Violenza della polizia e proteste “pacifiche”

Autrice
Maria J. Stephan


Violenza della polizia e proteste "pacifiche"
Foto di Joseph Ngabo | unsplash

Violenza della polizia e proteste “pacifiche”: come Martin Luther King Jr. ha predicato, dobbiamo rifiutare una pace che privilegi la calma rispetto alla giustizia – e lavorare invece per costruire una pace positiva.


Nel suo sermone del marzo 1956 When Peace Becomes Obnoxious, Martin Luther King, Jr. rispose a un titolo di un giornale locale dell’Alabama che recitava: “Le cose sono tranquille a Tuscaloosa oggi. C’è pace nel campus dell’Università dell’Alabama”.

Il titolo si riferiva al giorno dopo che l’università aveva espulso il suo primo studente nero, Autherine Lucy. Da quando aveva messo piede nel campus giorni prima, Lucy era diventata il bersaglio di una folla bianca, che l’aveva attaccata e aveva iniziato una rivolta. Volendo ristabilire la cosiddetta pace, l’università ha risposto alla violenza facendo andare via Lucy.

Rosa Parks, Eleanor Roosevelt, and Mrs. H.C. Foster (Autherine Lucy), prima di una manifestazione per i diritti civili al Madison Square Garden, New York City | Fonte: Biblioteca del Congresso

Mentre pronunciava il sermone appena un giorno prima del suo processo per aver violato la legge anti-boicottaggio dell’Alabama, King definì l’idea di pace del giornale “una pace odiosa”. Disse:

“È il tipo di pace che puzza nelle narici di Dio onnipotente”.

“Se la pace significa accettare la cittadinanza di seconda classe, io non la voglio”.

[…] “Se la pace significa tenere la bocca chiusa in mezzo all’ingiustizia e al male, non la voglio”.

“Se la pace significa adattarsi con compiacenza a uno status quo mortificante, non voglio la pace”.

[…] “Se la pace significa la volontà di essere sfruttati economicamente, dominati politicamente, umiliati e segregati, io non voglio la pace”.

King ha chiesto una rivolta nonviolenta contro il tipo di pace negativa che privilegia la calma e la tranquillità rispetto alla giustizia e alla dignità umana, esponendo una visione di una “pace positiva” fondata sul rispetto dei diritti fondamentali, delle libertà e della dignità di tutte le persone.

Ho pensato molto a questo sermone ultimamente e sono stato grato quando Kazu Haga, formatore di nonviolenza e autore di Healing Resistance, lo ha segnalato durante una recente presentazione del libro.

Eccoci qui, nel mezzo del processo a Derek Chauvin – l’agente di polizia di Minneapolis accusato di aver ucciso George Floyd dopo essersi inginocchiato sul suo collo per nove minuti – e un altro nero viene ucciso dalla polizia a 10 miglia dalla città. Quest’uomo, Daunte Wright, ventenne padre di un giovane figlio, è morto dopo essere stato colpito alla schiena dalla poliziotta Kim Potter durante un controllo a un posto di blocco. Mentre i manifestanti infuriati e traumatizzati sono scesi in strada a Brooklyn Center, Minneapolis e altre città del paese, i funzionari di polizia e i politici hanno esortato la gente a rimanere calma e a mantenere le loro proteste “pacifiche”.

Onestamente, sono stanca di questo “pacifico”. Suona odioso e privo di tono quando il razzismo istituzionalizzato continua a garantire un trattamento disumano dei neri in questo paese. Ricordiamoci che i nazisti si sono rivolti agli Stati Uniti per idee e ispirazione. Come scrive Isabel Wilkerson in Casta, hanno trovato parti delle leggi Jim Crow troppo estreme persino per loro da attuare. Siamo in ritardo per una trasformazione fondamentale della cultura, delle politiche e delle istituzioni che sostengono la tirannia della supremazia bianca in questo paese. Questa tirannia è fondata sulla violenza, le cui logiche sono la disumanizzazione, la dominazione e l’oppressione.

Il cambiamento del sistema richiede cambiamenti di atteggiamento, di comportamento e di potere, il che va ben oltre le proteste “pacifiche”. Cambiare gli atteggiamenti richiede dialogo, ascolto, e lo sviluppo di una comprensione più profonda del perché le persone e le istituzioni rimangono neutrali o si oppongono agli sforzi per smantellare il razzismo istituzionalizzato. L’ascolto e la raccolta di informazioni sono la chiave per plasmare strategie, tattiche e messaggi che si rivolgono al pubblico oltre la base. Cambiare gli atteggiamenti richiede di richiamare le persone tanto quanto di chiamarle fuori e riconoscere che la responsabilità individuale è solo una parte dell’affrontare il razzismo sistemico e la supremazia bianca. Per ogni Derek Chauvin e Kim Potter, c’è un’istituzione di polizia che privilegia approcci militarizzati e continua a riflettere una cultura che dà meno valore alle vite dei neri che a quelle dei bianchi.

Gli spostamenti di potere richiedono un gran numero di persone all’interno dei diversi pilastri che sostengono il razzismo per smettere di cooperare con quel sistema.

L’organizzatore e formatore Daniel Hunter ha scritto un’intera guida sulla costruzione di un movimento per “porre fine al nuovo Jim Crow“. Questo significa boicottare e disinvestire dalle imprese e dalle istituzioni che sostengono o permettono politiche e sistemi razzisti. Questo include sostenere i candidati politici che approvano la repressione degli elettori. Significa sostenere i sindacati e coloro che scioperano per negare il consenso alle imprese e alle istituzioni che mettono il profitto davanti alla basilare dignità umana. Infine, significa affermare e mostrare sostegno (boicottaggi inversi) per quegli individui, aziende e istituzioni che investono in equità e disinvestono dal razzismo.

Dopo un altro periodo di violenza brutale negli Stati Uniti, che include un’ondata di omicidi di massa da parte di giovani armati di armi d’assalto e l’attesa del verdetto del processo Chauvin, è difficile vedere la luce della speranza. Ma la trasformazione è sul tavolo per molte delle sfide che affrontiamo – compresa la polizia, dove non si può tornare indietro. I dipartimenti di polizia di tutto il paese probabilmente lo sanno, e alcuni potrebbero anche essere insospettabili alleati nello sforzo di smilitarizzazione e di trasformazione. Traiamo ispirazione dall’esortazione di King di rifiutare una pace odiosa e costruire una pace positiva il cui fondamento è la giustizia.


Maria J. Stephan

Maria J. Stephan è co-autrice di Why Civil Resistance Works. The Strategic Logic of Nonviolent Conflict, Bolstering Democracy. Lessons Learned and the Path Forward e Is Authoritarianism Staging a Comeback?. Seguitela su Twitter @MariaJStephan.


Fonte: Waging Noviolence, 19 aprile 2021

Traduzione a cura della redazione


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.