel Nord Europa a partire dalla guerra fredda, la cosiddetta Cold Response che starebbe a significare ‘risposta fredda’ anche se di freddo non c’è niente, è piuttosto una risposta calda: 35.000 militari che si stanno addestrando in Norvegia, tra l’altro non soltanto delle Forze NATO perché ormai esiste una NATO de Jure, una NATO di diritto, ma esiste sempre di più una NATO di fatto.

Ci sono paesi che hanno mantenuto un ruolo di neutralità fondamentale durante la guerra fredda, contribuendo ai processi di disarmo e di smantellamento delle testate nucleari – penso in particolare alla Svezia, penso al ruolo che hanno avuto la Finlandia e la Svizzera, che storicamente dalla loro costituzione hanno mantenuto un ruolo neutrale. Ma anche loro oggi partecipano direttamente alle operazioni di “deterrenza” anti-russa.

Dicevo delle esercitazioni in Norvegia: l’Italia è presente anche in queste esercitazioni, abbiamo dislocato la portaerei Garibaldi con le sue centinaia di uomini e i suoi sistemi armati e abbiamo dislocato un reparto degli alpini direttamente ad addestrarsi in Norvegia. A questi si sono aggiunti i cacciabombardieri che in questo momento abbiamo a Costanza, aeroporto della Romania. E per concludere questo scenario devastante, in questo momento nel Mar Ionio, tra la Grecia e la Calabria stanno giocando alla guerra tre portaerei: due a propulsione nucleare, la francese Charles De Gaulle e la statunitense Truman, oltre all’italiana Cavour, che viene utilizzata per sperimentare gli atterraggi e i decolli degli F35 nella versione navale.

Anche questa esercitazione che si svolge nello Jonio rappresenta una chiara proiezione rispetto alla minaccia armata. E questi numeri, questi militari, questi reparti armati, questi sistemi missilistici già installati nei territori dell’Europa dell’est, rappresentano un grave elemento di drammatizzazione della situazione, un elemento che accresce i rischi reali che si arrivi a una guerra non più localizzata solo nel territorio ucraino, ma che potrebbe estendersi a macchia d’olio.

Pensiamo alle recenti farneticanti dichiarazioni del Ministro Guerini, che apertamente immagina la possibilità di estendere il conflitto dalla Russia in altre aree strategiche: quando ha detto che l’Italia deve prepararsi a questo confronto, a monitorare i russi e persino la Wagner (la società di contractor russa), nei Balcani, nel mediterraneo, nel continente africano, ha chiaramente prefigurato una situazione di preparazione a una guerra che potrebbe non limitarsi alla sola Europa ma facilmente estendersi. Oppure (in caso di risoluzione pacifica del conflitto in UKraina) potrebbe replicare il braccio di ferro NATO/Russia in altre regioni, fuori dagli occhi dei media e al riparo dalla falsa ipocrisia di forze politiche che denunciano le guerre soltanto quando conviene, dimenticando le centinaia di migliaia di morti per esempio in Yemen, una guerra che si combatte come sappiamo con le armi e con le bombe italiane.

Concludo ricordando, oltre ai due appuntamenti NoMuos già avvenuti a Niscemi e Sigonella, anche quello dell’8 aprile a Palermo, di fronte all’Ufficio regionale scolastico siciliano che si è macchiato di una ulteriore nefandezza, nel processo che mira a trasformare la Sicilia in un laboratorio sperimentale dei processi di militarizzazione del territorio, un laboratorio sperimentale delle guerre del 21imo secolo, quelle che si combattono con le armi automatizzate come i droni.

Come se questo non bastasse, la Sicilia è infatti destjnata a diventare anche il laboratorio della trasformazione della scuola in luogo dove costruisci il pensiero militare, il cittadino di guerra: dove costruisci il cittadino-soldato sull’esempio del modello israeliano, in cui si è militari per tutta la vita, si è spie per tutta la vita, si è pronti ad aggredire ‘difendendosi’ per tutta la vita. L’ufficio scolastico regionale siciliano, 1mo in tutta Italia, ha firmato un protocollo con l’esercito italiano per garantire la famigerata alternanza scuola/lavoro direttamente all’interno delle caserme, nelle strutture di morte dell’esercito italiano, accelerando un modello di militarizzazione dell’istruzione che ha già devastato la scuola pubblica italiana.

Per questo abbiamo ritenuto come NoMuos che il terzo appuntamento per chiudere questa nostra campagna contro la guerra, andasse fatto insieme ai movimenti studenteschi e ai sindacati di base: per denunciare un modello educativo cos’ chiaramente funzionale alla logica neoliberista della Guerra.


Intervento pronunciato all’Università di Torino, Palazzo Nuovo, il 18 marzo scorso, in occasione del Convegno “Dalle Università ai Teatri di Guerra blocchiamo la Filiera della Morte” organizzato dal collettivo Cambiare Rotta Torino nell’ambito del Sottosopra fest v edizione, contro la guerra e il riarmo!


Di seguito la registrazione di tutti i contributi oltre a quello di Antonio Mazzeo:


3 commenti
  1. Maria
    Maria dice:

    Da siciliana,italiana ed europea mi sento umiliata e schiavizzata dalla tracotante violenza armata americana.Trattano la Sicilia, e non solo,come una loro colonia ormai da 80 anni. VERGOGNA!!!

    Rispondi
    • Andrea Griseri
      Andrea Griseri dice:

      Non dimentichiamo il rapporto cordiale fra Usa e mafia al tempo dello sbarco:ma allora esisteva una motivazione ,si era in guerra contro il nazifascismo. Oggi invece questa relazione può aiutare proprio la mafia

      Rispondi
  2. ROSA Dalmiglio
    ROSA Dalmiglio dice:

    30 anni fà, i Media Cinesi mi chiesero di rappresentarli per combattere le FAKE-NEWS, un'altra forma di GUERRA Psicologica che vede i media Italiani al servizio dell'informazione Americana
    allora partii per Pechino con un articolo di Oriana Fallaci, forse la sola che è riuscita ad intervistare Deng Xiaoping
    io collaboro con il figlio Deng Pufang, nel 1999 mi premiò per l'aiuto dato ai cinesi disabili, allora 65 milioni, oggi 85 milioni
    ho collaborato a realizzare "MY DREAM" il sogno ARTE per TUTTI di DENG PUFANG,, nel 2003 le Nazioni Unite premiarono Deng Pufang per i DIRITTI UMANI e nel 2004 fui invitata con uno scritto del Governo Cinese ha realizzare un incontro in Vaticano, che si realizzò il 25 Maggio 2005, pagato dal Ministero degli Affari Esteri che iniziò una cooperazione,
    risultato "l'UNESCO dichiarò ARTIST for PEACE" questi artisti (da allora presenti come Ambasciatori di PACE nel Mondo
    non abbiamo nessun Artista Italiano nella lista UNESCO per la PACE ma abbiamo un Teatro della Scala di Milano che cancella ad un membro Russo Artista per la PACE quale Valery la direzione di un'opera a Milano
    neanche nella Korea del Nord si verificano ricatti simili, come glli ITALIANI accettino un Governo che non firma la convenzione della messa al bando di armi nucleari è un mistero per me
    SIAMO in GUERRA

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.