13 storie di inventiva nonviolenta. La creatività è il nostro superpotere

Autrice
Rivera Sun

Questa raccolta mostra l’incredibile versatilità, immaginazione e creatività in 13 storie di inventiva nonviolenta: la creatività è il nostro superpotere.


13 storie di inventiva nonviolenta
I protettori di aringhe dell’Alaska | (Facebook/Herring Protectors/Caitlin Blaisdell)

Pace e Bene/Campaign Nonviolence, ci battiamo per costruire una cultura della nonviolenza attiva. Regolarmente, ci viene chiesto: “Cos’è (o non è) la nonviolenza?” Mentre parliamo di tutto, dalle proteste all’azione diretta alla giustizia riparativa, al self-care, è difficile chiarire l’incredibile gamma di ciò che la parola “nonviolenza” include.

La nonviolenza è un campo, un bagaglio, una scienza, una filosofia, uno stile di vita ed un’arte tutte insieme. È anche più fuori dagli schemi, buffa e creativa di quanto si possa pensare. La non violenza Ti può sbalordire per la sua abbagliante creatività. Qui ci sono 13 storie recenti di Nonviolence News.  Nuovi riepiloghi che possono espandere il tuo concetto di nonviolenza.

I bibliotecari ribelli della Siria

Tra le macerie di una città sotto assedio del regime di Assad, un gruppo di persone ha una missione insolita: salvare i libri dalle macerie. Scavando tra gli edifici bombardati, raccolgono libri per la loro biblioteca sotterranea – sotterranea sia in senso letterale che figurato. I libri offrono conoscenza e tregua dagli orrori della guerra in corso. Servono anche come ciò che il campo della nonviolenza chiama una “istituzione alternativa” e un programma costruttivo.

Un papà chiede alla scuola di sistemare il paradosso spazio-temporalenell’edificio

Quando i ragazzi sono stati mandati in gita (scolastica) in un negozio di ferramenta e le ragazze sono andate da un parrucchiere (a sistemarsi i capelli), questo papà “moderno” non si è arrabbiato, ha colto il lato ironico. Ha scritto una lettera per informare la scuola di una frattura nel continuum spazio-temporale da qualche parte nella struttura scolastica e che i suoi figli erano stati rimandati indietro nel tempo al 1968. Ha chiesto all’amministrazione di riparare immediatamente il salto temporale. Questo tipo di umorismo è un elemento caratteristico della nonviolenza creativa.

Gatti cinesi brontoloni vogliono abolire il Girls’ Day

Il Girls’ Day è stato fondato in Cina da studentesse che si sono opposte alla Giornata Internazionale della Donna con la motivazione che essere chiamate donne (funü) le faceva sembrare vecchie. Ma il passaggio al Girls’ Day ha fatto emergere nuove forme di molestie, tra cui slogan degradanti e insulti da parte degli studenti maschi. Ora, le studentesse cinesi stanno cercando di abolire il Girls’ Day e rivendicare il significato femminista della Giornata Internazionale della Donna. Questo include la protesta fatta indossando maschere di Grumpy Cat. “Il Gatto Brontolone“.

Il fiume Magpie diventa il primo fiume canadese ad avere personalità giuridica

Per la prima volta per i canadesi, il fiume Magpie (Muteshekau-shipu in Innu Coet) ha ottenuto la personalità giuridica. È l’ultimo di una lista sempre crescente di ecosistemi a essere rispettati con la personalità legale. I Diritti della Natura sono uno dei fronti più radicali (e sensati) del rispetto rivoluzionario. Sono anche uno dei più antichi. Le culture umane di tutto il mondo hanno capito l’essenza del mondo naturale. I racconti popolari parlano di fiumi viventi, di divinità che sono il cielo e le rocce, e delle creature che oggi si chiamano foreste, laghi o oceani.

I Rights of Nature trasformano questa antica concezione in legge contemporanea, sfidando i secoli di sfruttamento (estrazione di materie prime) e conquista che hanno relegato gli elementi della natura a oggetti che potevano essere comprati, venduti e depredati. Proprio come il rispetto dei diritti delle donne, delle persone di colore e delle persone LGBTQIA, anche il rispetto dei Diritti della Natura implica politiche radicate nella nonviolenza.

Corse gratis (e salute pubblica) per tutti

Durante le prime fasi della pandemia, la politica di fornire corse gratuite sugli autobus – cosi da non utilizzare contante, maneggiare moneta – aveva tenuto al sicuro gli autisti d’autobus nella Silicon Valley. Quando l’azienda di trapsorti ha cercato di costringere gli autisti a riprendere la riscossione delle tariffe, questi hanno preso in mano la situazione. Si sono semplicemente rifiutati di aprire le porte anteriori non potendo così vendere i biglietti. I passeggeri hanno avuto corse gratuite e sono saliti in modo più sicuro dalla porta posteriore. Questo atto coraggioso di totale non-cooperazione ha tenuto al sicuro gli autisti e i passeggeri.

Inceppare i calendari contro l’oleodotto

Mentre la resistenza all’oleodotto Enbridge Line 3 cresceva, i sostenitori di tutto il paese hanno agito in un modo insolito: hanno inondato i calendari degli amministratori delegati di Chase Bank, Bank of America, TD Bank e Citi Bank con centinaia di inviti per ricordare loro di concludere il rapporto con la Enbridge e tagliare i fondi per la Linea 3. Impossibile da ignorare, ha consegnato il messaggio anche se i dirigenti non hanno mai risposto. Li ha anche sorpresi – un buon esempio di come la nonviolenza creativa sia eccellente nel tenere i detentori del potere sulle spine.

