Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza

Cinzia Picchioni

Mini-recensione di Cinzia Picchioni


Storia di una lumaca

Luis Sepúlveda, Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza, Guanda, Milano 20135, pp. 102, € 10,00, copertina rigida

Cinque edizioni, per questo delizioso librino (con bellissima copertina) dell’autore di gabbiani, gatti, topi e… lumache.

Si legge d’un fiato e può essere un buon viatico per bambini che stentino ad addormentarsi, disturbati da racconti di guerre, esodi e lunghe estenuanti camminate verso confini accoglienti.

Anche i bambini fuggono e camminano per giorni, proprio come le lumache del racconto: lentamente, molto lentamente.

La ripetizione di questo avverbio, lentamente, è la cifra del libro, ed è molto importante da ribadire, anche se di questi tempi sembra prevalere la frenesia del “non c’è più tempo”. Forse “non c’è più tempo” perché si è andati troppo veloci anche quando si sarebbe potuti andare lentamente? Forse “prevenire è meglio che curare” anche in questo caso?

Le lumache, si sa e lo sanno anche loro, sono lente, ma si sono messe in marcia lo stesso e, senza affrettare il passo, hanno proseguito la loro ricerca della “terra promessa”. Lentamente, molto lentamente.


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.