Anti-fascism On The Spotlight. Challenging propaganda

A cura di
Andrea Zanoni, Alessandro Cinciripini, Aya al Taher, Martina Burdisso, Riccardo Mattone Fantini


Anti-fascism On The Spotlight

Si è concluso da poco il primo appuntamento di un progetto europeo di cui il Centro Studi Sereno Regis è partner. L’evento ha visto la partecipazione di  alcun* volontar* del Centro e alcun* iscritt* al comitato di sezione A.N.P.I. “68 Martiri” Grugliasco. Si tratta del progetto CHAPTER. Challenging propaganda through remembrance: Anti-fascism On The Spotlight.

 Il progetto vede coinvolte diverse associazioni da tutta Europa e oltre, dalla Palestina. L’obiettivo è quello di discutere insieme degli elementi caratteristici della propaganda dei regimi totalitari del secolo scorso. In particolare in rapporto e in continuità con il presente che viviamo, a livello internazionale, per costruire insieme una risposta a tale manifestazioni.

Nel suo insieme il progetto mira infatti a sottolineare, partendo da eventi contemporanei come l’aumento di manifestazioni di odio da parte di organizzazioni neofasciste, quanto l’attuale propaganda di gruppi e partiti politici nazionalisti, razzisti e omofobi di diversi paesi, sia assolutamente simile a quella dei regimi fascista e nazista nella prima metà del secolo scorso. 

Anti-fascism On The Spotlight – Antifascisti transfrontalieri 

Uno degli obiettivi del progetto è dunque analizzare come venga alimentato questo nuovo/vecchio tipo di propaganda. Segue poi l’approfondire il concetto di “nemico” sul quale queste nuove vecchie/forme di propaganda si fondano, costruendo insieme una ricerca collettiva e transfrontaliera sul tema.

Un secondo obiettivo quindi è quello di restituire alla società civile tale ricerca. E approfondire insieme ai/alle cittadin*, giovan* del mondo associativo e politico, i metodi più efficaci per smontare questa narrativa tossica e antidemocratica, costruendo insieme una rete di anticorpi antifascista.

Il training di formazione di aprile, da cui tutti noi volontar* e partecipant* siamo tornat* entusiast* per i temi toccati e gli spunti ottenuti, e per il ricco scambio di conoscenze e pratiche condivise con i/le partecipant* provenient* da altri paesi e altre realtà sociali, è stato quindi solo il primo passo di un progetto più ampio.

Inizia ora la fase di restituzione, che vedrà il realizzarsi di diverse azioni locali e congiunte. In un primo tempo attività di formazione e attivazione sul territorio locale. In un secondo momento l’organizzazione di una settimana intensiva a livello nazionale che terrà nel periodo 14-23 giugno a Roma. Si prevede che coinvolegerà partecipanti da tutta Italia e forse anche dall’estero.

Il terzo e ultimo appuntamento sarà poi una conferenza conclusiva a novembre, sempre a Roma, con tutti i paesi e le associazioni coinvolte nel processo, nella formazione, nella ricerca, e nell’azione locale di sensibilizzazione nei diversi territori europei.

Come giovan*, siamo davvero felici* di questa opportunità di scambio e crescita internazionale. Abbiamo avuto la possibilità di approfondire un tema così importante e urgente come il contrasto alla propaganda di estrema destra, facendoci portatori e portatrici degli attualissimi valori antifascisti e di impegno civile.


2 commenti
    • Andrea Zenoni
      Andrea Zenoni dice:

      Ciao Angela! Abbiamo materiali che inizieremo a condividere con alcuni tirocinanti interni al centro. Sicuramente dopo le esperienze estive delle remembrance weeks avremo altri materiali e approfondimenti da condividere con tutti i soci, sul sito, o in un'altra modalità di condivisione magari in presenza al centro :)

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.