Hate speech online: dal 6° report UE risultati positivi ma i progressi rallentano

Enzo Gargano

Verso la fine del 2021 la Commissione europea ha pubblicato i risultati della sesta valutazione del Codice di condotta per contrastare i discorsi d’odio illegali online. Anche il Centro Studi Sereno Regis, con il suo gruppo di tirocinanti e giovani volontari ha partecipato al monitoraggio segnalando più di un centinaio di casi di hate speech online sui social network.

I risultati mostrano un quadro eterogeneo: le aziende informatiche hanno esaminato l’81% delle notifiche entro 24 ore e hanno rimosso una media del 62,5% dei contenuti segnalati. Questi risultati sono inferiori alla media registrata nel 2019 e nel 2020. Mentre alcune aziende sono migliorate, i risultati per altre sono chiaramente peggiorati. Come nelle precedenti tornate di monitoraggio, una delle principali debolezze rimane il feedback insufficiente alle notifiche degli utenti. Infine, una novità nella valutazione di quest’anno sono le informazioni fornite dalle aziende IT sulle misure che hanno adottato per contrastare i discorsi di odio, comprese le azioni per rilevare automaticamente tali contenuti.

V?ra Jourová, vicepresidente per i valori e la trasparenza, ha dichiarato: “I discorsi d’odio online possono portare a danni reali offline. La violenza spesso inizia con le parole. Il nostro codice unico ha portato buoni risultati, ma le piattaforme non possono abbassare la guardia e devono affrontare le lacune. E il gentlemen agreement da solo non basterà in questo caso. Il Digital Services Act fornirà forti strumenti normativi per combattere i discorsi d’odio illegali online”.

Didier Reynders, commissario per la giustizia, ha aggiunto: “I risultati mostrano che le aziende IT non possono essere compiacenti: solo perché i risultati sono stati molto buoni negli ultimi anni, non possono prendere il loro compito meno seriamente. Devono affrontare qualsiasi tendenza al ribasso senza indugio. Si tratta di proteggere uno spazio democratico e i diritti fondamentali di tutti gli utenti. Confido che una rapida adozione della legge sui servizi digitali aiuterà anche a risolvere alcune delle lacune persistenti, come l’insufficiente trasparenza e il feedback agli utenti”.

La sesta valutazione mostra che in media:

  • Le aziende IT hanno valutato l’81% delle notifiche in meno di 24 ore, che è inferiore alla media del 2020 del 90,4%.
  • Le aziende IT hanno rimosso il 62,5% dei contenuti notificati loro, che è inferiore alla media del 71% registrata nel 2019 e nel 2020.
  • I tassi di rimozione variavano a seconda della gravità del contenuto odioso. Il 69% dei contenuti che incitano all’omicidio o alla violenza contro gruppi specifici è stato rimosso, mentre il 55% dei contenuti che utilizzano parole o immagini diffamatorie rivolte a determinati gruppi è stato rimosso. Al contrario, nel 2020, i rispettivi risultati sono stati 83,5% e 57,8%.
  • Le aziende informatiche hanno dato un feedback al 60,3% delle notifiche ricevute, che è inferiore a quello del precedente esercizio di monitoraggio (67,1%).
  • In questo esercizio di monitoraggio, l’orientamento sessuale è il motivo di odio più comunemente segnalato (18,2%) seguito dalla xenofobia (18%) e dall’antiziganismo (12,5%).
  • Per la prima volta, le aziende IT hanno riportato informazioni dettagliate sulle misure adottate per contrastare i discorsi d’odio al di fuori dell’esercizio di monitoraggio, comprese le loro azioni per rilevare e rimuovere automaticamente i contenuti.

Scarica il 6° report

I prossimi passi

La Commissione continuerà a monitorare l’attuazione del Codice di condotta. La Commissione invita le società informatiche a rafforzare il dialogo con i segnalatori di fiducia e le organizzazioni della società civile per affrontare le lacune nella revisione delle notifiche, nell’intraprendere azioni e nel migliorare il loro feedback agli utenti. Il Digital Services Act (DSA) propone un quadro giuridico completo per contrastare i contenuti illegali e un sistema di coregolamentazione che suppone iniziative come il Codice di condotta. La Commissione intende discutere come il Codice potrebbe evolvere con le aziende IT, anche alla luce dei prossimi obblighi e del quadro collaborativo nella proposta di Legge sui servizi digitali.

Background

La decisione quadro sulla lotta contro il razzismo e la xenofobia criminalizza l’incitamento pubblico alla violenza o all’odio diretto contro un gruppo di persone o un membro di tale gruppo definito con riferimento alla razza, al colore, alla religione, alla discendenza o all’origine nazionale o etnica. Come definito in questa decisione quadro, l’incitamento all’odio è un reato penale anche quando avviene online.

Per rispondere alla proliferazione dei discorsi d’odio razzisti e xenofobi online, il 31 maggio 2016 la Commissione europea e quattro grandi società informatiche (Facebook, Microsoft, Twitter e YouTube) hanno presentato un codice di condotta per contrastare i discorsi d’odio illegali online. Da allora, Instagram, Google+, Snapchat, Dailymotion, Jeuxvideo.com e TikTok hanno aderito al Codice. LinkedIn ha aderito il 24 giugno 2021.

Il Codice di condotta si basa su una stretta collaborazione tra la Commissione europea, le piattaforme informatiche, le organizzazioni della società civile (OSC) e le autorità nazionali. Tutte le parti interessate si incontrano regolarmente sotto l’ombrello del Gruppo di alto livello sulla lotta al razzismo e alla xenofobia, per discutere le sfide e i progressi.

Ogni esercizio di monitoraggio è stato condotto seguendo una metodologia comunemente concordata che rende possibile il confronto dei risultati nel tempo. Il sesto esercizio è stato condotto su un periodo di 6 settimane, dal 1° marzo al 14 aprile 2021, da 35 organizzazioni. Hanno riferito i risultati di un campione totale di 4543 notifiche da 22 Stati membri. Le notifiche sono state presentate sia attraverso i canali di segnalazione disponibili per tutti gli utenti, sia attraverso canali dedicati accessibili solo ai segnalatori/reporter di fiducia.

La Legge sui servizi digitali include regole per i servizi di intermediazione online, che milioni di europei usano ogni giorno. Gli obblighi dei diversi attori online corrispondono al loro ruolo, dimensione e impatto nell’ecosistema online. Sulla base dell’esperienza del Codice e del suo esercizio di monitoraggio, gli obblighi relativi a chiari sistemi di notifica e azione, il trattamento prioritario delle notifiche da parte di segnalatori di fiducia, il feedback sulle notifiche agli utenti e gli ampi obblighi di trasparenza cercano di affrontare le carenze individuate. Sono previste regole specifiche per le piattaforme online molto grandi che raggiungono più del 10% dei 450 milioni di consumatori in Europa. Queste piattaforme con un ruolo sistemico dovranno valutare i rischi che i loro sistemi comportano e adottare misure di attenuazione per frenare la diffusione di contenuti illegali e affrontare i danni sociali.

Per saperne di più

Il Codice di condotta dell’UE per contrastare i discorsi d’odio illegali online

Informazioni fornite dalle società informatiche


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.