«Su quei sentieri c’eravamo tutti!»

a cura di Daniela Bezzi


In carovana verso Claviere, per solidarietà non solo a Emilio Scalzo perché… «Su quei sentieri c’eravamo tutti!»

«Su quei sentieri c’eravamo tutti!»

Il paesaggio è bellissimo e il contrasto non potrebbe essere più stridente. Da una parte la pista perfettamente innevata sotto il blu che splende del sole di gennaio, turisti che scendono beati zigzagando o anche a piedi. Dall’altra: fitta schiera di agenti anti-sommossa che bloccano la strada.

Due cartoline che coesistono nello stesso spazio-momento, che illustrano come meglio non si potrebbe lo scontro di mondi che da tempo si consuma in questo tratto di arco alpino: il nostro mondo contro il loro.

Siamo poco fuori Claviere, cittadina al confine con la Francia e destinazione della lunga carovana di macchine, una sessantina, che domenica (23 gennaio), si sono date appuntamento a San Didero in bassa Val Susa, nel tentativo di raggiungere questo segmento di frontiera che nel maggio scorso è stata il teatro della manifestazione che ha visto incriminato e ormai estradato in Francia il pericoloso NoBorder (oltre che pericoloso NoTav) Emilio Scalzo.

Carovana variopinta, rumorosa, sventolante di bandiere. Da San Didero passando per Bussoleno, Susa, Chiomonte, Oulx, lasciando ovunque volantini, striscioni appesi, rievocando dentro il megafono la storia di Emilio anche in francese. L’accusa è di violenza contro pubblico ufficiale e il MAE, Mandato di Arresto Europeo è risultato inappellabile. E dunque: carcerato in Francia, a Aix Luynes, periferia di Aix en Provence, più di 300 km se sei un familiare e vuoi andarlo a trovare.

Qualche giorno fa gli è stata negata anche la richiesta di misure alternative alla detenzione. “Pericolo di fuga”, questa la motivazione. Si è fatto appello, si spera in un diverso giudizio a giorni. Nel frattempo si cerca di far sapere.

Un turista che per caso si trovava a scendere a piedi lungo la statale, a un certo punto si avvicina al veicolo fermo ormai da un po’, quello dove ci sono gli altoparlanti che amplificano gli interventi al microfono mentre intorno si sorseggia vin brulé:

“Mais dites moi, il a fait quoi, cet homme Emiliò… cosa ha fatto, per essere in prigione…”

Una compagna francese riassume nel controluce di questa vicenda l’altra storia di queste montagne: non solo piste da sci, o per il golf quando viene l’estate – ma violenza della polizia che giorno e notte ostacola il passaggio dei “sans papiers”, con le conseguenze tragiche, a volte, di cui però nessuno parla.

Ed ecco spiegato il senso di questa spedizione a Clavière, se non ci fosse stata la gendarmerie a sbarrare la statale. Se in Italia si sa pochissimo del caso Emilio Scalzo – in carcere per un reato a tutti gli effetti presunto ma ancora da giudicare, soggetto a un’estradizione “cautelare”, un caso insomma senza precedenti – si sa meno di niente in Francia.

Ed è urgente far sapere. Non solo del caso Emilio Scalzo, ma di ciò che rappresenta: del contesto di ingiustizia, disumanità, abusi che ha motivato quella manifestazione il luglio scorso.

“Sotto accusa è l’intera lotta alla frontiera. Emilio è sempre stato accanto agli ultimi e agli sfruttati, e quindi in prima linea ad aiutare chi, senza il ‘buon documento’, si ritrovava costretto ad attraversare questa frontiera di nascosto, braccato dalle polizie. (…) Attendiamo la risposta del secondo giudice, che si esprimerà nel giro di pochi giorni. Rilanceremo iniziative di solidarietà nel caso la risposta negativa venga confermata. 

Contro la violenza della polizia! Emilio libero! Nessun* è illegale!” conclude un post dal sito www.passamontagna.info che caldamente ringraziamo anche per il testo che segue. Testimonianza davvero toccante, che nel registrare l’ennesimo cadavere rinvenuto i primi di gennaio nei pressi di Modane, di cui “nessun giornale italiano ha riportato la notizia”, ricorda anche gli altri che son successi prima…

E però: la montagna non dimentica… la montagna ha memoria…

Domenica 2 gennaio 2022 è stato recuperato un cadavere nel bacino del Freney, a valle di Modane. Il corpo è di Fahat, un ragazzo marocchino di 31 anni, arrivato in Francia attraverso l’Italia tra il 29 dicembre e il 1 gennaio. Nessun giornale italiano per ora riporta questa notizia.

Sole sette righe di un giornale locale francese sono dedicate a questa ennesima morte di stato.

La frontiera tra Val Susa e l’area di Briançon continua a uccidere in silenzio. Questo è l’ottavo morto in tre anni. Che mai sarà un morto in confronto alla bella stagione turistica appena finita. Ora tutti però al lavoro: tornate nelle celle cittadine e a produrre, a testa bassa. A produrre un progresso promesso per un sistema malato da millenni, che ormai ha bisogno di muri solo per i più sfruttati, gli ultimi, gli invisibili: al resto del gregge basta la paura, la paura del prossimo, gli addomesticati, anestetizzati al dolore altrui.

