Mobilitazioni di massa da Sheikh Jarrah alla Palestina storica

print

Autore
Mahmoud Soliman


La recente rivolta ha dimostrato ancora una volta che esiste una terza via per porre fine all’occupazione, ovvero la resistenza popolare nonviolenta in tutta la Palestina e Israele, come le mobilitazioni di massa da Sheikh Jarrah.

Mobilitazioni di massa da Sheikh Jarrah
Un palestinese sorride mentre viene arrestato dalla polizia israeliana nella città vecchia di Gerusalemme, 21 maggio 2021 (WNV/ Mahmoud Elian)

Da aprile, i palestinesi sono impegnati in una rivolta di massa iniziata nel quartiere Sheikh Jarrah di Gerusalemme Est, che si è diffusa in tutta la città e in Israele, in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza. La rivolta è stata principalmente nonviolenta fino all’8 maggio, quando Hamas è intervenuta con la resistenza armata. Tuttavia, ha mostrato come tutte le strategie israeliane del potere coloniale hanno fallito nel normalizzare l’occupazione e smobilitare i palestinesi.

La storia di Sheikh Jarrah

Negli anni ’70, due organizzazioni israeliane hanno rivendicato la proprietà della terra con 28 case di famiglie palestinesi a Sheikh Jarrah. Queste 28 famiglie, circa 500 residenti, vivevano lì dal 1956 come risultato di un accordo tra il governo giordano e l’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione. Quando Israele ha occupato Gerusalemme Est nel 1967, le organizzazioni di coloni hanno aperto cause legali contro i residenti di Sheikh Jarrah per sfrattarli dalle loro case.

Queste organizzazioni sostenevano che le famiglie ebree erano state proprietarie delle case prima che la Giordania le avesse sequestrate per ospitare i rifugiati palestinesi, il che ovviamente ignorava il diritto al ritorno dei palestinesi sfollati nella Nakba. Lo sgombero forzato di alcune famiglie di Sheikh Jarrah è iniziato nel 2008.

I palestinesi non vedono la storia di Sheikh Jarrah come una lotta solo tra famiglie e coloni israeliani, è vista dai palestinesi come parte di un progetto più ampio di pulizia etnica, sradicando i palestinesi dalle loro case. Per i palestinesi, è una continuazione della Nakba.

Fin dai primi sgomberi, i residenti di Sheikh Jarrah – con il sostegno di attivisti israeliani e internazionali – hanno organizzato azioni nonviolente in parallelo alla lotta legale delle famiglie nei tribunali israeliani. Israele ha intensificato le sue politiche aggressive contro i residenti di Gerusalemme soprattutto dopo la presidenza Trump. Per esempio, le truppe israeliane hanno persino ferito dei membri della Knesset mentre protestavano contro l’espulsione forzata delle famiglie.

Nell’aprile 2021, la Corte Suprema di Israele ha deciso di sfrattare quattro famiglie di Sheikh Jarrah. Questo aggravò la situazione e i residenti ottennero più solidarietà dai palestinesi e dagli attivisti israeliani. I rappresentanti delle 28 famiglie palestinesi del quartiere di Sheikh Jarrah, insieme a 191 organizzazioni sostenitrici, hanno inviato una lettera all’Ufficio del procuratore della Corte Penale Internazionale, chiedendo di includere urgentemente l’imminente sfollamento forzato dei palestinesi di Sheikh Jarrah come parte dell’indagine aperta sulla situazione in Palestina.

Le autorità di occupazione israeliane hanno intensificato la repressione contro i residenti, ma questo si è ritorto contro di loro e ha finito per mobilitare più palestinesi e israeliani a unirsi ai sit-in. Durante questa fase di proteste, uomini, donne e giovani hanno partecipato alle azioni, che in alcuni casi hanno preso la forma di una mobilitazione di massa di attivisti palestinesi e israeliani e di sinistra, anche membri della Knesset.

Queste azioni nonviolente hanno costretto il tribunale a rinviare lo sfratto di un mese nel tentativo di raggiungere un accordo tra le due parti – le organizzazioni dei coloni e i residenti palestinesi. L’arbitrato del tribunale è stato rifiutato dalle famiglie palestinesi perché includeva il riconoscimento da parte delle famiglie palestinesi che i coloni possedevano la terra. Queste azioni nonviolente hanno fatto di Sheikh Jarrah una causa importante in Palestina. È diventata una tendenza sui social media e ha guadagnato le attenzioni dei media mainstream in tutto il mondo.

