L’Ucraina non ha bisogno di eguagliare la potenza militare della Russia per difendersi dall’invasione

George Lakey
Photo by Egor Lyfar on Unsplash

Nel corso della storia, i popoli che hanno affrontato l’occupazione hanno sfruttato il potere della lotta nonviolenta per contrastare i loro invasori.

window.gie=window.gie||function(c){(gie.q=gie.q||[]).push(c)};gie(function(){gie.widgets.load({id:’evEIVBqXTwxdQ-fBbpA1yA’,sig:’PX6kfsDX08MzCuydjt5pokbuNahaXXniZ08-Qt9qhUU=’,w:’594px’,h:’395px’,items:’1238408857′,caption: true ,tld:’it’,is360: false })});

Come molti in tutto il mondo, tra cui migliaia di coraggiosi russi che protestano contro la brutale invasione della vicina Ucraina da parte del loro paese, sono consapevoli delle risorse inadeguate per difendere l’indipendenza e il desiderio di democrazia dell’Ucraina. Biden, i paesi della NATO, e altri stanno marcando il potere economico, ma non sembra essere sufficiente.

Certo, l’invio di soldati peggiorerebbe solo la situazione. Ma cosa succede se c’è una risorsa inutilizzata per esercitare il potere che non viene quasi per niente considerata? E se la situazione delle risorse fosse qualcosa del genere. C’è un villaggio che per secoli ha contato su un ruscello, e a causa del cambiamento climatico si sta prosciugando. Date le risorse finanziarie esistenti, il villaggio è troppo lontano dal fiume per costruire una conduttura, e il villaggio affronta la sua fine. Quello che nessuno aveva notato è una piccola sorgente in un burrone dietro il cimitero; on qualche attrezzatura per scavare un pozzo – potrebbe diventare una fonte abbondante di acqua e salvare il villaggio?

https://wagingnonviolence.org/2022/02/the-dangerous-assumption-that-violence-keeps-us-safe/

A prima vista questa era la situazione della Cecoslovacchia il 20 agosto 1968, quando l’Unione Sovietica si mosse per riaffermare il suo dominio – la potenza militare ceca non poteva salvarla. Il leader del paese, Alexander Dubcek, chiuse i suoi soldati nelle loro caserme per evitare una futile serie di scaramucce che potevano portare solo a feriti e morti. Mentre le truppe del Patto di Varsavia marciavano nel suo paese, egli scrisse istruzioni ai suoi diplomatici all’ONU per farne un caso, e usò le ore notturne per prepararsi all’arresto e al destino che lo attendeva a Mosca.

Embed from Getty Imageswindow.gie=window.gie||function(c){(gie.q=gie.q||[]).push(c)};gie(function(){gie.widgets.load({id:’u4GyCRGSRI9yvh-tGl5cQg’,sig:’6UUQSLAhChcz0B_5K5f5Hq6XS7_ohwKZ5QCARpbKRn8=’,w:’594px’,h:’410px’,items:’719756823′,caption: true ,tld:’it’,is360: false })});

Tuttavia, inosservato da Dubcek, o dai giornalisti stranieri o dagli invasori, c’era l’equivalente di una fonte d’acqua nel burrone dietro il cimitero. Ciò che l’ha sfruttata sono stati i mesi precedenti di vibrante espressione politica da parte di un crescente movimento di dissidenti determinati a creare un nuovo tipo di ordine sociale: “il socialismo dal volto umano”. Un gran numero di cechi e slovacchi erano già in movimento prima dell’invasione, agendo insieme mentre sviluppavano con entusiasmo una nuova visione.

Il loro slancio è stato utile quando l’invasione è iniziata, e hanno improvvisato brillantemente. Il 21 agosto, ci fu una breve battuta d’arresto a Praga, osservata da centinaia di migliaia di persone. I funzionari dell’aeroporto di Ruzyno si rifiutarono di fornire carburante agli aerei sovietici. In un certo numero di luoghi, la folla si sedette sul percorso dei carri armati in arrivo; in un villaggio, i cittadini formarono una catena umana attraverso un ponte sul fiume Upa per nove ore, inducendo i carri armati russi alla fine a tornare in dietro.

Le svastiche furono dipinte sui carri armati. Furono distribuiti volantini in russo, tedesco e polacco che spiegavano agli invasori che erano nel torto, e innumerevoli discussioni furono tenute tra soldati sconcertati e sulla difensiva e giovani cechi arrabbiati. Alle unità dell’esercito furono date indicazioni sbagliate, i cartelli stradali e persino quelli dei villaggi furono cambiati, e ci furono rifiuti di cooperazione e di cibo. Stazioni radio clandestine trasmettevano alla popolazione consigli e notizie sulla resistenza.

