Resistenza civile in Ucraina: un’arma segreta

Daniel Hunter

di Daniel Hunter


Ucraini disarmati che cambiano i cartelli stradali, bloccano i carri armati e affrontano i militari russi stanno mostrando il loro coraggio e la loro brillantezza strategica: resistenza civile in Ucraina

Resistenza civile in Ucraina
Una donna che respinge i militari russi a Henychesk, nella regione di Kherson. (Twitter/ukraine_world)

Prevedibilmente, gran parte della stampa occidentale si è concentrata sulla resistenza diplomatica o militare ucraina all’invasione della Russia, come l’armamento dei cittadini regolari per pattugliare e proteggere.

Queste forze si sono già dimostrate più forti di quanto il presidente russo Vladimir Putin si aspettasse e stanno disturbando i suoi piani con grande coraggio. Prendete Yaryna Arieva e Sviatoslav Fursin che si sono sposati tra le sirene dell’allarme aereo. Subito dopo la loro promessa di matrimonio hanno proceduto a firmare con il locale Centro di Difesa Territoriale per difendere il loro paese.

La storia mostra che una resistenza di successo contro un avversario militarmente più forte spesso richiede una grande varietà di resistenza, anche da parte di coloro che sono disarmati – un ruolo a cui spesso viene data meno attenzione, sia dai media mainstream che da avversari ossessionati dal potere.

Eppure, anche se la rapida invasione dell’Ucraina da parte di Putin ha lasciato molto sgomento, gli ucraini stanno mostrando cosa possono fare anche le persone disarmate per resistere.

Un cartello stradale photoshoppato che riporta il messaggio suggerito dal governo ucraino ai russi: “Fanculo”.

Rendere la vita difficile agli invasori

In questo momento, l’agenda militare russa sembra concentrarsi principalmente sulla distruzione dell’infrastruttura militare e politica in Ucraina. I militari del paese e i civili appena armati, per quanto eroici, sono fattori noti alla Russia. Proprio come la stampa occidentale ignora la resistenza civile disarmata, l’esercito russo sembra impreparato e ignaro anche di questo.

Mentre la gente supera lo shock degli ultimi giorni, è questa parte disarmata della resistenza che sta guadagnando slancio. L’agenzia ucraina per le strade, Ukravtodor, ha invitato “tutte le organizzazioni stradali, le comunità territoriali, i governi locali ad iniziare immediatamente a smantellare i segnali stradali nelle vicinanze”. Hanno sottolineato questo con un cartello autostradale photoshoppato rinominato: “Vaffanculo”, “Ancora vaffanculo” e “Alla Russia vaffanculo”. Fonti mi dicono che versioni di questi stanno accadendo nella vita reale. (Anche il New York Times ha riportato i cambiamenti dei cartelli).

La stessa agenzia ha incoraggiato la gente a “bloccare il nemico con tutti i metodi disponibili”. La gente sta usando gru per spostare blocchi di cemento sulla strada, o i normali cittadini stanno preparando sacchi di sabbia per bloccare le strade.

L’emittente ucraina HB ha mostrato un giovane uomo che usava il suo corpo per ostacolare fisicamente un convoglio militare che stava attraversando le strade. Ricordando il “Tank Man” di Piazza Tienanmen, l’uomo si è messo di fronte ai camion in corsa, costringendoli a virare intorno a lui e fuori strada. Disarmato e non protetto, il suo atto è un simbolo di coraggio e rischio.

Un ucraino disarmato che blocca un carro armato russo a Bakhmach. (Twitter/@christogrozev)

Questo è stato ripreso da un individuo a Bakhmach che, allo stesso modo, ha messo il suo corpo di fronte ai carri armati in movimento e ha ripetutamente spinto contro di loro. Tuttavia, sembrava che molti sostenitori stessero filmando, ma non partecipando. Questo è degno di nota perché – quando eseguito consapevolmente – questo tipo di azioni può essere rapidamente costruito. La resistenza coordinata può diffondersi e passare da atti isolati di ispirazione ad atti decisivi in grado di respingere un esercito che avanza.

Recentissimi rapporti sui social media stanno mostrando questa non cooperazione collettiva. In drammatici video condivisi, comunità disarmate affrontano i carri armati russi con apparente successo. In questo drammatico confronto registrato, per esempio, i membri della comunità camminano lentamente verso i carri armati, a mani aperte, e per lo più in silenzio. Il conducente del carro armato non ha l’autorizzazione o l’interesse ad aprire il fuoco. Scelgono la ritirata. Questo si ripete nelle piccole città dell’Ucraina.

