I manifestanti in Colombia rompono gli schemi del dissenso

Autore
Cruz Bonlarron Martínez


i manifestanti in Colombia rompono gli schemi
Foto di jramirezsfs da Pixabay

Per decenni i media e i politici hanno considerato gli attivisti come il nemico. Un gruppo sta cercando di cambiare: i manifestanti in Colombia rompono gli schemi del dissenso nonostante la dura repressione.


Embed from Getty Images

Un recente video satirico ha preso piede tra i giovani colombiani, intitolato “Todo es Culpa de Petro”, o “Tutto è colpa di Petro”. Il video mette in evidenza la storia di un giovane che ha tutto che va male nella sua vita, dal saltare le lezioni all’essere rifiutato dalla ragazza della quale è innamorato. La persona dietro la sua sfortuna si rivela essere nientemeno che il politico di sinistra Gustavo Petro, ex guerrigliero del M-19, senatore e candidato alla presidenza. Anche se il video vuole essere uno scherzo, riflette la narrazione dominante dei media – e gran parte del discorso politico mainstream – che incolpa Petro delle proteste che hanno attanagliato la Colombia dal 28 aprile. Questo nonostante il fatto che lui non abbia legami con loro, e che sono state organizzate spontaneamente.

Per quasi due mesi, i manifestanti sono scesi in strada per protestare contro la regressiva riforma fiscale del paese, il suo lento piano di soccorso COVID e l’incapacità del governo di soddisfare i bisogni di base a vasti settori della popolazione. Invece di evidenziare queste rimostranze molto reali, gran parte della copertura mediatica e dei commenti dei politici al potere hanno incolpato la sinistra o forze esterne di incitare le proteste.

Per esempio, la rivista Semana – l’equivalente colombiano del Time – ha pubblicato una copertina con un Petro diabolico coperto di fiamme, implicando che era dietro le quinte a invocare le proteste. Come mostra il video satirico, questa diffamazione di Petro è in realtà una diffamazione delle proteste e una stigmatizzazione delle persone che scendono in strada per esercitare il loro diritto legale di esprimersi. Purtroppo, questo comportamento fa parte di una lunga storia di presa di mira dei movimenti sociali – sia in Colombia che nella regione.


Embed from Getty Images

Il “nemico interno

Angelica Orjuela è la coordinatrice tecnica del Congreso de los Pueblos, o Congresso del Popolo – un’organizzazione ombrello per vari movimenti sociali che sono stati attivi nelle proteste. Dice che i media hanno presentato i manifestanti come un “nemico interno” invece di legittimi critici del governo e del regime neoliberale del presidente Iván Duque. “Per loro, il nemico non è l’ESMAD [polizia antisommossa], sono i movimenti sociali”, ha detto. “Il nemico non è la mancanza di diritti all’istruzione o alla salute. Non sono i problemi economici. Non è la gente che distrugge le risorse naturali. Invece, il nemico è la persona che protesta”.

Secondo Orjuela, i media non trattano allo stesso modo i contro-manifestanti di destra. “Si vedono persone che escono con le loro camicie bianche e pistole per controprotestare”, ha spiegato. “Le persone escono con l’intenzione di causare danni ai manifestanti, ma secondo la narrazione dei media, non sono loro che stanno mettendo in pericolo il paese – sono i manifestanti che stanno facendo danni al paese”.

I media non sono gli unici a promuovere attivamente questa narrazione. In una recente intervista, il ministro della giustizia Wilson Ruíz ha detto che lo sciopero nazionale è una cospirazione di gruppi criminali internazionali per destabilizzare e delegittimare la Colombia su scala nazionale. Stigmatizzare la gente nelle strade come agenti o pedine di queste cosiddette organizzazioni criminali assolve lo stato colombiano dalla responsabilità quando si tratta della morte dei manifestanti. L’organizzazione per i diritti umani Indepaz riferisce che tra il 28 aprile e il 21 giugno ci sono stati 74 morti legati alle proteste dello sciopero nazionale.

La narrazione del nemico interno in Colombia ha una lunga storia che risale alla guerra fredda. Durante quest’epoca, una pratica militare conosciuta come Dottrina della Sicurezza Nazionale è stata utilizzata in tutta l’America Latina per epurare la nazione dai “nemici interni” che erano visti come parte di una più grande cospirazione comunista per destabilizzare la regione. Questa politica ha portato all’istituzione di dittature militari in tutta la regione e all’assassinio di centinaia di migliaia di attivisti e attivisti di sinistra.

In Colombia, è stata una grande parte della strategia di controinsurrezione dello stato durante la guerra interna contro i vari gruppi di guerriglieri iniziata negli anni ’60 e che continua ancora oggi. È stata anche una giustificazione chiave per la repressione statale contro organizzazioni legali come il partito politico Unión Patriotica, che è stato soggetto a quello che molte organizzazioni per i diritti umani hanno definito un genocidio politico.

“All’inizio è l’immagine di un comunista, poi quella di un terrorista o di un bandito. Oggi è quella del vandalo”, ha detto l’attivista e avvocato Gloria Silvia, che lavora con il People’s Law Team. “Questa stigmatizzazione giustifica l’annientamento dei leader sociali attraverso metodi come le sparizioni forzate o l’omicidio. Ecco perché lo chiamiamo un processo genocida – non si tratta di sbarazzarsi di un individuo, ma di un intero gruppo che mette in discussione lo status quo”.