A molti osservatori di altri paesi che si erano interrogati sul potenziale di sfruttare il potere nonviolento per la difesa, l’agosto 1968 aprì gli occhi.

Il secondo giorno dell’invasione, 20.000 persone dimostrarono in piazza Venceslao a Praga; il terzo giorno un’ora di interruzione del lavoro lasciò la piazza stranamente immobile. Il quarto giorno, giovani studenti e lavoratori sfidarono il coprifuoco sovietico con un sit-in 24 ore su 24 presso la statua di San Venceslao. Nove persone su 10 per le strade di Praga portavano le bandiere ceche intorno al collo. Ogni volta che i russi cercavano di annunciare qualcosa, la gente faceva un tale rumore assordante che i russi non potevano essere sentiti.

Embed from Getty Imageswindow.gie=window.gie||function(c){(gie.q=gie.q||[]).push(c)};gie(function(){gie.widgets.load({id:’Gtv_gVmuQDxQdQgK0zEo8Q’,sig:’ytQZFT6WneCEqBCiB7cw_v0mBhYiPFI1T0W7sK1RbYc=’,w:’594px’,h:’485px’,items:’515451228,515996994,515450412′,caption: true ,tld:’it’,is360: false })});

Gran parte dell’energia della resistenza fu spesa per indebolire la volontà e aumentare la confusione delle forze di invasione. Entro il terzo giorno, le autorità militari sovietiche stavano distribuendo volantini alle proprie truppe con contro-argomenti a quelli dei cechi. Il giorno successivo iniziò la rotazione, con nuove unità che entravano nelle città per sostituire le forze russe. Le truppe, costantemente affrontate ma senza la minaccia di danni personali, si sciolsero rapidamente.

Per il Cremlino, così come per i cechi e gli slovacchi, la posta in gioco era alta. Per raggiungere il suo obiettivo di sostituire il governo, l’Unione Sovietica sarebbe stata disposta a convertire la Slovacchia in una repubblica sovietica e la Boemia e la Moravia in regioni autonome sotto il controllo sovietico. Quello che i sovietici hanno trascurato, tuttavia, è che un tale controllo dipende dalla volontà del popolo di essere controllato – e questa volontà non si vedeva quasi mai.

Il Cremlino fu costretto a scendere a compromessi. Invece di arrestare Dubcek e portare avanti il loro piano, il Cremlino accettò un accordo negoziato. Entrambe le parti scesero a compromessi.

Da parte loro, i cechi e gli slovacchi erano brillanti improvvisatori nonviolenti; ma non avevano un piano strategico. Un piano che potesse mettere in gioco le loro armi ancora più potenti della non cooperazione economica sostenuta, più lo sfruttamento di altre tattiche nonviolente disponibili. Anche così, raggiunsero quello che molti ritenevano il loro obiettivo più importante: continuare con un governo ceco piuttosto che il dominio diretto dei sovietici. Date le circostanze, fu in quel momento una vittoria notevole.

Per molti osservatori di altri paesi che si erano chiesti quale fosse il potenziale di sfruttare il potere nonviolento per la difesa, l’agosto 1968 aprì gli occhi. Tuttavia, in Cecoslovacchia non fu la prima volta che minacce esistenziali reali stimolarono un nuovo pensiero sul potere solitamente ignorato della lotta nonviolenta.

La Danimarca e un famoso stratega militare

Come la continua ricerca di acqua potabile che possa sostenere la vita, la ricerca di un potere nonviolento che possa difendere la democrazia attrae i tecnologi: persone che amano pensare alla tecnica. Una tale persona era B. H. Liddell Hart, un famoso stratega militare britannico che incontrai nel 1964 alla conferenza dell’Università di Oxford sulla difesa basata sui civili. (Mi fu detto di chiamarlo “Sir Basil”).

Liddell Hart ci disse che il governo danese lo aveva invitato subito dopo la seconda guerra mondiale per consultarsi con loro sulla strategia di difesa militare. Lo fece, e consigliò loro di sostituire l’esercito con una difesa nonviolenta montata da una popolazione addestrata.

Il suo consiglio mi ha spinto a guardare più da vicino ciò che i danesi fecero effettivamente quando furono occupati militarmente dalla vicina Germania nazista durante la seconda guerra mondiale. Il governo danese sapeva, naturalmente, che la resistenza violenta era futile e avrebbe portato solo a danesi morti e disperati. Invece, lo spirito di resistenza si sviluppò sia sopra che sottoterra. Il re danese resistette con azioni simboliche, cavalcando il suo cavallo per le strade di Copenhagen per tenere alto il morale e indossando una stella ebraica quando il regime nazista intensificò la sua persecuzione degli ebrei. Molte persone ancora oggi conoscono il grande successo della fuga di massa degli ebrei verso la Svezia neutrale, improvvisata dalla clandestinità danese.