Queste azioni comuni sono spesso portate avanti da gruppi di affinità – piccole cellule di amici che la pensano come loro. Data la probabilità di repressione, i gruppi di affinità possono sviluppare metodi di comunicazione (supponendo che il servizio internet/cellulare sarà interrotto) e mantenere un livello di pianificazione serrato. Nelle occupazioni a lungo termine, queste cellule possono anche emergere da reti esistenti – scuole, chiese/moschee e altre istituzioni.

https://wagingnonviolence.org/2022/02/ukraine-doesnt-need-to-match-russias-military-might-to-defend-against-invasion/

George Lakey scrive della totale non cooperazione ucraina con una forza di invasione, citando la Cecoslovacchia, dove nel 1968 la gente ha anche rinominato i cartelli. In un caso, centinaia di persone con le braccia legate bloccarono un ponte importante per ore fino a quando i carri armati sovietici si voltarono in ritirata.

Il tema era la non cooperazione totale ovunque possibile. Hai bisogno di petrolio? No. Serve acqua? No. Avete bisogno di indicazioni? Ecco quelle sbagliate.

I militari presumono che siccome hanno le armi possono avere la meglio sui civili disarmati. Ogni atto di non cooperazione dimostra che si sbagliano. Ogni resistenza rende ogni piccolo obiettivo degli invasori una dura battaglia. Morte per mille tagli.

Non estranei alla non cooperazione

Appena prima dell’invasione, il ricercatore Maciej Mathias Bartkowski ha pubblicato un articolo con dati approfonditi sull’impegno degli ucraini nella non cooperazione. Ha notato un sondaggio “subito dopo la rivoluzione Euromaidan e la conquista della Crimea e della regione del Donbass da parte delle truppe russe, quando ci si poteva aspettare che l’opinione pubblica ucraina sarebbe stata fortemente a favore della difesa della patria con le armi”. Alle persone è stato chiesto cosa farebbero se un’occupazione armata straniera avesse luogo nella loro città.

La pluralità ha detto che si impegnerebbe in una resistenza civile (26%), appena davanti alla percentuale pronta a prendere le armi (25%). Gli altri erano un mix di persone che semplicemente non sapevano (19 per cento) o dicevano che avrebbero lasciato/si sarebbero trasferiti in un’altra regione.

Il campo della resistenza nonviolenta è pieno di esempi di come il morale dei soldati si riduca di fronte a una resistenza prolungata, specialmente quando i civili vedono i militari come esseri umani con cui si può interagire.

Gli ucraini hanno chiarito la loro disponibilità a resistere. E questo non dovrebbe essere una sorpresa per chi conosce la storia e la tradizione orgogliosa dell’Ucraina. La maggior parte ha esempi contemporanei nella memoria recente – come raccontato nel documentario di Netflix “Winter on Fire” sulla rivoluzione di Maidan del 2013-2014 o la resistenza nonviolenta di 17 giorni per rovesciare il loro governo corrotto nel 2004, come raccontato dal film dell’International Center on Nonviolent Conflict “Orange Revolution“.

Una delle conclusioni chiave di Bartkowski: “La convinzione di Putin che gli ucraini preferirebbero andare a casa e non fare nulla di fronte all’aggressione militare può essere il suo più grande e politicamente più costoso errore di calcolo”.

Indebolire la determinazione dell’esercito russo

Casualmente, la gente parla dei “militari russi” come se fossero un insieme unico. Ma in realtà tutti i militari sono composti da individui con le loro storie, preoccupazioni, sogni e speranze. L’intelligence del governo degli Stati Uniti, che è stata sorprendentemente accurata in questo momento, ha affermato che Putin non ha raggiunto i suoi obiettivi durante questa prima fase di attacco.

Questo suggerisce che il morale dei militari russi potrebbe essere un po’ scosso dalla resistenza che hanno già visto. Non è l’attesa vittoria rapida. Nello spiegare la capacità dell’Ucraina di tenere il suo spazio aereo, per esempio, il New York Times ha suggerito una serie di fattori: un esercito più esperto, sistemi di difesa aerea più mobili e probabilmente una scarsa intelligence russa, che sembrava colpire obiettivi vecchi e inutilizzati.

Ma se le forze armate ucraine cominciano a vacillare, allora che cosa succede?

Il morale potrebbe oscillare di nuovo verso gli invasori russi. O potrebbero invece trovarsi di fronte a una resistenza ancora più forte.

Il campo della resistenza nonviolenta è pieno di esempi di come il morale dei soldati si riduca di fronte a una resistenza prolungata, specialmente quando i civili vedono i militari come esseri umani con cui si può interagire.

Piccole crepe si stanno già mostrando. Sabato, a Perevalne, in Crimea, Euromaidan Press ha riferito che “la metà dei coscritti russi è scappata e non vuole combattere”.

Prendete ispirazione da questa anziana donna che respinge i militari russi a Henychesk, nella regione di Kherson. Con le braccia tese si avvicina ai soldati, dicendo loro che non sono desiderati qui. Si mette in tasca e tira fuori semi di girasole e cerca di metterli nella tasca del soldato, dicendo che i fiori cresceranno quando i soldati moriranno su questa terra.

