Il movimento contro la guerra russo visto dall’interno

Alexander Bidin

Lo scorso anno, la soppressione della rete di attivisti di Navalny, ha distrutto il principale strumento organizzativo dell’opposizione e indebolito il movimento contro la guerra russo. Ma la resistenza alla guerra può crescere nonostante tutto.

Il movimento contro la guerra russo
Fonte: Instagram @teamnavalny

Alle prime ore del 24 febbraio 2022, la Russia ha lanciato un’invasione militare dell’Ucraina. Lo stesso giorno, in molte città russe si sono svolte proteste di piazza non autorizzate. A causa delle azioni della polizia russa, che ha disperso eventuali assembramenti, è difficile calcolare esattamente quante persone abbiano preso parte alle proteste contro la guerra. Ma il numero delle persone detenute è noto: l’organizzazione per i diritti umani OVD-Info ha contato quasi 2.000 persone.

Per fare un confronto, quando il leader dell’opposizione Alexey Navalny è stato arrestato nel gennaio 2021 – la più grande protesta non autorizzata nella storia della Russia indipendente – OVD-Info ha riferito che 3.893 persone sono state arrestate. Queste cifre mostrano che molte persone in Russia si sono dichiarate contrarie alla guerra, ma il numero era ancora inferiore rispetto a un anno fa. Soprattutto, la partecipazione alle proteste non corrispondeva al grado di indignazione contro l’invasione russa espressa online.

Le celebrità parlano chiaro

Anche le celebrità che sono ben integrate nella cultura pop russa hanno pubblicato appelli contro la guerra online. Da quando il Cremlino ha preso il controllo delle onde radio russe all’inizio degli anni 2000, presentatori televisivi e artisti hanno evitato le dichiarazioni politiche o, al contrario, hanno dimostrato lealtà alle autorità, lealtà che è stata spesso generosamente ripagata. La loro condanna pubblica della guerra è indicativa: potrebbe essere seguita dalla “scomunica” e dal crollo delle loro carriere.

Valery Meladze, ad esempio, un noto cantante e produttore che è anche un membro di lunga data del partito al potere Russia Unita, giovedì ha pubblicato un videomessaggio sul suo profilo Instagram. In questo messaggio, ha condannato le operazioni militari russe e ha chiesto una soluzione diplomatica. Il famoso comico e showman Maxim Galkin, che è anche un presentatore dei media statali, ha pubblicato su Instagram “Non ci sono giustificazioni per la guerra”, insieme a un riquadro nero. Un altro conduttore di media statali, il comico Ivan Urgant, ha pubblicato il seguente messaggio sui social media: “Paura e dolore. NO GUERRA.” Il programma serale di Urgant doveva essere trasmesso il 25 febbraio. È stato rimosso dal palinsesto.

Non ha molto senso riportare altre dichiarazioni di altri leader dell’opinione pubblica russa che sono meno in vista e meno dipendenti dalle autorità. Occuperebbe troppo spazio. La domanda è: perché non sono scese in piazza più persone? L’opposizione in Russia ha, dopotutto, organizzato azioni chiamate “la Marcia dei Milioni” con l’obiettivo specifico di realizzare proteste di massa contro l’ultima decade.

Ci sono diversi motivi.

Repressione dell’opposizione

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da ??????? ?????????? (@teamnavalny)

Innanzitutto, la società russa è priva di istituzioni in grado di occuparsi dell’organizzazione delle proteste, soprattutto con breve preavviso. Ad esempio, le proteste del 2021 per l’arresto di Navalny sono state organizzate attraverso la rete di Navalny di squadre di coordinamento locali in tutto il paese, forse l’unica vera macchina politica rimasta in Russia. Dalla fine dell’ultimo decennio, la rete di Navalny è stata al centro di tutte le attività di protesta in Russia. L’organizzazione comprendeva 45 sedi regionali, con 180 dipendenti a tempo pieno e un numero imprecisato di volontari.

Grazie a queste risorse e alla pianificazione, la rete è riuscita a stabilire un contatto con un’ampia parte della società russa. Dopo che la rete di Navalny è stata dichiarata organizzazione estremista nel giugno 2021, la struttura legale è stata liquidata e molti dei suoi dipendenti sono stati costretti a emigrare all’estero. Gli account sui social media della rete (compresi i canali Telegram e le mailing list) – che hanno stabilito contatti con il pubblico russo – sono stati più o meno congelati.

Di conseguenza, quando la Russia ha invaso l’Ucraina la scorsa settimana, non esisteva alcun meccanismo funzionante in grado di coordinare rapidamente le persone per scendere in massa in piazza. Le restanti risorse mediatiche della Fondazione Anticorruzione di Navalny (ad esempio, su Twitter) hanno pubblicato solo notizie sulla guerra, intervallate da aggiornamenti da un’aula di tribunale russa dove l’ennesimo processo a Navalny stava entrando nel suo quarto giorno.