I danesi trovarono mille e un modo per impedirne l’uso ai tedeschi. Questa creatività diffusa ed eccitata era in netto contrasto con l’alternativa militare.

Con l’avanzare dell’occupazione, i danesi divennero sempre più consapevoli che il loro paese era prezioso per Hitler, per la sua produttività economica. Hitler contava soprattutto sui danesi per costruire navi da guerra per lui, parte del suo piano per invadere l’Inghilterra.

I danesi capirono (non lo facciamo tutti?) che quando qualcuno dipende da te per qualcosa, questo ti dà potere! Così i lavoratori danesi da un giorno all’altro passarono dall’essere probabilmente i più brillanti costruttori di navi del loro tempo ai più goffi e improduttivi. Gli attrezzi si facevano cadere “accidentalmente” nel porto, le falle nascevano “da sole” nelle stive delle navi, e così via. I tedeschi disperati a volte erano spinti a trainare le navi non finite dalla Danimarca ad Amburgo per poterle finire.

Man mano che la resistenza cresceva, gli scioperi diventavano più frequenti, insieme agli operai che lasciavano presto le fabbriche perché “devo tornare a curare il mio orto mentre c’è ancora un po’ di luce, perché la mia famiglia morirà di fame senza le nostre verdure”.

I danesi trovarono mille e un modo per impedire il loro utilizzo ai tedeschi. Questa creatività diffusa ed energizzata era in netto contrasto con l’alternativa militare di opporre una resistenza violenta – portata avanti solo da una percentuale della popolazione – che avrebbe ferito e ucciso molti e portato una dura privazione a quasi tutti.

Embed from Getty Imageswindow.gie=window.gie||function(c){(gie.q=gie.q||[]).push(c)};gie(function(){gie.widgets.load({id:’ff7136xgTMRlVft7KrrTMA’,sig:’OSfLk1lTowScRS3JEcwMIaUVJFJbQ1cOjQoDQcBxuUU=’,w:’594px’,h:’444px’,items:’107423390,107415042,177218109,107423132,463997719′,caption: true ,tld:’it’,is360: false })});

Considerare il ruolo della formazione

Si sono esaminati altri casi storici di brillante resistenza nonviolenta improvvisata all’invasione. I norvegesi, per non essere superati dai danesi, usarono il loro tempo sotto l’occupazione nazista per impedire in modo nonviolento un’acquisizione nazista del loro sistema scolastico. Questo nonostante gli ordini specifici del nazista norvegese posto a capo del paese, Vidkun Quisling, che era sostenuto da un esercito di occupazione tedesco che disponeva di un soldato ogni 10 norvegesi.

Un altro partecipante che ho incontrato alla conferenza di Oxford, Wolfgang Sternstein, ha fatto la sua tesi sul Ruhrkampf – la resistenza nonviolenta del 1923 dei lavoratori tedeschi all’invasione del centro di produzione di carbone e acciaio della Valle della Ruhr da parte delle truppe francesi e belghe, che stavano cercando di sequestrare la produzione di acciaio per le riparazioni tedesche. Wolfgang mi ha detto che fu una lotta molto efficace, voluta dal governo democratico tedesco di quel periodo, la Repubblica di Weimar. In effetti fu così efficace che i governi francese e belga richiamarono le loro truppe perché l’intera Valle della Ruhr era in sciopero. “Che scavino il carbone con le baionette”, dissero i lavoratori.

Ciò che mi colpisce come straordinario in questi e altri casi di successo è che i combattenti nonviolenti si sono impegnati nella loro lotta senza il beneficio dell’addestramento. Quale comandante dell’esercito ordinerebbe alle truppe di combattere senza prima addestrarle?

https://wagingnonviolence.org/2020/06/in-times-of-rapid-change-victory-comes-to-those-who-train-for-it/

Ho visto in prima persona la differenza che faceva per gli studenti del Nord degli Stati Uniti essere addestrati per andare al Sud, in Mississippi, e rischiare la tortura e la morte per mano dei segregazionisti. La Freedom Summer del 1964 considerava essenziale essere addestrati.

Così, come attivista orientato alla tecnica, penso che una mobilitazione efficace per la difesa richieda una strategia ponderata e un solido addestramento. I militari sarebbero d’accordo con me. E ciò che quindi mi sbalordisce è l’alto grado di efficacia della difesa nonviolenta in questi esempi senza beneficio di nessuno dei due! Considerate cosa avrebbero potuto ottenere se fossero stati anche sostenuti in modo sicuro da strategia e addestramento.

Perché, allora, nessun governo democratico – che non sia in debito con un complesso militare-industriale – dovrebbe voler esplorare seriamente le possibilità di una difesa basata sui civili?


Fonte: Waging Nonviolence

Traduzione di Simone Napoli per il Centro Studi Sereno Regis


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.