È coinvolta in un confronto morale umano. Il soldato è a disagio, nervoso e riluttante a confrontarsi con lei. Ma lei rimane insistente, provocatoria e senza scrupoli.

Mentre non conosciamo l’esito di questa situazione, gli studiosi hanno notato come questi tipi di interazioni ripetute modellano il comportamento delle forze avversarie. Gli stessi individui nell’esercito sono creature mutevoli e possono avere la loro determinazione indebolita.

In altri paesi questa intuizione strategica si è dimostrata capace di causare ammutinamenti di massa. I giovani serbi di Otpor dicevano regolarmente ai loro avversari militari: “Avrete la possibilità di unirvi a noi”. Usavano un mix di umorismo, rimproveri e vergogna per colpire. Nelle Filippine, i civili circondavano l’esercito e lo inondavano di preghiere, suppliche e fiori iconici nelle loro pistole. In ogni caso, l’impegno ha dato i suoi frutti, dato che grossi settori delle forze armate si sono rifiutati di sparare.

https://wagingnonviolence.org/2022/02/the-dangerous-assumption-that-violence-keeps-us-safe/

Nel suo attualissimo testo “Civilian-Based Defense“, Gene Sharp ha spiegato il potere degli ammutinamenti – e la capacità dei civili di causarli. “Gli ammutinamenti e l’inaffidabilità delle truppe nel reprimere le rivoluzioni russe prevalentemente nonviolente del 1905 e del febbraio 1917 furono fattori estremamente significativi nell’indebolimento e nella caduta finale del regime dello zar”.

Gli ammutinamenti aumentano man mano che la resistenza li prende di mira, cercando di minare il loro senso di legittimità, facendo appello alla loro umanità, approfondendo una resistenza prolungata e convinta, e creando una narrazione convincente che la forza di invasione semplicemente non appartiene a questo posto.

Piccole crepe si stanno già mostrando. Sabato, a Perevalne, in Crimea, Euromaidan Press ha riferito che “metà dei coscritti russi sono scappati e non vogliono combattere”. La mancanza di coesione completa è una debolezza sfruttabile – una che aumenta quando i civili si rifiutano di disumanizzarli e fanno tentativi di conquistarli con accanimento.

https://twitter.com/EuromaidanPress/status/1497658832507527181

La resistenza interna è solo una parte

Naturalmente la resistenza civile è un pezzo di uno svolgimento geopolitico più ampio.

Quello che succede in Russia conta molto. Forse ben 1.800 manifestanti contro la guerra sono stati arrestati mentre protestavano in tutta la Russia. Il loro coraggio e il loro rischio possono far pendere una bilancia che riduce la mano di Putin. Come minimo, crea più spazio per umanizzare i loro vicini ucraini.

Le proteste in tutto il mondo hanno aggiunto pressione sui governi per ulteriori sanzioni. Queste hanno probabilmente contribuito alla recente decisione dell’UE, del Regno Unito e degli Stati Uniti di rimuovere l’accesso della Russia – compresa la sua banca centrale – da SWIFT, la rete mondiale di 11.000 istituti bancari per lo scambio di denaro.

Un numero vertiginoso di boicottaggi aziendali sui prodotti russi sono stati richiesti da una varietà di fonti e alcuni di questi potrebbero ancora guadagnare terreno. Già alcune delle sollecitazioni aziendali stanno dando i loro frutti con Facebook e Youtube che bloccano le macchine di propaganda russa come RT.

Comunque vada, non si può fare affidamento sulla stampa tradizionale per sollevare storie di resistenza civile. Queste tattiche e strategie potrebbero dover essere condivise attraverso i social media e altri canali.

Onoreremo il coraggio della gente in Ucraina, come onoriamo coloro che resistono all’imperialismo nelle sue molte forme in tutto il mondo oggi. Perché per ora, mentre Putin sembra contarli – a suo rischio e pericolo – l’arma segreta dell’Ucraina della resistenza civile disarmata sta solo iniziando a dimostrare il suo coraggio e la sua brillantezza strategica.

Nota dell’editore: Il paragrafo sui membri della comunità che affrontano i carri armati e i carri armati che si ritirano è stato aggiunto dopo la pubblicazione, così come il riferimento al rapporto del New York Times sui segnali stradali che vengono cambiati.


Daniel Hunter

Daniel Hunter è il Global Trainings Manager di 350.org e progettista con il Sunrise Movement. Ha formato ampiamente le minoranze etniche in Birmania, i pastori in Sierra Leone e gli attivisti indipendentisti nel nord-est dell’India. Ha scritto diversi libri, tra cui il “Climate Resistance Handbook” e “Building a Movement to End the New Jim Crow”.


Fonte: Waging Nonviolence

https://wagingnonviolence.org/2022/02/ukraine-secret-weapon-civilian-resistance/

Traduzione a cura della redazione


2 commenti

Trackbacks & Pingbacks

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.