Valori, tempi e luoghi

La tempistica della decisione del tribunale è stata cruciale per la mobilitazione dei palestinesi. È arrivata durante il Ramadan, dove la gente di tutta la Palestina storica si reca alla Moschea di Al-Aqsa. Le autorità israeliane sanno che danneggiare simboli religiosi come la Moschea di Al-Aqsa e la Chiesa del Santo Sepolcro incensa e mobilita facilmente i palestinesi della Palestina storica.

Negli ultimi anni, il governo israeliano ha permesso ai coloni di invadere più frequentemente la Moschea di Al-Aqsa e di provocare i palestinesi. Le incursioni non hanno nulla a che vedere con il radicalismo religioso, si tratta piuttosto di danneggiare luoghi di alta cultura e religiosi apprezzati dai palestinesi. Di conseguenza, tra i manifestanti ci sono molti musulmani laici e non musulmani.

Il Ramadan è un’occasione per i musulmani di praticare la loro religione pregando nella moschea di Al-Aqsa. Ma è anche visto dai palestinesi di tutta la Palestina storica come una tradizionale occasione sociale e politica per incontrarsi negli spazi pubblici della città vecchia di Gerusalemme, come piazza Al-Aqsa e la porta di Damasco, l’ingresso principale alla città vecchia di Gerusalemme, mangiando insieme e organizzando festival culturali e raduni per il folklore, il canto e la danza. Durante il Ramadan, la gente di solito dorme meno durante la notte e più durante il giorno. Specialmente per i giovani, molti non dormono affatto fino alle prime ore del mattino. Così, le ore notturne sono il momento più importante per i giovani per riunirsi e divertirsi.

Questo è un contesto cruciale per capire gli effetti dei coprifuoco che le autorità israeliane impongono. Inoltre, le autorità israeliane hanno imposto diverse restrizioni al movimento dei palestinesi nella città vecchia di Gerusalemme e hanno impedito di riunirsi in luoghi pubblici. Ai giovani palestinesi è stato impedito di riunirsi alla Porta di Damasco, dove normalmente avrebbero praticato i loro speciali rituali culturali del Ramadan, come cantare, ballare e offrire cibo e bevande ai visitatori della città. Queste pratiche palestinesi avevano un significato politico ed erano percepite come resistenza contro l’occupazione israeliana di Gerusalemme Est.

Eventi commemorativi critici

Con il Ramadan che ha facilitato il raduno dei palestinesi – che è sfociato in un’azione collettiva – di metà maggio ha anche segnato il 73° anniversario della Nakba, che i palestinesi considerano in corso dal 1948. Gli eventi di Sheikh Jarrah ne sono un chiaro esempio.

Contemporaneamente, gli israeliani celebrano quello che chiamano “Jerusalem Day”, che segna l’occupazione del giugno 1967 di Gerusalemme Est, che poi sarebbe stata annessa a Israele. Durante questa festa, migliaia di giovani israeliani ultra-religiosi e nazionalisti marciano per Gerusalemme Est con bandiere israeliane. Provocando i palestinesi e forniscono in seguito una giustificazione alle autorità israeliane per impedire la circolazione dei residenti palestinesi. Infine, le autorità israeliane mettono la città sotto coprifuoco per facilitare le marce dei coloni. L’aggressione israeliana in una città occupata che ha una presenza massiccia di palestinesi durante il mese di Ramadan e i loro tentativi di controllare la città attraverso le loro politiche di discriminazione, hanno contribuito all’aumento della resistenza.

Per quanto sentano la realtà della discriminazione in Israele, questa generazione è anche poco impressionata dalla leadership politica a Gaza o in Cisgiordania.

Dall’escalation dell’aprile 2021 intorno al rischio imminente di sgomberi da Sheikh Jarrah, e dall’inizio del Ramadan, i palestinesi hanno organizzato sit-in collettivi nonviolenti e attività culturali alla Porta di Damasco – o come viene chiamata dai locali, Bab Al Amoud – una porta alta otto metri che conduce alla Moschea di Al-Aqsa. L’area intorno è progettata come un teatro aperto con scale a semicerchio, mentre l’area della Moschea di Al-Aqsa comprende circa 14,4 chilometri quadrati. Israele ha stabilito da tempo dei posti di blocco alla porta per controllare le persone che entrano nella città vecchia.