Embed from Getty Images

Inquadrare i leader sociali

Sia Orjuela che Silvia hanno riferito che i manifestanti – molti di loro amici e colleghi attivisti – vengono arrestati in massa. Mentre la maggior parte viene rilasciata senza che vengano formulate accuse, alcuni vengono sottoposti a ciò che descrivono come “montature giudiziarie”, una tattica che lo stato ha impiegato per anni contro i movimenti sociali.

Secondo Silva le incastrature giudiziarie sono effettuate dalla polizia e dall’ufficio speciale del procuratore generale contro il crimine organizzato, quello che era l’unità antiterrorismo. Questo ufficio identifica le persone in posizioni di leadership nei movimenti sociali e poi conduce “indagini” su di loro. Nel processo di investigazione trovano testimoni che faranno dichiarazioni contro i leader sociali per ottenere vantaggi economici e legali e le trasformano in accuse da portare davanti a un giudice.

“Quando fanno un arresto, lo fanno in modo spettacolare, con tonnellate di polizia e a volte anche elicotteri”, ha detto Silva. “Di solito si tratta anche di arresti massicci che includono varie persone. Cercano di mostrare ai media che si tratta di un’indagine profonda, con molte ricerche, per creare una condanna prima ancora di essere messi sotto processo”.

Queste montature usano accuse estreme come il terrorismo nel tentativo di associare i leader del movimento a uno dei gruppi armati della Colombia, quindi delegittimandoli. Poiché i leader sono accusati di far parte di questi gruppi, vengono messi in prigioni di massima sicurezza, dove sono soggetti a minacce paramilitari e al trauma psicologico che deriva dall’isolamento. Questa stigmatizzazione significa anche che molti giudici temono di toccare i loro casi per la rappresaglia dell’ufficio del procuratore generale.

Prima che Orjuela fosse il coordinatore tecnico del Congreso de los Pueblos, la posizione era occupata dal suo amico Julian Gil, che fu accusato di essere un membro del più grande gruppo insurrezionale rimasto in Colombia e arrestato in quella che il Congreso etichetta come una montatura giudiziaria. Dopo il suo arresto, Gil ha sopportato 900 giorni di prigione in condizioni orribili. Alla fine è stato rilasciato lo scorso novembre, dopo che la sua difesa ha dimostrato che non si è incontrato con qualcuno che l’accusa ha detto di aver incontrato, ed è diventato evidente che non avevano un caso.

Dato che l’inquadramento e l’arresto di leader sociali è così comune, Orjuela crede che sia necessario non solo sostenere la causa dei leader sociali, ma aumentare la consapevolezza della loro situazione. Ecco perché il Congreso de los Pueblos ha lanciato una campagna chiamata Ser Lider Social NO es Delito, o Essere un leader sociale NON è un crimine nel 2016. Mentre gran parte della campagna consiste nell’educare le persone attraverso i social media sulla repressione in atto – così come l’importante lavoro comunitario che i leader sociali svolgono – il gruppo va anche direttamente nelle prigioni dove i leader sociali sono detenuti, inscena proteste fuori dalla prigione e assiste ai processi.

“Quando le persone vengono mandate in prigione si perdono – la gente si dimentica di loro e smette di visitarle”, ha detto Orjuela. “Hanno paura di visitarli a causa dell’immagine che ha la prigione, e la percezione che se sei lì dentro, è perché sei un criminale”. La campagna cerca di rompere questi stereotipi attraverso varie iniziative. Quando le visite in prigione erano vietate a causa della pandemia, hanno sviluppato una lezione sui diritti umani e sul diritto penale che è stata trasmessa via radio, per garantire che i prigionieri potessero ascoltarla.

Anche se le proteste stanno diminuendo, la diffamazione degli attivisti è un problema che affligge la società colombiana. Il governo e i politici continuano a dipingere i manifestanti e i leader sociali come criminali – anche di fronte alla pressione internazionale. Secondo l’organizzazione per i diritti umani Temblores, ci sono stati almeno 4.285 incidenti di violenza contro i manifestanti dall’inizio delle manifestazioni, ma resta da vedere se il governo colombiano prenderà sul serio queste violazioni.

Eppure, Orjuela ha la speranza che le cose possano cambiare attraverso l’organizzazione, citando l’Assemblea Nazionale del Popolo, che si è tenuta all’inizio di giugno ed è stato uno spazio ampio e diversificato creato per accogliere nuove persone nel movimento. “Ora stiamo organizzando una nuova assemblea per mantenere quell’energia”, ha spiegato. “L’obiettivo è far sì che il governo soddisfi alcuni requisiti di base dei diritti umani, in modo da poter dialogare con loro”.


Cruz Bonlarron Martínez

Cruz Bonlarron Martínez è uno scrittore e ricercatore indipendente che vive attualmente in Colombia. Scrive di politica, diritti umani e cultura in America Latina e nella diaspora latinoamericana. Twitter: @cruzbonmar


Fonte: Waging Nonviolence, 28 giugno 2021, I manifestanti in Colombia rompono gli schemi del dissenso

Traduzione a cura della redazione


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.