Intervento nonviolento e George Floyd

Autore
Timothy Braatz


Intervento nonviolento e George Floyd
Photo by Jéan Béller on Unsplash

Un intervento nonviolento avrebbe potuto salvare la vita di George Floyd? Le prove del processo in corso all’ex poliziotto di Minneapolis Derek Chauvin suggeriscono che sarebbe stato possibile.

Quel terribile giorno – il 25 maggio 2020 – mentre Chauvin si inginocchiava sul collo di Floyd, e due agenti novellini bloccavano le gambe di Floyd, diversi spettatori si preoccuparono. Floyd era ammanettato e con la faccia a terra. Lo sentirono chiedere aiuto, gemere in agonia e dire più e più volte: “Per favore, non riesco a respirare!

Un uomo di nome Donald Williams cercò di far vergognare Chauvin, chiamandolo “barbone” e, sarcasticamente, un “duro” e un “vero uomo”. Rendendosi conto che la situazione era diventata critica, Williams passò alla supplica, dicendo “Non sta resistendo” e “Gli stai impedendo di respirare, amico” e “Puoi farlo alzare da terra” e “È umano”.

“Lasciatelo respirare, almeno”, implorò un altro uomo.

Chauvin premette il suo ginocchio più a fondo nel collo di Floyd, come per mostrare che non avrebbe tollerato alcuna critica, come per dire: “Vedi cosa posso fare”. Almeno quattro testimoni notarono questa azione dispettosa, tra cui Williams, che disse a Chauvin: “Questo è falso” e “Questa è roba da barboni” e “Ti stai godendo questa merda”.


Intervento nonviolento e George Floyd
Chauvin si inginocchiò sul collo di Floyd per 9 minuti, uccidendolo sul posto. Fate attenzione al suo atteggiamento.
Intervento nonviolento e George Floyd
Chauvin, 3 ex-poliziotti accusati della morte di Floyd compariranno in tribunale.

Quando qualcuno della dozzina di curiosi faceva un passo in strada verso Chauvin, un quarto ufficiale, Tou Thao, prendeva la sua bomboletta spray e ordinava loro di tornare sul marciapiede.

Quando Floyd smise di gridare, gli astanti si allarmarono ancora di più. Nessuno di loro conosceva l’uomo – questa era una profonda (e del tutto normale) empatia umana per uno sconosciuto in pericolo. Darnella Frazier, l’adolescente che ha registrato l’incidente sul suo telefono, ha chiesto: “Per quanto tempo dovete tenerlo fermo? Lei e molti altri hanno gridato: “Lasciatelo stare!”.

Una vigile del fuoco fuori servizio di nome Genevieve Hansen ha chiesto ripetutamente agli agenti di controllare il polso di Floyd.

“Non si muove nemmeno”, gridò ripetutamente Williams. “In questo momento non reagisce, fratello”.

Le grida, le suppliche e i cellulari con telecamera non hanno funzionato. Thao era preoccupato solo del “controllo della folla”. Chauvin era intrattabile, le mani in tasca, il viso senza emozioni, non rispondeva a nessuno. Ha premuto il suo ginocchio nel collo della sua vittima, limitando il flusso di sangue e di ossigeno, per quasi dieci minuti. Ha mollato solo dopo che un paramedico è arrivato per portare via il cadavere di George Floyd.

Interrogati dai procuratori, Williams, Hansen, Frazier e un’altra adolescente, Alyssa Funari, hanno tutti detto in lacrime che avrebbero voluto fare di più ma si sono sentiti minacciati da Chauvin e Thao.

“Ero controllata sul marciapiede”, ha testimoniato Williams. “Ho fatto il possibile”.

Hansen ha ricordato che si sentiva “totalmente angosciata” ed era “disperata per non poter aiutare”.

“Non ci lasciavano nemmeno avvicinare”, ha detto Frazier. “Sono stati veloci a tirare fuori lo spray al peperoncino. E tutti noi ci siamo tirati indietro”. Le sono rimasti il rimpianto e il senso di colpa. “Sono state notti in cui sono rimasta sveglia a scusarmi e a chiedere scusa a George Floyd per non aver fatto di più e non aver interagito fisicamente e non avergli salvato la vita”.

Funari ha ricordato di essersi sentita come se stesse “fallendo”. “Tecnicamente avrei potuto fare qualcosa”, ha testimoniato, “ma non potevo davvero fare fisicamente quello che volevo perché un potere più alto era lì”. Per “potere supremo”, intendeva l’autorità della polizia.

Cos’altro avrebbero potuto fare?

Interposizione nonviolenta di terzi significa porre il proprio corpo tra le parti in conflitto per dissuaderle dal farsi del male a vicenda. Chi interviene in modo nonviolento deve essere disposto a subire un danno, ma non vuole causare danni a nessun altro. Questo richiede una grande compassione, che letteralmente significa “soffrire con”. Richiede anche coraggio fisico.

Donald Williams ha un grande coraggio fisico. Lavora come buttafuori e gareggia nelle arti marziali miste. Come uno dei primi osservatori sulla scena, Williams avrebbe potuto passare oltre Thao e sdraiarsi a terra accanto a Floyd. “So che sei arrabbiato, agente”, avrebbe potuto dire. “Metti il tuo ginocchio sul mio collo, invece”.

Genevieve Hansen ha un grande coraggio fisico e fiducia nella sua professionalità. Come vigile del fuoco entra negli edifici in fiamme. Arrivando dall’altra parte della strada, si è avvicinata con calma a Chauvin e Thao senza che se ne accorgessero. In quel momento, ha avuto la possibilità di sdraiarsi accanto a Floyd, controllare il suo polso, forse far scivolare il suo corpo sotto la coscia di Chauvin. “L’ho preso”, avrebbe potuto dire con calma a Chauvin, “ora puoi lasciarlo andare”.