Le pratiche durante le feste palestinesi e durante i raduni riflettono la nostra identità collettiva e il rifiuto del controllo israeliano sulla città. Come tali sono sgradite all’esercito israeliano, che tenta di reprimerle e disperderle. Cantare canzoni rivoluzionarie è sufficiente perché l’esercito attacchi le persone; alzare la bandiera palestinese è sufficiente perché l’esercito arresti le persone. La polizia israeliana ha risposto violentemente alle manifestazioni nonviolente e continua a farlo ogni notte, ferendo e arrestando centinaia di palestinesi.

La repressione intensifica la resistenza 

L’uso eccessivo della forza sui palestinesi nella Città Vecchia di Gerusalemme e sui fedeli nella Moschea di Al-Aqsa non ha mobilitato solo gli abitanti di Gerusalemme ma anche i palestinesi che vivono in Israele. Da Akko nel nord a Naqab e Bir Saba’ all’estremo sud, comprese le città miste come Lod, Jafa e Haifa dove palestinesi ed ebrei israeliani vivono insieme, la gente ha organizzato manifestazioni nelle loro città e paesi, e si è unita alle azioni a Gerusalemme Est.

Nel corso della lunga storia della resistenza palestinese, ogni volta è stato il potere delle persone a porre la loro causa come priorità nell’agenda mondiale.

Una tale partecipazione di massa dei palestinesi che vivono in Israele non ha precedenti. L’ultima volta che è successo su qualsiasi scala, anche se brevemente, è stato nell’ottobre 2000, quando le forze israeliane hanno ucciso 13 palestinesi che vivevano in Israele. La maggior parte dei partecipanti sono giovani, molti nati dopo gli accordi di Oslo del 1993 e alcuni nati dopo l’ottobre 2000. Sono nati al culmine del progetto di israelizzazione dei palestinesi che vivono in Israele e dell’integrazione dei giovani palestinesi nella vita economica e istituzionale israeliana. Tuttavia, queste rivolte confermano come il razzismo anti-palestinese non si sia mai fermato; sono convinti di non essere cittadini di questo stato e sono di fatto visti come un nemico, con la distinzione particolarmente sentita nelle città miste.

Per quanto sentano la realtà della discriminazione in Israele, questa generazione è anche poco impressionata dalla leadership politica a Gaza o in Cisgiordania.

La questione in sospeso per la leadership palestinese è quando tradurranno in pratica i loro discorsi sulla resistenza popolare nonviolenta? Quando esorteranno i loro membri a unirsi alla resistenza popolare nonviolenta? È importante notare che, poiché questa rivolta è di base e indipendente, la stragrande maggioranza dei partecipanti ha messo da parte l’identità politica e ha dato priorità all’appartenenza alla causa. La leadership politica palestinese è assente dalla rivolta e le masse sono scollegate da essa.

La rivolta ha dimostrato ancora una volta che c’è una terza via per porre fine all’occupazione. La resistenza popolare nonviolenta – né i negoziati né la resistenza armata da soli libereranno la Palestina. Nel corso della lunga storia della resistenza palestinese, ogni volta è stato il potere delle persone a porre la loro causa come priorità nell’agenda mondiale.

Prima della rivolta, il conflitto israelo-palestinese non era nella top 10 dell’amministrazione Biden, ma dopo la rivolta, lo è. Intensificare la resistenza è una strategia chiave per i palestinesi per forzare l’intervento di terzi e fare pressione sulle autorità di occupazione israeliane. Questa rivolta ha alimentato la speranza tra i palestinesi che l’occupazione militare israeliana non durerà per sempre, che finirà nel nostro tempo. Ci deve essere una continuazione della resistenza popolare da parte dei palestinesi e dei gruppi di attivisti israeliani che allungheranno l’occupazione e la renderanno costosa. Questo genererà pressione sul governo israeliano attraverso la maggiore solidarietà transnazionale vista durante questa rivolta. Il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni contro Israele e la richiesta di restrizioni internazionali sull’assistenza militare possono essere modi per incanalare questa solidarietà.


Mahmoud Soliman

Mahmoud Soliman è un attivista nonviolento e accademico palestinese. Ha oltre 15 anni di esperienza nell’organizzazione di campagne nonviolente ed è un membro fondatore del Popular Struggle Coordination Committee. Mahmoud è un membro affiliato della facoltà di sociologia dell’UMass Amherst. Il suo dottorato si è concentrato sulla mobilitazione della società palestinese verso la resistenza nonviolenta dal 2004-2014.


Fonte: Waging Nonviolence, Resistance Studies, 4 giugno 2021

Traduzione a cura della redazione