“Non c’erano informazioni [sulle proteste] in anticipo, a differenza di quando funzionavano le squadre di Navalny”

Il movimento contro la guerra russo
Fonte: Instagram @teamnavalny

Il ruolo di coordinatrice delle proteste è stato invece assunto da Marina Litvinovich, ex stratega politica e media manager, oggi attivista per i diritti umani con ambizioni politiche. Verso mezzogiorno del 24 febbraio, Litvinovich ha pubblicato un appello affinché le persone si riunissero alle 19:00 nei centri cittadini di tutta la Russia.

A causa del suo status pubblico e della sua cerchia di conoscenti, diversi media indipendenti hanno diffuso l’appello di Litvinovich a protestare. Ma non erano un gran numero. Ad esempio, il più grande quotidiano online indipendente russo, Meduza, non ha segnalato le proteste pianificate. Anche gli account sui social media di Litvinovich non sono all’altezza del pubblico di Navalny. Ad esempio, circa 7.500 persone sono iscritte all’account Instagram di Litvinovich. L’account di Navalny ha invece 3,5 milioni di iscritti.

I cittadini russi più motivati ??hanno quindi cercato informazioni sulla protesta da Internet o da amici. “Avevo programmato di andare con i miei amici alla manifestazione contro la guerra il 5 marzo. Alcuni personaggi pubblici hanno fatto richiesta per poter realizzare una protesta in questa data”, ha detto una manifestante, Polina di Mosca. Quando è stata arrestata il 24 febbraio, ha detto, l’ufficiale di polizia le ha rotto un braccio.

“Il giorno in cui è stata dichiarata la guerra, mi sono svegliata come al solito, presto, alle sei. E sono rimasta bloccata nelle notizie. Il mio ragazzo si è svegliato alle 9 in punto. Gli ho detto cosa stava succedendo. Abbiamo pianto insieme. Ho scritto alla mia amica Masha. Era ovvio che non aveva più senso aspettare il 5 marzo. Mi ha detto di incontrarci alle 18:30 in centro”.

Lo studente di medicina Nikita, che ha preso parte alle proteste contro la guerra a Ekaterinburg, dice di essere stato sicuro che alcune persone avrebbero protestato per la guerra. “Ero in centro, a seguire il telegiornale. E quando TE (Tipica Ekaterinburg – un canale di social media in città) ha iniziato a coprire gli eventi, sono andato lì. Non c’erano informazioni in anticipo, a differenza di quando funzionavano le squadre di Navalny. Non c’era coordinamento tra le persone, non c’era nemmeno agitazione. Queste erano persone che sono venute lì spontaneamente, dopo aver appreso la notizia che due persone erano già state arrestate per picchettaggio”.

Effetti indesiderati

La notizia degli arresti delle persone che protestavano contro la guerra è diventata così una fonte di informazioni sull’ora e sul luogo delle proteste. Ad esempio, la polizia ha arrestato Marina Litvinovich all’ingresso di casa sua alle 15:00 del 24 febbraio e la maggior parte della copertura mediatica russa, che conteneva informazioni sulle proteste, si è concentrata sul suo arresto. La polizia ha accusato Litvinovich di aver organizzato una manifestazione non autorizzata con l’intento di diffondere voci di protesta e l’ha portata in una stazione di polizia di Mosca.

Altri attivisti devono affrontare accuse simili, così come notizie che diffondono informazioni sulle proteste imminenti (un media russo può ricevere una multa compresa tra 800.000 e quattro milioni di rubli per non aver rimosso “inviti ad azioni pubbliche illegali e rivolte”). Questa minaccia ostacola in modo significativo la diffusione delle informazioni e riduce la potenziale partecipazione alle proteste degli utenti di Internet altamente motivati e relativamente attivi.

Quest’ultimo fattore spiega chi c’era, probabilmente, il primo giorno delle proteste contro la guerra. A San Pietroburgo, la maggior parte dei manifestanti erano giovani, anche se le persone di mezza età e gli anziani costituivano il 20% della folla, secondo le persone con cui ho parlato. I partecipanti di Mosca hanno riportato una simile suddivisione.

Roman, che ha trascorso l’intera serata nel centro della capitale russa, ha dichiarato: “La maggior parte dei partecipanti erano giovani. C’erano pochissime persone anziane”. Polina gli fa eco. “Tutti sono come me più o meno, persone sotto i 30 anni. Sembrava che ci fossero meno persone delle generazioni più anziane. Forse è perché ci sono andata il primo giorno e le persone anziane non hanno avuto il tempo di reagire”.

Nonostante la somiglianza nella composizione delle manifestazioni, c’erano differenze tra San Pietroburgo e Mosca. Contrariamente alle aspettative, a San Pietroburgo il primo giorno di guerra la polizia ha agito meno duramente di quando un anno fa ha represso le proteste a sostegno di Navalny, quando molti manifestanti sono stati picchiati con armi stordenti. Alla fine, la polizia non ha permesso a un folto gruppo di manifestanti di concentrarsi in un unico luogo, sgomberando gradualmente l’area adiacente alla stazione della metropolitana Gostiny Dvor della città. A Mosca, invece, gli arresti sono stati più brutali del solito.

