Dal Risorgimento italiano a Gandhi


Umberto Mugnaini, Dal Risorgimento italiano a Gandhi, Felici, Pisa 2020, pp. 208, € 15,00

Lo studio si propone di indagare i rapporti intellettuali e ideali tra Risorgimento italiano e «risorgimento» indiano.

Ricordando il volontarismo e il pacifismo di Garibaldi focalizza l’attenzione sull’influenza di Mazzini nel pensiero di Gandhi e cerca poi di analizzare l’incontro di questi due punti di riferimento ideali in alcuni dei protagonisti della riflessione e dell’azione nonviolenta nell’Italia del Novecento.

Specifica attenzione è stata posta sulla cultura «religiosa» dei due facendo riferimento alla formazione culturale «illuminista e rivoluzionaria» (Rousseau e Condorcet) e «cristiano-liberale» (Lamennais) di Mazzini, per passare alla narrazione della nascita della nonviolenza tolstoiana, base della cultura religiosa e politica gandhiana.

Nella parte finale si affronta la circolarità della visione mazziniano-gandhiana che in Italia si riafferma con Aldo Capitini e Giovanni Pioli, il cui pacifismo integrale e nonviolento affonda le sue radici proprio nella connessione tra religione e politica.

In tale prospettiva si parla della W.R.I. (War Resisters’ International) e della sua sezione italiana, della quale Pioli fu il primo segretario e Capitini, Marcucci, Bobbio e La Pira i primi soci.


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.