I manifestanti del Myanmar appendono gonne sulle strade per rallentare la polizia

Mentre i cittadini del Myanmar resistono al recente colpo di stato militare e affrontano una repressione mortale, i manifestanti hanno escogitato un’azione insolita – ma sorprendentemente efficace – per rallentare polizia e soldati. Sapendo che camminare sotto gli indumenti delle donne è tradizionalmente considerato una sfortuna per gli uomini, hanno steso i vestiti delle donne da una parte all’altra delle strade. I panni avvolgenti, conosciuti come “longyi”, sono appesi alle corde del bucato. A volte viene usata anche la biancheria intima delle donne. La tattica ha indotto la polizia e i soldati a deviare per evitare gli indumenti, dando ai manifestanti un margine di fuga.

Blocco di pupazzi di neve contro il cambiamento climatico

A Oslo, in Norvegia, gli attivisti per il clima hanno usato dei pupazzi di neve per assediare il Ministero della Giustizia, per protestare contro le pesanti multe date per le azioni di disobbedienza civile. Gli stessi pupazzi di neve non potevano essere multati. Non potevano nemmeno essere arrestati. La colonna sonora del successo Disney, Frozen, ha suonato durante la loro protesta (il loro blocco). L’inventiva mantiene i nostri movimenti nonviolenti agili, efficaci e strategici

Il corpo di ballo del Kirghizistan fa uno sciopero

Hanno fatto uno sciopero o hanno ballato? In ogni caso, le ballerine del Kirghizistan stanno protestando per i loro salari bassi. Poiché le produzioni che coinvolgono le star russe portano molti soldi, hanno scelto di agire durante la visita dei loro colleghi russi meglio pagati. Le ballerine locali non guadagnano nulla durante questi eventi. Opponendosi all’ingiustizia di questa struttura salariale, il corpo di ballo del Kirghizistan ha intrapreso un’azione drammatica per far valere le proprie ragioni (anche se non “sulle punte” come nel balletto classico).

Case sugli alberi per proteggere le foreste

Il movimento di occupazione delle foreste in Germania è diventato grande e grosso (ampio). Le persone stanno prendendo residenza nelle foreste, spesso in case sugli alberi, per fermare l’estrazione della lignite, le autostrade, l’estrazione della ghiaia, i parcheggi, le cave di calce e le fabbriche di caramelle. Quindi, la prossima volta che i bambini vogliono costruire una casa sull’albero nel cortile di casa, allenali a resistere alla distruzione della foresta mentre lo fanno.

60 protettori dell’aringa si oppongono alla pesca eccessiva

Avete sentito parlare dei Protettori dell’Acqua… ma avete sentito parlare dei Protettori dell’Aringa? Un gruppo di attivisti dell’Alaska chiamato “Herring Protectors” ha manifestato contro il piano sconsiderato del “Department of Fish and Game” per la pesca eccessiva durante la prossima stagione di pesca commerciale delle aringhe. Il gruppo difende la sopravvivenza dei pescatori di aringhe e mette in discussione la gestione statale della pesca commerciale dell’aringa. Pensano che ci sia qualcosa di viscido nel piano.

Il gioco di ruolo senza colonizzazione dell’isola di Turtle

Dimenticate Dungeons and Dragons. Il gioco di ruolo che sta facendo parlare di sé è quello che immagina un futuro su Turtle Island (Nord America) senza colonizzazione. Si tratta di una campagna di crowdfunding che ha raccolto 10 volte il suo obiettivo. Nel re-immaginare il futuro, offre alla resistenza culturale Indigena qualcosa di simile a ciò che l’Afro-Futurismo ha offerto alle lotte nere. È un’idea il cui tempo non solo è arrivato, ma è atteso da tempo.

Camden Future Journal immagina un futuro climatico

Il giornale locale di Camden, Regno Unito, si chiama Camden New Journal. Recentemente, il gruppo di transizione climatica della zona li ha convinti a pubblicare con un nome diverso per un’edizione molto speciale: un numero dal futuro. Il Camden Future Journal arrivava (riportava del) dal 2040 – dopo una transizione climatica di successo – e includeva notizie di miglioramenti di piste ciclabili, giardini comunitari, investimenti in energia solare e molto altro. La nonviolenza è anche immaginare il mondo che verrà… e poi (costruirlo dal guscio) e costruirlo modificando l’”involucro” vecchio mondo.


Dai salti temporali al futurismo, queste storie mostrano l’incredibile versatilità della nonviolenza. È fantasioso e stupefacente allo stesso tempo. Questi sono solo alcuni delle centinaia di esempi. Forse le tue azioni saranno le prossime a contribuire a questo incredibile processo. Mentre cerchiamo di costruire una cultura della nonviolenza attiva, la nostra creatività è il nostro superpotere. Siate creativi. E anche attivi. Siate la prossima storia inventiva – e fantastica – che aspetta solo di accadere.

Queste storie sono state raccolte dallacarrellata settimanale di Nonviolence News per Pace e Bene/Campagna Nonviolenza. Potete trovarle insieme a centinaia di altre su NonviolenceNews.org.


Rivera Sun

Rivera Sun è editor di Nonviolence News, autrice di The Dandelion Insurrection e altri romanzi e formatrice a livello nazionale in strategia per i movimenti nonviolenti.


Fonte: 13 storie di inventiva nonviolenta. La creatività è il nostro superpotere, Waging Nonviolence, Campaign Nonviolence, 21 aprile 2021

Traduzione di Giulio Pastore per il Centro Studi Sereno Regis


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.