“Sono rimasto sorpreso di quanto sia stata dura questa volta. Prima di allora, era ancora possibile vedere gli agenti di polizia come persone alle proteste. Ma non questa volta”, ha detto Polina. Secondo lei, le persone detenute a Mosca, minori compresi, non potevano effettuare telefonate. “Mi sembra che (la polizia) abbia agito in questo modo perché ha capito che non aveva scuse. Penso che fosse la loro difesa psicologica”, ha detto.

Nikita di Ekaterinburg parla di una situazione simile. “Ho sentito che 50 persone sono state detenute nella nostra città. Rispetto a San Pietroburgo, la polizia qui di solito è meno violenta e trattiene solo una ventina di persone anche durante le proteste di massa”. Eppure, nella capitale degli Urali, la polizia ha persino arrestato un autista che ha suonato il clacson mentre sorpassava i manifestanti.

Il cappio si stringe

Queste differenze si sono appianate nei giorni seguenti. A San Pietroburgo, la polizia ha cominciato a trattenere ogni potenziale manifestante che poteva. Rendendosi conto dell’impossibilità di riunirsi in un solo posto, i manifestanti hanno cominciato a muoversi in gruppi nel centro della città, scandendo slogan ed eludendo la polizia. Questo ha aggiunto drammaticità agli eventi, ma ha impedito ai manifestanti di mostrare la forza dei numeri – un elemento importante della rappresentanza politica. La dimensione di una protesta è anche importante per catturare lo spazio urbano.

Detto questo, non c’è ancora bisogno di parlare di tattica. La mancanza di coordinamento non riguarda solo il numero delle proteste in Russia, ma anche la capacità dei manifestanti di agire in modo razionale. Per la maggior parte di loro, uscire in piazza è un dovere morale e un atto simbolico, più che uno strumento funzionale di resistenza alle autorità. Ad esempio, Nikita ritiene che le proteste di piazza a Ekaterinburg non possano influenzare la politica federale. Polina di Mosca condivide il suo pessimismo. “Non ho aspettative, nessun altro scopo se non quello di lavare un po’ questa vergogna. È chiaro che non si può fare nulla”, dice.

Forse la migliore immagine di questo pessimismo è quella di uno studente di 22 anni che ha lanciato una bottiglia molotov agli agenti di polizia a Mosca. È stato un lancio debole: la bottiglia è caduta in mezzo alla strada senza raggiungere il bersaglio, per poi rotolare lungo la strada senza rompersi. È stato un gesto di disperazione radicale, ma simbolico, che non ha fatto male a nessuno. Ma dato che le persone in Russia ora ricevono vere pene detentive per aver lanciato un bicchiere di carta contro un poliziotto , non si può certo sperare che la corte consideri questo atto innocuo.

Adesso dove?

Il livello di disperazione è quindi in aumento. Il quarto giorno di guerra, il 27 febbraio, via Tverskaya nel centro di Mosca è stata testimone di un’auto in fiamme. Uno sconosciuto l’aveva dipinta con lo slogan “Gente, sveglia! Questa è guerra! Putin è feccia”, ha spinto l’auto contro alcune barriere e poi è fuggito. Dati i timori di fondo su una possibile guerra nucleare, molto probabilmente ci saranno solo azioni più estreme in Russia.

Tuttavia, è estremamente difficile prevedere qualcosa nella situazione attuale. Se la protesta contro la guerra russa rimane nella sua forma attuale, è improbabile che possa influenzare le decisioni politiche delle autorità russe.

È più probabile che i manifestanti, con l’aiuto dell’opposizione russa, saranno in grado di stabilire dei canali di comunicazione con una fascia più ampia di popolazione, soprattutto sulle conseguenze economiche delle sanzioni. (I primi segnali di sanzioni sono già visibili sui cartellini dei prezzi nei negozi russi.) Ma anche le manifestazioni di massa nelle strade non garantiscono il successo delle rivendicazioni contro la guerra. E non solo in Russia: 36 milioni di manifestanti nel mondo non hanno potuto fermare l’invasione dell’Iraq del 2003. Inoltre, esiste la possibilità che le manifestazioni di massa possano essere semplicemente represse.

“Penso che i morti ucraini e russi non ti permetteranno di diventare indifferente e tornare alla vita normale”, ha detto Polina. “Ma l’esperienza della Bielorussia mostra che la violenza sistemica soffoca qualsiasi protesta.”

È difficile non essere d’accordo con lei. Ma non bisogna dimenticare che oltre al deprimente “scenario bielorusso”, in cui le proteste di massa sono state brutalmente represse nel 2020, c’è uno scenario più ottimista se si amplia lo sguardo a tutta la regione: la rivoluzione armena del 2018. I manifestanti armeni, con l’aiuto di uno sciopero generale, sono riusciti a fermare la capitale e a convincere l’esercito dalla loro parte, che ha costretto la polizia a ritirarsi. Data la netta impopolarità della guerra in una parte significativa della società russa e le sue gravi perdite militari, questo scenario potrebbe non essere una fantasia totale.


Fonte: Open Democracy

https://www.opendemocracy.net/en/odr/ukraine-russia-anti-war-protest-movement-small-defiant/

Traduzione di Roberto Frittelli per il Centro Studi Sereno Regis


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.