Tali azioni nonviolente di Williams e/o Hansen avrebbero potuto ispirare le tre ragazze adolescenti – che volevano intervenire ma si sentivano bloccate – a unirsi a loro sul terreno accanto a Floyd.

Che cosa avrebbe ottenuto tale compassione? Come può l’interposizione nonviolenta ridurre la violenza?

In primo luogo, le parti in conflitto possono vedere chi interviene come innocente, non nemico, non meritevole di danno. Potrebbero fermare le loro azioni violente semplicemente perché chi interviene è in mezzo ai piedi.

Secondo, l’interposizione nonviolenta riumanizza. Chi interviene in modo nonviolento dimostra l’umanità nella vittima cercando di aiutare, e riconosce l’umanità nel violento rifiutando di usare la violenza contro di lui. Inconsciamente, il violento potrebbe rendersi conto: “Wow, se lei è disposta a soffrire per aiutare il mio nemico, forse il mio nemico è umano dopo tutto”.

In terzo luogo, l’intervento nonviolento può portare energia di calma in una situazione ostile. Una persona che emana una presenza amorevole e senza paura può ridurre la dinamica della paura in modi che non possono essere misurati. Chi interviene in questo modo ha una certa autorità morale e un potere di integrazione, ed è probabile che altri seguano il suo esempio.

Chauvin e Thao probabilmente non si sarebbero preoccupati del benessere di chi interviene da “innocente”. Gli agenti di polizia sono pronti a interpretare l’intervento civile come “ostruzione alla giustizia” e una minaccia alla sicurezza degli agenti. L’umanità di chi interviene in modo nonviolento probabilmente non sarebbe stata sufficiente per risvegliare e riumanizzare Chauvin, un uomo profondamente disumanizzato.

Ma una dimostrazione di compassione avrebbe potuto influenzare i due agenti sulle gambe di Floyd. Uno spostamento di energia, dalla paura all’amore, forse Hansen che metteva una mano gentile sulla spalla di Chauvin e parlava a bassa voce, avrebbe potuto essere sufficiente a farlo uscire dalla sua trance aggressivo-difensiva, a dare al suo ego una via d’uscita.

Se non altro, la combinazione di ostruzione nonviolenta, empatia e calma impavida avrebbe confuso e distratto Chauvin e Thao. Gli agenti inesperti avrebbero potuto sentirsi autorizzati a mettere in discussione le istruzioni di Chauvin. Nell’adattarsi alle nuove dinamiche, Chauvin potrebbe aver preso posizione, dando a Floyd una possibilità di vivere.

Non c’è garanzia che l’interposizione nonviolenta di terzi avrebbe salvato la vita di Floyd. Ma l’empatia e il desiderio c’erano: perché nessuno ci ha provato?

I presenti avevano paura di sfidare gli uomini armati e aggressivi che indossavano le uniformi dell’autorità dello stato. Ci sono conseguenze legali per chi interferisce con l’attività della polizia, e Williams era consapevole del pericolo in più per lui, maschio con la pelle scura. Infatti, i presenti a volte si sono trattenuti a vicenda, non volendo che qualcun altro si facesse male.

Ma queste persone premurose non sono da biasimare per l’inazione. Non sapevano cosa fare o come farlo.

Questa è una speculazione ma una scommessa sicura: i presenti non avevano un addestramento nonviolento. Non avevano studiato la storia e la scienza della nonviolenza. Non si erano impegnati in un gioco di ruolo nonviolento. Soprattutto, non avevano fatto il lavoro meditativo e contemplativo necessario per coltivare la calma interiore, aumentare l’empatia per tutti e diminuire la paura. (I lettori della Bibbia, o Gandhi, ricorderanno che “L’amore perfetto scaccia la paura”).

Se gli interventi ipotetici evidenziati sopra vi sembrano fantasiosi o ridicoli, potreste studiare la marcia dei bambini di Birmingham. Nel 1963, dopo un breve addestramento nonviolento, migliaia di scolari dell’Alabama resistettero ai cani poliziotto e ai lanciafiamme senza reagire o fuggire. I bambini festeggiarono in prigione; i poliziotti e i pompieri razzisti tornarono a casa scossi perché, come disse un ufficiale rispetto ai bambini, “La paura era sparita”.

Quando le lezioni di nonviolenza saranno standard nelle nostre scuole elementari e medie – e non solo in programmi specializzati in college e università proibitivamente costosi – gli Stati Uniti diventeranno un posto molto più sicuro e umano in cui vivere. Più persone capiranno il messaggio del leader cristiano dei diritti civili nonviolenti John Lewis:

“Non abbiate mai e poi mai paura di fare un po’ di rumore e mettervi nei guai, nei guai necessari”.


Timothy Braatz

Intervento nonviolento e George Floyd

Timothy Braatz è un drammaturgo, romanziere e professore di storia e nonviolenza al Saddleback College di Mission Viejo, California (www.saddleback.edu/tbraatz).  Il suo libro di saggistica più recente è Lezioni di pace. Le sue pubblicazioni includono Surviving Conquest: A History of the Yavapai Peoples; From Ghetto to Death Camp: A Memoir of Privilege and Luck; e Grisham’s Juror.


ANGLO AMERICA, 12 aprile 2021 | Timothy Braatz – TRANSCEND Media Service

Traduzione a cura della redazione


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.