Qui la montagna non dimentica… qui la montagna non perdona… qui la montagna ha memoria… 

E ricorda

Mohamed Ali Bouhamdi (Alpha), 7 settembre 2019

Il corpo senza vita era stato avvistato verso sera da un passante sul greto della Dora. Decomposto, irriconoscibile, si riusciva a capire solo il sesso (maschile) e il fatto che la sua pelle era scura. Riconosciuto molto tempo dopo grazie a un tatuaggio.

Ricorda

Derman Tamimou, 29 anni, 6 febbraio 2019

Morto per assideramento, trovato da un camionista quasi sepolto dalla neve sulla strada statale 94 del colle del Monginevro. Semiassiderato, è stato portato all’ospedale di Briançon dove è morto poco dopo.

Ricorda

Mamadou-Alpha Diallo 20 anni, 29 maggio 2018

Il suo corpo è stato trovato senza vita sopra Les Alberts, un villaggio prima di Briançon. Tre giorni prima, Ibrahim, il suo amico, era “arrivato completamente stravolto al rifugio di Briancon.” “Non mangiava da molto tempo, era così sconvolto che non riusciva a deglutire. Ha parlato del suo amico, che, caduto, non si era svegliato”.

Ricorda

Mohamed Fofana, 28 anni, 25 maggio 2018

Sul versante italiano delle Alpi, non lontano da Bardonecchia, il suo corpo senza vita, rannicchiato in un anfratto del terreno, è stato ritrovato da un cacciatore. Secondo la polizia transalpina, “avrebbe trascorso lì l’inverno”. Ci sono voluti più di due mesi per capire di chi si trattasse.

Ricorda

Blessing Matthew, 21 anni, 8 maggio 2018

Intorno alle 5 del mattino, quando il confine era ormai stato attraversato da molto tempo e la notte di marcia stava per finire, cinque agenti di polizia sono comparsi di fronte a lei La Vachette, villaggio a 3 km da Briançon. Lei riesce a scappare dopo una perquisizione per annegare poco dopo, non nel Mediterraneo ma a 1400 mt sulle alpi: i suoi resti sono finiti nei filtri di una diga, sfigurati dalla violenza delle acque della Durance in cui è caduta. 

Noi, le persone che viviamo questa valle, non perdoniamo chi ha trasformato queste bellissime montagne in un cimitero di ragazze e ragazzi giovani forti e in salute.

Il braccio armato della bestia. Polizia. Gendarmerie. Militari, PAF (la polizia di frontiera). Chasseurs alpin (gli alpini). Pedine, mosse e comandate dall’alto. Sono loro la croce di questa tomba. La frontiera uccide attraverso le sue divise. Le “forze dell’ordine” sono il braccio armato di questo dispositivo di selezione ed esclusione. LE FORZE DELL’ ORDINE SONO LA VERA FRONTIERA. I MANDANTI SONO I POLITICI, GLI INTERESSI PRIVATI CHE RAPPRESENTANO.

La repressione degli sbirri verso i “migranti”, i “sans papiers”, i rifugiati, “i clandestini”(qualunque nome pur di non chiamarle persone) si traduce in omicidio visibile su queste montagne, ma inizia da molto più lontano. Viviamo in una fortezza chiamata Europa difesa da mura e da persone che lavorano per Frontex (Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera). Negli stati europei ovunque la polizia perpetua retate nelle strade delle città, ed effettua sempre più blocchi specifici a caccia di chi un documento o un green pass non ce l’ha, per minacciarlo o chiuderlo in un CPR (i moderni campi di concentramento).  

La morsa del virus dopo due anni di repressione diffusa si stringe sempre più.

Da quando è partita la Pandemia, per spostarsi serve un altro documento, un altro codice, e se non lo hai non puoi entrare a scaldarti neanche per un caffè o un tè caldo, neanche se fuori è sottozero. Se la polizia ti ferma per strada e non hai il certificato verde e VALIDI documenti identificativi, ti può portare in un CPR, ogni volta che quest’ ultimo si svuota: la macchina di carne umana illegale, DIRETTA dai padroni del dio denaro. Ogni divisa che risponde all’imperativo di selezione è diretto responsabile di un genocidio globale che sta avvenendo in questo momento su più confini mondiali.

In queste vacanze di Natale queste montagne sono state tranquillamente attraversate da migliaia di persone, in auto, in bus o in treno o ancora meglio sciando e passeggiando.

Una di loro però, considerata illegale, si è fermata per sempre lì, sotto una diga nei pressi di Modane. Chi continuerà a guardare dall’altra parte pensando che va tutto bene è complice di questa ennesima morte, ampiamente preannunciata.

L’autodeterminazione delle persone di passaggio in val Susa non si è mai fermata e continua ogni giorno senza sosta. 


(su www.passamontagna.info il testo integrale, insieme a continui aggiornamenti dalla frontiera di Clavière anche in francese e inglese)


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.